mercoledì 10 aprile 2013

Pane con lievito madre...quello perfetto!

Finalmente, finalmente ce l'ho fatta!
Ho già detto che in questo periodo il mio unico argomento di conversazione è il lievito madre a detta del maritino inizia ad essere anche il mio solo interlocutore...sarò grave?

Comunque ce l'ho fatta, prova che ti riprova ho trovato la ricetta giusta, spiegata bene e replicabile anche per me che sono un pò dura di comprendonio!!

In quasi due anni di vita del mio lievito non ero mai e dico mai riuscita  ad ottenere un pane così ben lievitato, con quei buchi  che quasi mi commuovono.
Tutte matte noi che bazzichiamo il lievito madre, c'è chi confidenzialmente l'ha anche battezzato, chi se lo coccola, chi gli parla, chi gli mostra fotografie per farlo addolcire e chi lo avvolge in coperte per tenerlo al calduccio.

Guai poi a posizionarlo in contenitori non idonei...si rischia il linciaggio, dal lievito stesso che ,dopo tutte queste attenzioni , non solo è in forze, ma inizia anche a chiedere le chiavi per uscire il sabato sera!

E' vero che richede una totale dedizione, però sa ricambiare e oggi, finalmente , posso dire  di essere soddisfatta del mio....????
Che dite se lo merita un nome? Ok, sono aperta a qualunque suggerimento.






Pane con lievito madre 
Ricetta presa da Comunità del Cibo Pasta madre


Per la biga , da preparare la sera prima
  • 100 gr lievito madre attivo
  • 100 gr manitoba
  • 100 gr acqua
 Far lievitare 12 ore.

Impasto del mattino
  • biga
  • 600 gr manitoba
  • 300 gr acqua 
  • 10 gr sale
  • 1 cucchiaino di malto d'orzo

Impastare tutto, valutando se occorre altra acqua, dipende molto dalla farina, valutare, io ho aggiunto 20 gr in più.

Porre in un contenitore unto e lasciar lievitare al caldo per un'ora, trascorso questo tempo dare delle pieghe ( per me di tipo 2) senza stringere troppo.

Ripetere per altre 2 volte.
Far lievitare fino al raddoppio coprendo con della pellicola e un canovaccio.


Preriscaldare il forno a 220°.
Inserire la placca e vaporizzare un pò di acqua alla base del forno, oppure porre un contenitore con un pò di acqua, per pochi minuti.
Dopo 20' abbassare la temperatura a 200°.
Cottura totale di 40'-45'.
Gli ultimi 10' aprire il forno a fessura.

Una volta cotto lasciar raffreddare in forno aperto, in posizione verticale.




Con questa ricetta partecipo al giveaway di Francy del blog La dolce vita

 
 E al contest di Claudia Carotina abbrustolita sul lievito madre




Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

53 commenti:

  1. TESORO,sembra uscito ora dal forno di un panettiere!!!complimenti!!!aspetto il link^^!!!

    RispondiElimina
  2. Ehhhhhhhhhh! Sospirone davanti a questi buchi meravigliosi e quella crosta che "croncha" dallo shermo! E' uno spettacolo e fai bene a gongolare ^_^ Un bacione, buona giornata

    P.S. io sono una delle "pazze" che col lievito ci parla e si coccola il barattolo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora dovrò venire a "ripetizioni" di accudimento lievito da te ! ;)

      Elimina
  3. ti è venuto magistrale veramente

    RispondiElimina
  4. infati l'interno sembra favoloso!!! non faccio passare molto e lo provo subito, al più presto, grazie inserisco!!

    RispondiElimina
  5. e' bellissimo Lory, e secondo me profuma anche di casa, di quei profumi che ti avvolgono...e che bella la crosta, quella non sono ancora riuscita ad averla come la vorrei...uffa!

