sabato 13 aprile 2019

Sandies di arachidi di Yotam Ottolenghi

Un libro nuovo di ricette và  sempre inaugurato,  prima ricetta,  per giunta senza foto,  ma ideale per smaltire quelle arachidi che giacevano in dispensa.
Il libro in questione è  Sweet di Yotam Ottolenghi  e sono sicura che mi darà  delle belle soddisfazioni .
Il suggerimento  per questa  ricetta,  precisa  al grammo,  18 biscotti da 7 cm di diametro e 5 mm di spessore e così è stato, è di farcire con della Nutella,  per avere la sensazione di mordere un biscotto  gusto snickers , garantisco  che il gusto  ci sta tutto.
La ricetta é veloce  sia nella preparazione  che nella cottura,  non presenta ingredienti strani ed è  ottima, volendo si  possono realizzare biscotti piú piccoli da accoppiare.





Sandies di arachidi di Yotam Ottolenghi 
Dose per 18 biscotti  da 7 cm

  • 90 g arachidi  ( per me già  tostate e salate Yotam perdonami 
  • 150 g farina 00
  • 125 g burro  morbido a temperatura ambiente 
  • 50 g zucchero a velo 
  • Vaniglia 
  • 1/4 cucchiaino di sale  ( omesso visto che ho usato le arachidi salate) 
  • 1/4 cucchiaino  lievito per dolci
  • Zucchero di canna per la finitura

In un robot tritare le arachidi con 50 g di farina,  tenere da parte .
Nella ciotola della planetaria lavorare il burro morbido con lo zucchero a velo  setacciato con la foglia a velocità  media per 2 minuti, fino ad ottenere  un composto soffice , inserire la Llvaniglia , ripulire le pareti della ciotola,  inserire il resto della farina setacciata con il lievito e proseguire a bassa velocità , aggiungere  le arachidi tritate con la farina. 


  Rovesciare  l'impasto  su un piano,  lavorarlo brevemente,  appiattire e avvolgere  nella pellicola.
Lasciar riposare in frigo per un'ora o anche più.
Preriscaldare il forno a 180°C modalità  ventilato ( i 190°C' suggeriti da Ottolenghi  per il mio forno sono troppi.
Su un piano appiattire l'impasto a 5 mm  di spessore,  ritagliare dei biscotti  di 7 cm di diametro,  porre su carta forno,  cospargere  con lo zucchero di canna  e infornare  per 15' circa,  dovranno risultare  dorati.
Far raffreddare , farcire con crema spalmabile  alle nocciole  e ... godere.

Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

mercoledì 10 aprile 2019

Biscotti low carb al miele

Questa ricetta è un po' strana, nelle intenzioni e nel risultato del suo creatore Dagomoveat ( cercatelo su Instagram) dovevano venire fuori dei panini, a me sono venuti dei biscottoni, la prima volta, poi ho cercato di far venire dei panini, ma alla fine ho capito che come biscotti li apprezzavo di più.
Vi passo la ricetta così come la realizzo per avere dei biscotti relativamente poco calorici e che somigliano tanto a dei dolcetti che ho mangiato in un bar e che hanno chiamato panicelli.
Ho aggiunto dei semini misti sulla superficie, prima della cottura e sostituito lo zucchero semolato con quello di canna, la prossima modifica riguarderà l'aggiunta di uvetta nell'impasto e di utilizzo di farina 0 anzichè multicereali.




Biscotti low carb al miele
Dose per  13 pezzi da circa 70 kcal l'uno

  • 160 g farina multicereali
  • 20 g zucchero di canna
  • 1 cucchiaino lievito per dolci
  • 1 uovo
  • 35 g olio di semi
  • 150 g yogurt greco allo 0%
  • 1 cucchiaio di miele
  • semini per la superficie
nella ciotola della planetaria mescolare i liquidi con lo scudo, unire le polveri, il composto sarà abbastanza appiccicoso.

