lunedì 22 agosto 2011

Composta di mirabelle e rum

La mia collega Alba, lei, quella che mi porta sempre i fiori di zucca tutte le mattine, mi ha invitata a raccogliere delle piccole prugne selvatiche che crescono spontaneamente in un pezzetto di campagna incolta di sua proprietà e proprio qualche giorno fa ho scoperto essere delle prugne mirabelle dette anche ciliegia susina o goccia d'oro.




Naturalmente ho accettato l'invito molto volentieri e armata di buste e con figlio piccolo al seguito, sono passata a prenderla.
Da casa sua ci siamo recati in questa piccola campagna che lei ha definito "la foresta"...e poi ne ho compreso il motivo.

Per me che NON sono cresciuta in campagna e ho visto la mia prima mucca in una stalla a 10 anni,
qualunque cosa che sia campagna ha un'aura romantica.

Immagino sempre donne con cestini di vimini al braccio che raccolgono soavemente frutti maturi o fiori profumati...questo nei film che mi faccio nella mia testa.
Nella realtà, la "foresta" era davvero una foresta.
Abbiamo dovuto aprirci un varco tra le sterpaglie, così alte che quasi ho desiderato avere a portata di mano un machete!!
Soprattutto quando mi sono resa conto che superavano in altezza il piccolo che mi trotterellava dietro!

E quando abbiamo raggiunto il primo albero di prugne la difficoltà non è stato raccoglierle, ma evitare che si staccassero e cadessero prima di afferrarle!!

Al termine  ci siamo accorte che lateralmente c'era un bel vialetto battuto che ci avrebbe evitato comodamente l'esplorazione ^___^

Comunque il raccolto è stato abbondante , così come lo è stato un'altra cosa...la mattina successiva avevo uno strano prurito sugli stinchi e quando sono andata a guardare ho trovato le gambe "ricamate" da più di venti punture per parte!!!
....ancora mi sto grattando!!!

...come ho utilizzato le prugne??? In una composta, naturalmente!
Ma per renderla un pò diversa ho aggiunto un tocco alcolico.



Composta di mirabelle e rum

  • 1 kg di susine della qualità mirabella,pulite e snocciolate
  • 500 gr zucchero
  • 4 cucchiai di rum bianco
  •  busta di fruttapec  2 : 1

Tagliare a pezzetti le prugne snocciolate e metterle in una pentola alta.

Mescolare lo zucchero con la pectina e aggiungere a freddo alla frutta e portare a ebollizione.

Far bollire 3 minuti a fuoco vivace, sempre mescolando.

Togliere la pentola dal fuoco e aggiungere il rum.

Versare la composta fluida ancora bollente in vasetti sterilizzati e chiudere ermeticamente, capovolgere e lasciar raffreddare.

Note
I puristi storceranno il naso di fronte all'utilizzo della pectina, ma io ho notato una differenza, oltre che nella brevità della cottura, anche nel sapore, difatti la marmellata tradizionale personalmente mi sembra sempre che sappia un pò troppo di frutta cotta,  mentre, in questo modo, il sapore è quello della frutta utilizzata e il colore resta vivo, oltre al fatto che si riesce a diminuire la quantità di zucchero, il che non guasta mai!!


Con questa ricetta partecipo al contest di Cucinare, la mia passione


 

Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

21 commenti:

  1. Un sogno poter raccogliere la frutta per poi confezionare a casa una confettura così. Zanzare a parte!
    Ritengo ottimo l'utilizzo della pectina, che poi non è altro! Riduce notevolmente i tempi di cottura che prolungati abbasserebbero le proprietà della frutta e ci permette di ottenere una buonissima conserva velocemente.
    Approvato anche il rum che conferisce un aroma particolare!
    E' valsa la pena l'escursione nella foresta con tanto di bestie fameliche!

