"Quello strano oggetto del desiderio" definizione perfetta per il forno a microonde  da parte della figliola.
Nella lista dei regali,  risalente ai suoi 18 anni,  un posto era riservato proprio a questo elettrodomestico,  il motivo non me lo sono mai spiegato.
Da buona e brava madre non ho mai provveduto a realizzare questo sogno.
La sorte é stata benevola  nei suoi confronti  facendole trovare nel corredo della sua casa da universitaria un FORNO A MICROONDE  . Gioia immensa  e possibilitá di imparare qualcosa di nuovo,  anche per me.
Sono stati necessari tre anni di università per convincermi a fare questo passo e,  finalmente,  anche nella mia cucina ora c' è un forno a microonde,  rigorosamente color tiffany per farmi perdonare,  almeno un po',  dalla figliola.
Prima ricetta ( se si escludono  i popcorn)  provata,  con somma soddisfazione.
La ricetta originale  proviene da qui. 





Mug cake al cacao senza uova,  senza burro
Dose per una tazza

  • un cucchiaio di zucchero di canna 
  • 55 g farina 00
  • ⅓ di cucchiaio di lievito per dolci 
  • 1 cucchiaio di cacao amaro in polvere 
  • 1 cucchiaio di olio di semi 
  • 90 ml latte circa 5 cucchiai ( per me di nocciole) 
  • 1 cucchiaino di Nutella 
  • granella di zucchero per la finitura 
In una tazza ( mug)  della capacità di 270/300 ml , inserire tutte le polveri,  aggiungere olio e latte e mescolare bene fino ad ottenere un composto liscio,  né troppo denso,  né troppo liquido,  nel caso fosse troppo duro aggiungere altro latte.
Rimuovere un cucchiaio di impasto e tenere da parte,  inserire la Nutella,  coprire con l'impasto tenuto da parte,  cospargere di zucchero a granella. 
Cuocere nel forno a microonde  a 750w o alla temperatura massima,  per 2'.
Al termine fare la prova stecchino,  dovrà  risultare  asciutto,  ma morbido.

E questo é il bramato forno.



Anche io sono una frequentatrice dell'Ikea,  non in maniera esasperata,  diciamo quelle tre,  quattro  volte  l'anno e  come molti , provo i loro prodotti,  ma i biscotti all'avena non li ho ancora assaggiati.
Quando ho visto la ricetta su questo blog ho letto la lista degli ingredienti  e mi é venuta voglia di provarli.
La ricetta é semplicissima,  si può fare anche a mano,  non richiede riposo e in trenta minuti ( più  il tempo di raffreddamento ) si potranno gustare degli ottimi biscotti.
Il gusto é molto appagante,  ne ho mangiato quasi la metà  per cercare di capire e... non ho capito bene,  ma so che l'altra metà non durerà  a lungo.








BISCOTTI ALL' AVENA TIPO  IKEA
  • 70 g burro freddo
  • 50 g farina integrale
  • 60 g farina di avena 
  • 75 g zucchero di canna 
  • 1 cucchiaio  fiocchi di avena tostati ( io non tostati) 
  • 2 cucchiaini miele
  • 3 cucchiai latte di riso  (o latte vegetale)
  • sale
  • 2 g lievito  per dolci 
  • vaniglia 
Mescolare  tutti gli ingredienti  secchi,  aggiungere il burro a cubetti,  la vaniglia,  miele e latte e lavorare bene. 
Formare i biscotti,  intendo leggermente  le mani con olio di semi. 
Porre le palline su carta forno  e schiacciare leggermente,  si allargheranno un pochino in cottura.
Con questa quantità si otterranno 16/20 biscotti. 
Cottura a 175°C  per 10'/12'.
Far raffreddare  completamente prima di rimuovere  dalla teglia. 

Il sabato sera porta la voglia di fare  e la domenica mattina la voglia di sfogliare che poi siamo in estate e le temperature  non siano  proprio  ideali é un particolare .
La ricetta di queste  brioche viene dal sito  della Corman, la versione  originale prevedeva una farcia a base di crema al caffè , io ho utilizzato della marmellata di arance  e mezza dose l'ho realizzata come cornetti,  il risultato  ha soddisfatto  tutti.
Nota
Nel realizzare l'autolisi,  come da ricetta,  ho ottenuto un risultato poco idratato che,  nel prosieguo  della ricetta,  mi ha creato un impasto leggermente  granuloso.
Ho terminato la lavorazione a mano sulla tavola,  cercando di ottenere un composto liscio,  dopo il riposo di una notte in frigo le granulositá sono quasi sparite, con la sfogliatura si eliminano del tutto.
Proverò a fare l'autolisi con meno farina e ad aggiungere il resto insieme al lievito.
Considerato che il risultato è quello in foto posso,  comunque,  ritenermi soddisfatta.