Su una teglia da forno coperta con cartaforno adagiare dei mucchietti di impasto aiutandovi con un cucchiaio, a me ne sono venuti 13.
Cospargere con semi misti o con quello che preferite.
Cuocere in forno preriscaldato a 180°C modalità ventilato per circa 25'/ 30'.



Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

giovedì 4 aprile 2019

Torta integrale alle fragole senza burro , solo albumi

Io alle fragole non resisto  e se poi il camioncino me le porta davanti al lavoro,  di sabato e aspetta anche che io esca dall'ufficio,  il minimo é acquistarne  una cassetta da due chili,  se ci si aggiunge  che mi assicura  la provenienza italiana,  capitolo immediatamente.
Anche  perché  prima di poter godere delle fragole dell'orto  del nonno passeranno almeno  un paio di mesi.

La ricetta,  invece,  viene sempre da Instagram  , dal profilo di Dagomovet , ha dalla sua anche il fatto che é realizzata solo con albumi e non prevede l'utilizzo  del burro,  ho dimezzato  la quantità  di lievito per una mia particolare  sensibilità  nei confronti  di questo ingrediente.
La ricetta é di facile  realizzazione e non presenta difficoltà , era prevista una composta per coprire la torta,  ma io ho preferito  una spolverata di zucchero a velo.




Torta alle fragole 
Dose per stampo da 22 cm

  • 250 g farina integrale 
  • 250 g albumi 
  • 100 g zucchero 
  • 100 ml  olio di semi 
  • buccia di limone bio grattugiata 
  • 200 g fragole 
  • 8 g lievito per  dolci  
In un contenitore  stretto e alto ( quello in dotazione  con i minipimer)  mescolare albumi e olio e dare n paio di giri con il minipimer  per pochi minuti,  si otterrà  un composto l'attraente,  leggermente  montato. 
Versare in una ciotola  e aggiungere  farina,  zucchero,  lievito  e buccia di limone. 
Mescolare e inserire le fragole lavate,  mondate e tagliate a cubetti. 
Versare nello stampo , per me al silicone,  e cuocere in forno caldo a, 180°C per 40' circa,  fare la prova stecchino. 

Si conserva al massimo per tre giorni. 

Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

lunedì 1 aprile 2019

Torta vegana senza cottura ai mirtilli

Mi incuriosiva tanto sapere se a quelle belle torte vegan corrispondesse anche un buon sapore.
Così ho provato adattando il risultato a quel poco di esperienza che ho acquisito in questi anni.
Quello che segue è quanto sono riuscita a fare tentando  per la prima volta una crostata vegana.
Sia chiaro: un dolce fatto con burro,uova,latte,eccetera,eccetera è un'altra cosa, ma questo non esclude che si possa comunque variare o provare a variare, ogni tanto, la nostra alimentazione.
E poi diciamocelo la loro figura la fanno lo stesso.
Ricetta adattata da diverse  torte viste su Instagram, in particolare  su questo blog.




Torta vegana ai mirtilli senza cottura
Dose per uno stampo in silicone da 20 cm

Base

  • 12 datteri
  • 10 prugne secche 
  • 50 g anacardi
  • 50 g mandorle con la pelle 
  • 1/4 di cucchiaino  di  sale  fino 
Con un robot da cucina tritare tutti gli ingredienti  fino ad avere un composto omogeneo e malleabile. 
Versarlo nel guscio e appiattito fino a ricoprire base e bordi dello stampo. 
Conservare in freezer. 

Crema ai mirtilli 
  • 160 g mirtilli  freschi
  • 1 cucchiaino  di succo di limone 
  • 200 g latte  di cocco 
  • 50 ml sciroppo d'acero 
  • 1 cucchiaino  di maizena
  • 3 g agar agar 
Ridurre in purea i mirtilli con il succo di limone,  aggiungere lo  sciroppo d'acero  e il latte di cocco. 
Porre in una  casseruola  e cuocere a fuoco medio/alto, quando é quasi al bollore inserire la maizena miscelata bene con l' agar agar,  per evitare i grumi. 
Mescolare con una frusta e portare al bollore,  proseguire la cottura  per due minuti. 
Filtrare la crema ottenuta e versare nel guscio,  rimosso  dallo stampo,  porre in frigo per un'ora  o più.