    RispondiElimina
  6. Buonissimo!! Che ne dici di chiamarlo Pane-gruviera? :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi un nome che è un programma! ;)

      Elimina
  7. Per me era perfetto anche il precedente, ma devo dire che qui hai raggiunto dei risultati strepitosi! Sento già il pane scrocchiare fragrante sotto le dita e la mollica morbida e profumata! Sei un mito Lori!
    Un nome? Mmmm non mi viene in mente per ora, ma ci penserò! Marianna già ti ha consigliato il libro "La cucina dei desideri segreti", io te lo riconsiglio!! Mi vieni in mente sempre tu con il tuo lievito madre :P
    bacissimi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiaretta, quel libro è già nella lista, non lo conoscevo, ma mi fa piacere il suggerimento ;)

      Grazie per l'entusiasmo e comunque si, la crosta è bella scocchiante!!! :D

      Elimina
  8. ..fantastica questa pagnottona, ha certi occhietti così brillanti :))
    io il mio lievito lo chiamo Ciccio e, si, anche il mio procedimento è molto similie al tuo, a volte e solo per questioni di tempo mio, si prolunga l'ultima fase della lievitazione, ma comunque è sempre uno spettacolo tagliare un pane così!
    baciuzzi

    RispondiElimina
  9. Bè che dire, ovviamente ti riconsiglio il libro di cui ti parlavo ieri e poi questo pane ti è venuto splendido! Sembra il pane che fanno giù da me pieno di buchi e di un profumo inebriante!
    Per il nome io suggerirei "il pane della pazienza", per quanta ne hai avuta per farlo ^_^!
    Un bacione "fissatona" smack ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marianna ieri volevo scriverti per ringraziarti del suggerimento di lettura, annotato il titolo e pronta all'acquisto, visto che tra un pò avrò molto tempoo per leggere e poi...se parla di lievitati o di cucina è perfetto per me! ;)
      Bacioni a te<3

      Elimina
  10. emmmm allora non sono l'unica "strana" che parla e si coccola "gaietta" il mio LM :-D
    cara direi che il tuo pane è strepitoso, alveolatura perfetta crosta bella croccante, devi ritenerti fierissima del risultato e "tirartela" :-P
    Un abbraccio grande, Ros

    RispondiElimina
  11. Complimenti, se è buono quanto è bello in foto allora è davvero perfetto!

    Ciao
    Alessandra

    RispondiElimina
  12. A me sembra perfetto... Bravissima Loredana, un bacio

    RispondiElimina
  13. Finalmente, lo aspettavo!! che meraviglia, è perfetto, un pane stupendo!! bravissima Loredana! seguo anche io il blog della Comunità della Pasta Madre e trovo sempre tanti utili consigli.
    mi hai fatto troppo ridere nell'introduzione, è proprio vero, siamo matte ma che soddisfazioni!!
    Un nome per il tuo "bimbo"? Propongo "Alvi", per la fantastica alveolatura che ti fa ottenere!!! baci!!

    RispondiElimina
  14. vedi che avevo ragione io??
    è inutile che cerchi di consolarmi, io col pane sono una chiavica, figuriamoci fatto con il lievito madre.
    io non parlo più del mio "marco"... l'ho ucciso, ma se l'è cercata! mi ha fatto buttare talmente tanta roba che dalla disperazione sono tornata al mio fido cubetto.
    senti, parliamo di cose serie e di qualcosa che non sia il lievito madre (ahahahaha, povero maritino...): convalescenza de che? non farmi preoccupare lori....

    RispondiElimina
  15. Hai proprio ragione....è davvero perfetto!!!! Io non ho ancora provato a fare il pane....:(

    RispondiElimina
  16. queste sono soddisfazioni che solo noi food blogger possiamo capire veramente!!!complimenti...

    RispondiElimina
  17. Ed è davvero perfetto! Una meraviglia, bravissima!

    RispondiElimina
  18. bravissima Loredana! Io ho rivalutato molto la manitoba solo recentemente, davvero un ottimo risultato, puoi andarne fiera eccome!
    un bacione,
    Vale

    RispondiElimina
  19. acci, Lore, questo pane è perfetto! Hai un "signor lievito madre" (sul nome non ti saprei consigliare...) che ha fatto in pieno il suo dovere. Certo che, a dirla tutta, a me pare che sia stata tu, ad essere stata brava!!!
    Un abbraccio :)))

    RispondiElimina
  20. Ciao Lori, ma da quanto tempo non passavo da te? ho scoperto una serie di ricette con il lievito madre e altre cose deliziose... questo pane è davvero perfetto, sei stata bravissima. Come stai? io senza voce e un po' bollita, per fortuna siamo quasi al we. Sai che ho trovato alcuni tuoi commenti vecchi negli spam, non ero mai andata a vedere se ci fosse qualcosa, bisognerà che ogni tanto faccia un giro anche lì. Mi ha fatto piacere leggerli, anche a distanza. Ti abbraccio, spero di risentirti presto, bacio

    RispondiElimina
  21. Ma com'è bella Lory! Del resto cosa te lo dico a fare, le foto parlano chiaro:D
    Ti mando un bacio e a presto!