Danesi e cornetti sfogliati 
Dose per 12 pezzi 
Autolisi

  • 80 g latte 
  • 50 g tuorli 
  • 250 g farina 13% proteine
Impastare per un minuto, coprire con un telo e far riposare 45'.

Impasto
  • Tutto il composto in autolisi 
  • 10 g lievito di birra 
  • 45 g zucchero semolato 
  • 6 g zucchero invertito 
  • 5 g sale 
  • 1/2 bacca di vaniglia 
  • 75 g burro morbido 
Per sfogliare 
  • 125 g burro steso in una placca e conservato in frigo  fino al momento di utilizzarlo 
Nella ciotola con il composto in autolisi aggiungere il lievito sbriciolato, impastare con la foglia per 7'/8'.
Inserire gli zuccheri e poi il sale,  in ultimo il burro  a fiocchetti  miscelato con la vaniglia. 
Lavorare fino ad ottenere un composto omogeneo,  terminare  con il gancio. 
Volendo potete finire la lavorazione a mano su un piano in legno,  fino ad avere un impasto ben amalgamato. 
Lasciare puntare 30'/60' a temperatura ambiente  , una volta avviata la fermentazione  coprire e riporre in frigo per una notte. 
Il giorno successivo rimuovere dal frigo,  far ambientare per una mezz'ora,  appiattire su un piano di lavoro  leggermente  infarinato,  incassare  il burro  e dare 3 pieghe a 3, con un riposo in freezer  per 15' tra una piega e l'altra.
Dopo l'ultimo riposo stendere a 2,5 mm  di spessore. 
Ritagliare dei quadrati di 10X 10 cm per le danesi e porre in stampo da muffin  di 8 cm di diametro,  versare un cucchiaino di marmellata nel centro,  facendo  sborsare i quattro angoli. 
Volendo ritagliare il resto dell'impasto  a triangoli  e procedere come per i cornetti. 
Porre su carta forno,  coprire con pellicola e far lievitare a 27°C,  al raddoppio  cuocere a 175°C  per 18' circa,  controllare che non scuriscano troppo.



Una tortina,  versione mini per chi é goloso , ma senza esagerare.
La ricetta originale  é di Marco Bianchi io vi lascio la mia versione ,perfetta per una tortina di 14 /15 cm, se preferite  dosi  normali per una torta da 22 cm,   moltiplicare  per tre.




Torta agli amaretti 
Dose per una tortina di 15 cm

  • 100 g farina tipo 1 ( per me farina 00 )
  • 10 g maizena 
  • 10 g zucchero di canna 
  • 20 g + 7 g amaretti
  • 7 g cocco rapè
  • 7 g mandorle a filetti 
  • 100 ml latte  ( per me di mandorle)
  • 27 g olio di semi 
  • 5 g lievito per dolci 
In una ciotola  mescolare le polveri,  unire i 20 g di amaretti  sbriciolati,  inserire il latte e l'olio.
Mescolare bene. 
Versare in una teglia con cartaforno,  decorare la superficie  con gli amaretti avanzati,  sbriciolati  grossolanamente,  e i filetti di mandorle. 
Cottura a 180°C  per 30'.


I tempi sono maturi per ricominciare a sfornare torte di mele, da troppo tempo mancano di questo blog e vederne alcune in giro mi ha fatto tornare la voglia.
Naturalmente  una ricetta tutta nuova liberamente ispirata da quella vista qui .
Sono riuscita,  in un colpo solo,  a  rompere 8 uova contemporaneamente,  per forza di cose ho dovuto utilizzare dolo gli albumi  ( che questi  non  mancano mai),  poi ho preferito utilizzare la cannella invece della curcuma.
Ne viene fuori una torta di mele  semplice,  sufficientemente  soffice,  assolutamente  da non omettere la confettura di albicocche dopo la cottura.