Decorare a piacere con frutti rossi,  granella di pistacchi,  ecc. 



Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

giovedì 21 marzo 2019

Pane turco sfogliato , Katmer , quasi un pane schiocco

Ho scoperto il pane schiocco in un supermercato e ho cercato in rete delle ricette, che non mi hanno soddisfatto completamente così mi sono affidata ad una ricetta condivisa nel gruppo fb di Anice e Cannella e devo dire che non sono rimasta delusa.
I panini sono ottimi, sfogliati e croccanti e si conservano bene per un paio di giorni in un sacchetto di cellophane.

Unica nota 16 pezzi risultano un po' piccoli, meglio dividere per 12.






Pane turco sfogliato
Dose per 12/ 16 panini

  • 200 g farina 0
  • 200 g farina di semola di grano duro
  • 100 g manitoba
  • 150 g acqua
  • 100 g latte
  • 80 g olio extravergine d'oliva
  • 1 albume ( 35/40 g)
  • 8 g lievito di birra fresco
  • 2 cucchiaini di sale
  • Malto diastatico ½ cucchiaino
  • 80 g burro fuso per spennellare
Intiepidire il latte, sciogliere il lievito  .
Nella ciotola della planetaria versare tutti gli ingredienti, escluso il sale, ed iniziare a lavorare con la foglia, dopo circa 5' inserire il sale, proseguire per altri 5', ribaltando l'impasto di tanto in tanto.
Arrotondare e porre in una ciotola coperta con pellicola, far lievitare fino al raddoppio ( circa un'ora e mezza ).
Al raddoppio rovesciare su un piano, dividere in 8 pezzi, far riposare 15' coperti con pellicola.
Dopo il riposo prendere un panetto alla bolta, appiattire e allargare fino ad ottenere un disco di 25 cm  di diametro, spennellare con il burro fuso fatto raffreddare leggermente, proseguire con gli altri panetti sovrapponendo dopo aver spennellato di burro.
Ottenuta una pil,a rovesciare sul piano di lavoro ( l'ultimo disco dovrà diventare il primo ) appiattire allargando a 40/ 50 cm e ritagliare 15 o 16 spicchi.
Arrotolare come per i cornetti, dalla base alla punta.
Porre su cartaforno e far lievitare per circa 40'.
Preriscaldare il forno a 200°C, cuocere per 15' / 18' fino a che risulteranno dorati.
Si conservano bene in sacchetti di plastica anche dopo 24 ore.

Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

martedì 19 marzo 2019

Torta di mele sperimentale di Helga la numero 122

Ho attraversato un piccolo momento di crisi rispetto al senso di fotografare e postare ogni mattina la mia colazione sui social.
Mi domandavo ( e mi domando ) in questo periodo in cui si comunica prevalentemente con le immagini, in cui si fotografa praticamente di tutto, a che serve la foto della mia colazione?
L'annuncio delle mie intenzioni ha suscitato un piccolo moto di protesta da parte di quei quattro lettori affezionati ( grazie , ragazze vi voglio bene ), tanto che mi hanno convinta a proseguire e poi, lo confesso, non dare il buongiorno mi sarebbe mancato e quindi continuerò imperterrita.

Ho capitolato davanti ad una fetta di torta di mele sperimentale come l'ha definita la sua ideatrice Helga , ( un'amica che con i suoi post spazia dalla fotografia alle mostre, alle riflessioni sulla vita tra Torino e la Francia alle ricette di cucina, insomma tutto da godere il suo blog, fateci un salto) per me la numero 122 e devo dire che il suo esperimento é riuscito benissimo, il dolce è morbido, profumato di banana, leggero , senza burro, senza uova, senza glutine e, utilizzando del latte vegetale, anche vegan.
È stato perfetto per la colazione di questa mattina e mi ha fatto fare pace con la mia piccola fissazione.




