venerdì 19 gennaio 2018

Frolla vegana all'olio

Sia chiaro, per me la frolla deve sapere  di burro.
Succede anche che la scorta di burro tedesco termini e la voglia di crostata arrivi e allora che si fa?

Si prova una ricetta alternativa, condivisa sul gruppo Facebook di Anice e Cannella da Medici Gio'.
Prevede olio di oliva e di semi in pari quantità, farina di farro e zucchero di canna.
Il risultato di quelli che comunque possono gratificare.
Ve la lascio così come l'ho realizzata .





Crostata alla frolla vegan con confettura di mirtilli e lamponi
Dose per uno stampo da 26 cm

Frolla
  • 275 g farina di farro integrale
  • 100 g farina 0
  • 190 g zucchero di canna
  • 50 g olio extravergine d'oliva
  • 50 g olio di semi
  • 8 g lievito per dolci
  • Vaniglia
  • 90 g acqua
Composta di lamponi e mirtilli .

Far sciogliere con la foglia lo zucchero e l'acqua, non si scioglierà completamente, unire il lievito, i due tipi di olio, aggiungere le farine, mescolare grossolanamente.
Lasciar riposare avvolto in pellicola, appiattendolo, in frigorifero per circa un'ora.
Riprendere l'impasto , versarlo in planetaria , mescolare con la foglia per un minuto ,NON DI PIÙ, aggiungere un cucchiaio di acqua se serve.
Stendere su cartaforno aiutandosi con una spolverata di farina.
Foderare una teglia con la cartaforno e adagiarvi la pasta , bucherellare il fondo, versare la marmellata e decorare a piacere ( strisce o decorazioni a piacere ).
Preriscaldare il forno a 180°C modalità ventilato.
Cuocere per 30' circa.
Far raffreddare.




Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

mercoledì 17 gennaio 2018

Torta alle mele e uvetta di Csaba #53

E la voglia di torta di mele non mi passa mai .
Ce n'è sempre una nuova da provare , non sarà la ripetitività degli ingredienti a fermarmi, in fondo anche il pane si fa solo con farina, acqua e lievito.

Prima ricetta della famosa Csaba  che realizzo.
L'ho vista da Pensieri e Pasticci e me la sono appuntata.
Non ho modificato nulla, ho solo dimezzato le dosi, realizzando una tortina di 16/18 cm, vi lascio la dose intera.





Torta di mele e uvetta di Csaba numero#53
Dose per una torta di 20 cm

  • 125 g burro
  • 100 g zucchero di canna più tre cucchiai
  • 125 g farina 00
  • 7 g lievito per dolci
  • 1 uovo
  • 200 g mela sbucciata, tagliata a spicchi
  • Uvetta una manciata
  • Limone bio buccia grattugiata e succo
  • Cannella 1/2 cucchiaino
  • Noce moscata 1/2 cucchiaino
  • Mandorle a scaglie
Preriscaldare  il forno a 180°C .
Mescolare farina e lievito.
Sulle mele a fettine versare il succo di limone, le spezie e l'uvetta e mescolare bene.
Lasciare da parte.
In un pentolino antiaderente far sciogliere il burro e 100 g di zucchero, fuoco basso, mescolare , anche se non si scioglie perfettamente.
Spegnere e versare tutta la farina in un solo colpo, mescolando.
Il composto risulterà leggermente grumoso.
Trasferire il composto in una ciotola e aggiungere l'uovo mescolando bene.
Imburrare lo stampo scelto, foderare con cartaforno.
Spalmare poco meno della metà dell' impasto , che risulta molto cremoso, sul fondo, fare uno strato con le mele e l'uvetta, coprire con il resto dell'impasto , cospargere con lo zucchero rimasto e le scaglie di mandorle.
Cottura a 180°C per 35' , dopo 25' di cottura coprire con carta argentata.
Sformare delicatamente da fredda.




Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

lunedì 15 gennaio 2018

Biscotti Che fico di Omar Busi

I biscotti sono la mia passione, se poi sono con i fichi secchi e di un pasticcere che ammiro moltissimo non resta che provarli.
La ricetta originale l'ho letta qui, e mi é subito piaciuta, peccato che nel trascriverla io abbia omesso che le mandorle erano intere e non in polvere.
Conclusione?
É venuto fuori un altro biscotto, ma così buono che io, la mia versione sbagliata, ve la lascio lo stesso.



Biscotti Che fico! di Omar Busi ( modificata per sbaglio)
Dose per circa 30 biscotti

  • 250 g farina 00
  • 200 g zucchero a velo
  • 110 g albumi
  • 108 g mandorle macinate  ( intere nella ricetta originale )
  • 108 g fichi secchi morbidi
  • 50 g cioccolato fondente
  • 25 g burro
  • 25 g cacao amaro in polvere
  • 10 g lievito per dolci
  • 3 g sale
Con la fogli mescolare, senza montare, albumi, zucchero e sale.
Unire il burro sciolto e le polveri setacciate, la farina di mandorle.
Tagliare i fichi secchi in pezzetti , aggiungerli al composto, unire anche il cioccolato tritato grossolanamente.
Lavorare poco.
Avvolgere con pellicola e far riposare in frigo per tre ore.
Formare dei cilindri di 4 cm di diametro , porre su cartaforno e cuocere in forno caldo a 200°C  per 10'.
Far raffreddare BENE, tagliare diagonalmente e infornare nuovamente a 150° C per farli asciugare, circa 15'/20', ma regolatevi controllando la cottura.
Una volta freddi tendono a indurire, ma dopo un giorno tornano relativamente morbidi.  

Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

venerdì 12 gennaio 2018

Ciambelline al latte condensato

Un dolcetto semplicissimo da realizzare, l'importante è avere in casa del latte condensato e il gioco è fatto.
Ricetta vista qui  , da Valentina del blog Profumo di Limoni, che l'ha a sua volta vista da Madame Gateau.
Ricetta realizzata fedelmente, ma dimezzata nelle quantità.
Con metà dose a me sono venute cinque ciambelle, utilizzando uno stampo al silicone per 6 pezzi.
Per comodità vi lascio la dose intera , sono sicura che solo per me 10 ciambelle sono troppe.





Ciambelline al latte condensato
Dose per 10 / 12 pezzi o uno stampo da 25 cm
  • 200 g latte condensato
  • 90 g farina 00
  • 60 g burro fuso tiepido
  • 2 uova a temperatura ambiente
  • 8 g lievito per dolci
  • vaniglia ( semini o un cucchiaino di estratto)
Preriscaldare il forno a 180°C .
Setacciare la farina e il lievito.
In una ciotola montare le uova, unire il burro poco alla volta,  continuare a montare, aggiungere il latte condensato e la vaniglia.
Inserire farina e lievito.
Versare negli stampi scelti.
Cuocere per 15' per le ciambelline, 30' per lo stampo grande.



Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

lunedì 8 gennaio 2018

Torta delle rose con lievito madre

Armatevi di pazienza per realizzare questo dolce, é uno di quelli che richiede il tempo necessario e nessuna fretta, il risultato vi ripagherà dell'attesa.
La ricetta viene da qui ed è del pasticcere Fabrizio Camplone della Pasticceria Caprice di Pescara.
Ho modificato solo la prima parte della ricetta utilizzando lievito madre attivo invece di un lievitino fatto con lievito di birra.
Questa la mia versione.


Torta delle rose con lievito madre
da una ricetta di Fabrizio Camplone
 Dose per uno stampo da 22/24 cm

Primo impasto
  • 80 g lievito madre attivo 
  • 33 g uovo intero ( eliminare un poco di albume )
  • 10 g burro
  • 10 g zucchero
  • 85 g farina bianca forte
Lavorare tutto insieme, ottenere un impasto omogeneo, coprire la ciotola con pellicola e porre a lievitare, fino al raddoppio.