    RispondiElimina
  22. Direi che non hai bisogno di nessun suggerimento, è identico a quello dei panettieri, che brava, i tuoi innumerevoli tentativi hanno dato i loro frutti!!

    RispondiElimina
  23. Io ti confesso che l'ho battezzato e, siccome per me la madre è *femmina* l'ho battezzato VaLentina...
    Mi sa che non le è piaciuto perchè tutte le volte che ho panificato è risultato un po' acidino... ma, probabilmente è colpa mia che faccio qualche cosa che non va...
    Quindi ...l'ho *ibernata* in attesa di capirci meglio.
    Ora proverò a *disibernarla* perchè la tua ricetta mi piace e... mi fido delle tue esperienze.
    Se mi venisse un pane anche con solo la metà delle tue occhiature... beh non ci sarà bisogno di scriverlo gli urli di gioia li sentirai anche lì!!!
    Buona giornata
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come Nora...dai riprova e riprova e riprova ancora, forse la tua vaLentina vuole solo un pò di dolcezza! ;)

      Elimina
  24. fantastico tesoro ti è venuto da applauso!!!!!!!!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  25. è così bello, ma così bello, ma così bello...che non voglio pensare a quanto è buono perchè sono invidiosa!!!!!!!!

    RispondiElimina
  26. o tanto rispetto del lievito madre che non ho ancora provato a farlo,ho paura di diventare
    un'assassina...non avendo il tempo per dedicargli le cure dovute
    complimenti per il pane e per la pazienza nel perseverare
    buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura, prima o poi dovrai provarci, vedrai che soddisfazione ;)

      Elimina
  27. concordo, perfetto!! un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  28. Ciao Loredana, ti ho risposto anche di la ma copio qui in per conoscenza. La scuola di spagnolo aveva organizzato una visita guidata al teatro dove ci hanno detto di arrivare alle 4 perché poi chiudevano per l'evento 'privato' (a quanto pare Chris è amico dell'ambasciatore dell' Uruguay negli US) ma abbiamo visto tutti i preparativi, e dove si sarebbe seduto... ma poi ci hanno mandati via :-(. Comunque, io non ero troppo interessata, pensa che ho visto il film solo in aereo!

    RispondiElimina
  29. cara Loredana, come stai? Io sono parecchio indaffarata, volevo scriverti, ma non ho fatto in tempo (guarda a che ora mi riduco a guardare il tuo blog!). La tua "creatura" è fantastica, io lo chiamerei pain merveille, perchè è praticamente stupendo! Quando vai a Bologna? Il mese prossimo se non ricordo male, se così fosse perdonami sono veramente colma di cose da fare e ricordare, ma, sappi, che ti penso, un abbraccio Helga

    RispondiElimina
  30. ciao! ho letto il tuo commento nella comunità del cibo pasta madre e sono risalita al tuo bel blog!! io sono Stefi, quella della ricetta che del pane in questione e sono stra-felice che l'hai provato con così tanto successo!! grazie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefi, grazie a te e alla tua ricetta, è diventato davvero il pane quotidiano di casa mia! :)

      Elimina
  31. oh ma quanto ho riso!!
    Mi sono rivista in ciascuno degli esempi delle matte della pasta madre.
    La mia ha ora due anni e due settimane e mi dedicherò a un weekend di follie!!
    Bellissima ricetta.
    Hai notato anche tu come il pane venga meglio se il primo impasto sia lasciato a riposo meno di 15 ore?

    grazie per la ricetta :D

    RispondiElimina
  32. ma è favolosoooooooooooooooooooooo

    RispondiElimina
  33. Quanto sei simpatica!!!!!Sapessi che cosa faccio io con la mia pm: le do un bacetto quando riesce a riprendersi dopo dieci giorni di isolamento in frigorifero....ma si può baciare la pasta madre? Siiiiiiiiiii....
    Mille complimenti per il tuo buon pane.