Torta di mele sperimentale di Helga n°122
Dose per uno stampo da 17 cm ( se la preferite alta) da 19 cm per farla venire più bassa

  • 150 g farina di riso
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 80 g anacardi ( mandorle nella ricetta di Helga )
  • 80 g zucchero di canna
  • 1 banana media matura
  • 70 g latte parzialmente scremato ( vegetale se volete renderla vegan )
  • 3 cucchiai olio di semi
  • 2 cucchiaini di spezie ( io un cucchiaino di cannella )
  • 1 mela grande ( una in più se utilizzate lo stampo da 19 cm )
Setacciare farina, lievito e cannella.
In un mixer tritare gli anacardi, aggiungere la banana e poi lo zucchero, in ultimo inserire la  farina, il latte e l'olio.
Si fa tutto facilmente in un robot da cucina.

Sbucciare e affettare sottilmente la mela, in uno stampo foderato con cartaforno sul fondo, versare metà impasto, coprire con metà delle fettine di mele, versare il resto dell'impasto e terminare con le fette di mele rimanenti.
Cuocere in forno caldo a 180°C  modalità ventilato per 45'/55', fare sempre la prova stecchino.
Volendo spennellare con uno sciroppo di acqua e zucchero bollenti, sulla torta appena uscita dal forno, oppure spennellare con poca gelatina di albicocche.





Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

sabato 16 marzo 2019

Biscotti ai fiocchi d'avena, noci e zenzero candito vegani

Senza volere mi sono ritrovata una intera colazione vegana, nelle mie ore di iperattività pomeridiana ho realizzato una serie di  biscotti , tra cui questi perché avevo dello zenzero candito da smaltire.
La ricetta viene da questo blog, da cui attingeró sicuramente ancora.

La caratteristica di questi biscotti è una piacevole croccantezza, data dalle noci tostate, oltre al gusto che si sposa benissimo con quello dello zenzero candito.

Se amate l'abbinamento di sapori provateli senza indugio e godeteveli.






Biscotti ai fiocchi d'avena , noci e zenzero vegani
Dose per circa 40 pezzi

  • 200 g fiocchi d'avena
  • 60 g noci tostate, tritate grossolanamente
  • 60 g zenzero candito a cubetti
  • 120 g farina 00
  • 1 pizzico bicarbonato di sodio
  • 60 g olio di semi di girasole
  • sale
  • 70 g zucchero
  • 160 g latte vegetale ( per me d'avena )
Preriscaldare a 160° C.
Lavorare tutto insieme , formare delle piccole noci, bagnando leggermente le mani con latte vegetale o poco olio, porre su cartaforno , appiattire leggermente e infornare per 20'.


Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

lunedì 11 marzo 2019

Torta di mele all'acqua, vegana n°133

Questa è una ricetta che necessita di riposo.
L'ho realizzata ieri mattina, insieme ad un altro esperimento finito direttamente nella spazzatura, anche la torta stava per fare la stessa fine, poi, per fortuna, ho fatto quello che diceva mia nonna : Metti da parte, nel caso si butta domani.
E ho fatto bene, questa mattina la torta aveva una consistenza  e sapore migliore .
Non sarà la torta di mele della mia vita,ma sicuramente un buon risultato considerando che è senza burro, senza uova, perfetta per i vegani.
Ricetta vista qui.




Torta di mele all'acqua n°133
Dose per uno stampo da 20/22 cm

  • 250 g farina 00
  • 130 ml succo di arancia o mele
  • 130 ml acqua
  • 2 mele sbucciate, affettate una a cubetti , una affettata
  • 170 g zucchero di canna
  • 90 ml olio di semi
  • ½ cucchiaino cremore di tartaro
  • ½ cucchiaino bicarbonato di sodio
  • Vaniglia
  • Zenzero candito 
  • Sale
Setacciare farina, agenti lievitanti, unire zucchero, sale e vaniglia.