    RispondiElimina
  2. Ciao Loredana,
    sono appena rientrata e mi sono aggiornata con le tue ricette, che dire....complimentissimi!!!! Questa composta dev'essere veramente buonissima!
    Un bacione

    RispondiElimina
  3. Completamente d'accordo con te,con le cotture brevi si riesce a conservare tutto il profumo della frutta fresca, quindi che pectina sia! Certo la prossima volta ci vorranno stivali e coltello :)

    RispondiElimina
  4. sono le mie prugne preferite, non le conoscevo come "mirabelle"...in questa composta devono essere delizose, anche per il tocco del rum!!! ;)

    RispondiElimina
  5. Per me invece, che in campagna ci sono cresciuta, è stato ritornare all'infanzia! :)
    Immagino il profumo della tua composta...e sogno! :))

    RispondiElimina
  6. wow loredana che meraviglia questa tua composta

    RispondiElimina
  7. ciao, bellissima questa tua composta, ti seguo anche io..

    RispondiElimina
  8. Anche per me che non sono cresciuta in campagna, tutto ciò che le ruota intorno ha un'aura romantica.
    Buone quella tipologia di susine, come sarà la tua confettura.

    RispondiElimina
  9. Ma che bellezza!!! Sei troppo forte Lory...mi immagino nel vederti " combattere " con le sterpaglie per raggiungere al tuo tesoro! E che tesoro!!!Magnifica...vuoi il mio indrizzo per mandarmene un vasetto ??? :-D Baci baci e ancora baci ;-)

    RispondiElimina
  10. Ciao Loredana! sono Lalu di Ricotta e miele, grazie mille per la tua visita! appena ho letto il tuo commento sono venuta subito a presentarmi e mi aggiungo ai tuoi sostenitori! baci!

    RispondiElimina
  11. Ottima la tua composta, complimenti!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  12. Mi hai portato indietro nel tempo!!! Che buona questa marmellata, e sopratutto di qualità! Buona settimana I cuochi di Lucullo

    RispondiElimina
  13. anche questa ricetta è bellissima :)

    RispondiElimina
  14. Uh povera x le 20 punture!!! Che prurito solo a pensarci! Meno male che il bottino è stato valido e il risultato ..eccellente! A presto!

    RispondiElimina
  15. Al rum? Che bella idea! Io devo ammettere di non aver mai utilizzato la pectina...quindi tu la consiglieresti? Mi sono unita ai tuoi lettori...ti aspetto sul mio spazio, se ti va! :-) ciao

    RispondiElimina
  16. une jolie compote bien délicieuse bravo
    bonne journée

    RispondiElimina
  17. deliziosa Loredana, perfetta per avere un raggio di sole questo inverno!!!!!

    RispondiElimina
  18. Splendida questa composta. Io non uso fruttapec, uso il metodo di Christine Ferber e mi trovo benissimo

    RispondiElimina
  19. E' una vera delizia, tesoro!!! I miei complimenti!

    RispondiElimina
  20. Ma sei tu che mi stupisci! Non credevo che ci fossero le mirabelle in Italia! Le ho assaggiate nel nord della Francia dove, proprio in questo periodo dovrebbe esserci la "fete de mirabelle" con tanto di elezione della "reine de mirabelle" e fuochi d'artificio. E' un frutto molto "fragile" quindi è quasi impossibile esportarlo e.. tu lo hai trovato qui! Sei un portento. Ps. Le marmellate mi piacciono proprio come le fai tu .. con poco zucchero e che sanno di frutta! Tieni da parte un vasetto anche per me? :-D

    RispondiElimina
  21. Mi piace la tua ricetta, la inserisco subito nel contest!
    Mi mandi tuo indirizzo x mail a p.ranfagni@hotmail.it così ti spedisco busta Fruttapec e poi t faccio qualche domanda x sondaggio, anonimo?
    Ciao e a presto
    Paola

    RispondiElimina

Lascia un tuo commento se ti fa piacere :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...