    RispondiElimina
  34. Ottimoooo! :D provato e ottimo! L'ho nascosto per evitare di mangiarlo tutto!!! :D

    Ciao,
    Giulia

    RispondiElimina
  35. Ciao! Devo assolutamente ringraziarti!
    Il mio LM ha due mesi di vita...è bello attivo e ipercoccolato...ma fino ad ora, nonostante avessi provato ricette su ricette, non ero riuscita a concludere nulla di vagamente decente...sempre impasti poco lievitati, poco lavorabili, troppo secchi...
    Oggi invece, con somma gioia, ho ottenuto un "pane vero"! Bella mollica morbida, con alveoli piccoli ma fitti... forse giusto un po' di crosticina in più mi avrebbe fatto piacere! Ho usato 400 grammi di farine miste, provenienti da un mulino locale, e 200 di manitoba... risultato perfetto!

    Grazie ancora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie a te per questo commento!
      E' vero dopo tutto il lavoro fatto per ottenere un lm attivo è piuttosto deludente non riuscire a tirare fuori un pane degno di questo nome:
      Sono felice per il tuo risultato , io oramai lo preparo in maniera stabile e nessuno più di lamenta del risultato!
      Lasciami il link del tuo blog, se ti fa piacere.

      Elimina
  36. grazie per la ricetta, era n po che la cercavo, ora la provo e se verrà mi metterò anche io a parlare al pane..
    un abbraccio

    RispondiElimina
  37. Impossibile resistere alla tentazione di farlo!!!!

    Oggi ci siamo messi a prepararlo (lieviterà fino a domattina).....

    Una domanda: quando scrivi
    "Ripetere per altre 2 volte.", intendi di rifare da qui:
    "Porre in un contenitore unto e lasciar lievitare al caldo per un'ora, trascorso questo tempo dare delle pieghe ( per me di tipo 2) senza stringere troppo."

    oppure solo da qui:
    "dare delle pieghe ( per me di tipo 2) senza stringere troppo."

    Grazie per la risposta.....

    Carla&Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ragazzi, la ripetizione del procedimento riguarda le pieghe e non il riposo nel contenitore, quindi dovete dare le pieghe per tre volte, inclusa la prima .
      Aspetto aggionramenti!

      Elimina
    2. Allora, il pane è molto buono, tuttavia, per motivi di orario lavorativo, ci siamo trovati/costretti a cuocere molto in ritardo sulla tabella di marcia...

      Invece che attendere il raddoppio delle dimensioni, purtroppo si è arrivati a circa 4 volte la grandezza; cosa che ci ha costretto, anche per gestione delle dimensioni nella teglia, a fare un nuove pieghe, ed a cuocere circa un'ora dopo. Probabilmente la lievitazione non era avvenuta in maniera giusta perché l'interno del pane presenta solo parzialmente i bellissimi "vuoti" che si vedono nele tue immagini. La parte inferiore ha una mollica un po' troppo compatta e gommosa.

      Visto che comunque il gusto è molto valido, tenteremo sabato su domenica di rifare il tutto, rispettando meglio i tempi finali.....

      Ci si riaggiorna!!!!!

      Carla&Luca

      Elimina
    3. Peccatop!!!
      Probabilmente le ultime pieghe date dopo la lievitazione hanno compromesso il risultato, ma sono sicura che la prossima prova verrà benissimo!
      Alla prossima :)

      Elimina
  38. ciao ho una pasta madre di 12 giorni che rinfresco ogni giorno perchè ha un odore acido. Secondo te posso usarla per questa ricetta? o devo ancora aspettare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosy, scusa il ritardo nella risposta, ma il mio pc è stato coinvolto nella tempesta iperstellare !!!! di Wind e me ne sono riapprorpiata solo oggi.
      Direi che potresti provare, ma se il problema è l'acidità prova a fare qualche bagnetto al lievito e poi lo rinfreschi.
      Scusa ancora il ritardo e fammi sapere :)

      Elimina
  39. Complimenti! Che farina manitoba hai usato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gabri, all'epoca usavo una manitoba del supermercato, credo Loconte.

      Elimina

Lascia un tuo commento se ti fa piacere :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...