Inserire succo, acqua e mescolare, aggiungere l'olio a filo.
Inserire una mela a cubetti e lo zenzero candito, versare nello stampo , disporre le fettine della mela rimasta sulla superficie , cuocere a 180°C modalità ventilato per circa 55', se occorre prolungare la cottura.
Far riposare una notte prima di consumare



Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

martedì 5 marzo 2019

Biscotti integrali alle nocciole senza zucchero

Inutile, non troverò mai un equilibrio tra i biscotti grondanti burro e quelli senza, senza uova, senza grassi, senza zuccheri, insomma quelli che ci fanno illudere di essere brave a seguire la dieta.
Questa ricetta viene dal blog di Pizza, fichi e zighini con qualche piccola modifica da parte mia.
La consistenza non è croccante, ma non dispiace, il sapore prevalente è quello delle nocciole , la dolcezza proveniente solo dalla frutta, non fa rimpiangere l'assenza dello zucchero.





Biscotti integrali alle nocciole senza zucchero
Per 20 pezzi

  • 50 g farina di farro
  • 50 g farina di grano saraceno
  • 50 g fiocchi d'avena
  • 90 g frutta disidratata ( datteri  albicocche, fichi secchi, prugne )
  • 50 g nocciole
  • 50 ml latte vegetale o vaccino
  • 20 ml olio di semi
  • 1 cucchiaino scarso di lievito per dolci
Frullare nocciole e fiocchi d'avena.
Frullare frutta disidratata, latte e olio.
Riunire le polveri nella ciotola della planetaria, inserire i liquidi, lavorare fino ad ottenere un composto compatto.
Stendere tra due fogli di cartaforno appiattire a 4 mm.
Ritagliare i biscotti, volendo premerli leggermente su fiocchi d'avena.
Cuocere a 175°C per 10' / 15'.


Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

giovedì 28 febbraio 2019

Biscotti mirtilli e corn flakes senza uova, senza burro e senza glutine*


Se una buona colazione vuoi fare, 
i biscotti devi variare.
 Direi che posso fare mia questa frase, anzi direi che l'ho già fatta mia considerando la notevole quantità di biscotti che sforno e provo.
A conferma di ciò comunico anche di aver inaugurato un quadernino dedicato, su cui riporto solo le ricette di biscotti provati e piaciuti.
La ricetta che segue è entrata di diritto sul quadernino e posso dire che i biscotti li ho terminati in due giorni, che và bene senza burro, senza uova ecc., ma mangiarne tanti non è l'ideale se si prova ad avere un'alimentazione corretta.

La ricetta viene da Instagram da Marco Bianchi, veloce da realizzare e gustosa.
Ho modificato leggermente la ricetta inserendo un pizzico di lievito e dimezzando i cornflakes.
Se utilizzate cornflakes certificati senza glutine è perfetta anche per gli amici celiaci.





Biscotti mirtilli e corn flakes senza uova, senza burro e senza glutine*

  • 150 g farina di riso
  • 40 g maizena ( amido di mais )
  • 70 g zucchero di canna integrale
  • 50 ml latte
  • 70 ml olio extravergine d'oliva
  • 100 g mirtilli rossi disidratati
  • 50g + 50 g corn flakes glutenfree
  • punta di un cucchiaino di lievito per dolci
  • Vaniglia
Sciogliere nel latte a temperatura ambiente lo zucchero.
Mescolare in ciotola tutti gli ingredienti tranne mirtilli e cornflakes.
Una volta ottenuto un panetto inserire i mirtilli e metà dei cornflakes.
Formare delle palline, appiattirle sul resto dei cornflakes tritati grossolanamente, porre su teglia foderata da cartaforno e cuocere a 180°C per 12' / 14' .


Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...