Torta di mele semplicissima  solo albumi e senza burro 
Dose per uno stampo da 20 cm di diametro 

  • 65 g albumi 
  • 90 g zucchero di canna 
  • 200 g polpa di mela senza zuccheri aggiunti 
  • 50 ml olio di semi 
  • 1 cucchiaino  cannella in polvere 
  • 200 g farina 00
  • 50 g amido di mais  ( maizena  )
  • 8 g lievito per dolci 
  • 1 mela
  • Confettura di albicocche per la finitura 
Montare gli albumi con lo zucchero. 
Unire  la polpa di mela, l' olio  e la cannella. 
Inserire le farine setacciate con il lievito. 
Sbucciare e affettare la mela. 
Versare il composto in uno stampo al silicone,  disporre  le fette di mele e cuocere in forno preriscaldato  a 180°C per 50' circa. 
Fare la prova stecchino. 
Sfornare. 
In un pentolino  piede tre cucchiai di composta di albicocche e due cucchiai  di acqua,  porre sul fuoco e scaldare,  fin quasi al bollore. 
Utilizzare per spennellare  abbondantemente  tutta la superficie della torta. 
La voglia di piatti strani è sempre  dietro l'angolo  e io la assecondo  volentieri,  soprattutto  quando ho scorte da smaltire,  acquistate senza sapere realmente  cosa farne.
Ho cercato in rete e ho trovato degli ottimi suggerimenti sul sito de La Cucina Italiana .
La ricetta é  semplicissima  nell' esecuzione,  occorre solo lessare i noodles, la presenza del lime,  del cipollotto e del limone alleggeriscono il gusto del burro di arachidi.



Noodles al burro di arachidi  e lime
Dose per due persone

  • 150 g noodles 
  • 3 cucchiai di burro di arachidi 
  • 1 + ½ salsa di soia 
  • 3 / 4 cucchiai acqua calda 
  • 2 cucchiai succo di lime
  • scorza grattugiata di  un limone bio
  • erba cipollina 
  • cipollotto fresco 
Lessare i noodles  come previsto. 
Nel frattempo,  in una  ciotola adatta a contenere i noodles,  mescolare il burro di arachidi,  stemperandolo con l'acqua calda,  aggiungere  la salsa di soia,  il succo di lime  e la scorza di limone. 
Scolare i noodles,  versarli nel condimento,  mescolare,  se occorre  aggiungere qualche cucchiaio di acqua calda,  terminare  con il cipollotto a fettine e l'erba cipollina. 
Tra i vari quadernini dedicati a ricette specifiche,  tipo lievitati,  biscotti,  torte e dolci per la trattoria, ne ho uno per le ricette vegan,  vegetariane,  fit . 
Quando  poi iniziano ad essere tante,  a me viene la voglia di combinare le varie preparazioni,  magari modificando qualcosa e trasformandola in qualcos'altro.
Al di là della naturale diffidenza  verso i dolci senza,  devo ammettere che questa farcia merita un posto d' onore,  sia nella versione torta che nella versione monoporzione, non farà  rimpiangere l'assenza di uova , panna e zucchero.
Per la base mi sono ispirata ad una ricetta vista qui, per la farcia invece qui .







Torta vegetariana  al cioccolato
Dose per una torta da 22 cm e 4 monoporzioni da 50 ml.

Base

  • 200 g muesli integrale con frutta secca ( lo compro  al Lidl)  oppure  fiocchi  d' avena
  • 100 g miele liquido
  • 66 g purea di mela senza zuccheri  aggiunti
  • cannella 
  • sale
Tritare il muesli in un robot,  aggiungere  il miele,  la purea,  cannella e il sale. 
Versare nello stampo scelto,  per me al silicone così non ho dovuto ungere lo stampo. 
Pressare bene sulla base e sui bordi. 
Cuocere in forno  preriscaldato a 170°C' per 12' \ 15'.
Far raffreddare. 

Farcia
  • 170 g cioccolato fondente al 55% e 90 %
  • ½ cucchiaio di olio di semi di girasole 
  • 480 g latte di mandorle
  • 200 g datteri e  qualche albicocca secca
  • 2 g agar agar 
  • poco latte di mandorle  per sciogliere  l'agar agar
Frullare latte,  datteri e albicocche.
Fondere i cioccolato a bagnomaria,  unire l'olio di semi e mescolare bene. 
Versare nel frullatore e frullare ancora. 
Portare a bollore poco latte con l' agar,  mescolare e proseguire dal bollore per un minuto. 
Versare nel frullatore. 
Riempire il guscio fino al bordo,  volendo aggiungere delle gocce di cioccolato,  far intiepidire  e poi porre in frigo per una notte o circa 8 ore. 

La farcia che avanzerà  potrà  essere versata in stampini monouso,  cosparsa con crumble al cioccolato  e posto in freezer,  sformare da congelati,  decorare con frutta a piacere o piccole  frolle. 
Template by pipdig