Secondo impasto
  • Tutto il primo impasto lievitato
  • 400 g farina bianca forte w 360
  • 125 g uova intere
  • 74 g tuorli
  • 50 g acqua
  • 100 g burro morbido
  • 80 g zucchero
  • 6 g sale
  • 20 g miele d'acacia
  • buccia di arancia bio grattugiata
  • vaniglia 


Crema al burro e cannella

  • 100 g burro
  • 80 g zucchero di canna
  • cannella in polvere
Procedimento

Versare in planetaria con la foglia il primo impasto lievitato, unire una parte dell' acqua e iniziare a far girare, inserire un terzo delle uova, alternate allo zucchero e  alla farina, con l'ultimo inserimento di zucchero unire il sale sciolto in poca acqua rimasta, terminare con la farina.
Lavorare a velocità media e inserire il miele e gli altri aromi, in ultimo inserire il burro a fiocchi, facendolo assorbire bene, prima di inserire il successivo. Ribaltare il composto dopo ogni inserimento di burro.
Ottenere un impasto morbido.
Porre in una ciotola, coprire con pellicola e far lievitare per 6/7 ore a temperatura ambiente o nel forno con la lucina accesa.
Una volta lievitato porre in frigorifero fino al suo indurimento.
Nel frattempo preparare la farcia, in planetaria lavorare il burro con lo zucchero, fino ad ottenere un composto spumoso.
Su un piano leggermente infarinato stendere la pasta a 5 mm di spessore, spalmarvi la crema al burro, cospargere con la cannella, secondo il proprio gusto, arrotolare, formare un rullo di 6 cm di diametro, tagliare 9 pezzi uguali alti 5 cm circa.
Porre alla distanza di un centimetro uno dall'altro in una tortiera ad anello.
Far lievitare a 28°C  per circa 5 ore , coperto con pellicola.
Preriscaldare il forno a 160°C  , cuocere per 30'/35'.
Far raffreddare e sformare.








Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

martedì 19 dicembre 2017

Mini cupcake alle noci e datteri

Ho scoperto i datteri in tarda età, mi piacciono mangiati semplicemente, ma non disdegno l'utilizzo nei dolci.
Cade a fagiolo questa ricetta di Martha Stewart dal suo libro Biscotti , dei mini cupcake veloci da fare e con un gusto che và dal dolce dei datteri al croccante delle noci, passando per l'aroma del cardamomo.
Soffici e golosi, ma non mi aspettavo niente di meno.

Ho realizzato mezza dose per un totale di 24 mini cupcake.
Come sempre diventa difficile dosare mezzo uovo, io abitualmente utilizzo tutto il tuorlo e aggiungo poco albume, arrivando a 28 g  circa in totale.





Mini cupcake alle noci e datteri di Martha Stewart
Dose per 24 mini cupcake
  • 90 g farina 00 
  •  1/2 cucchiaino di bicarbonato 
  •  1/4 cucchiaino di lievito per dolci
  • 1/4 cucchiaino di sale 
  •  1/8 cucchiaino di cardamomo in polvere
  •  140 g datteri carnosi, non secchi, snocciolati e tritati grossolanamente
  • 180 g acqua bollente 
  •  30 g burro a pezzetti
  • 90 g zucchero di canna
  • 1 tuorlo e poco albume ( tot. 28 g )
  • 1/2 cucchiaino di vaniglia 
  •  75 g noci tostate e tritate grossolanamente

Preriscaldare il forno a 160°C
Mescolare farina, bicarbonato, lievito, sale e cardamomo.
 In una ciotola mescolare i datteri con l'acqua bollente e il burro, mescolare fino a che il burri é denso e i datteri morbidi, circa due minuti.
Unire lo zucchero di canna, l'uovo sbattuto e la vaniglia.
Aggiungere gli ingredienti secchi e mescolare.
In ultimo inserire le noci.
Versare nei pirottini, posizionati nello stampo, riempire per tre quarti.
Cuocere per 15' , ruotando la teglia a metà cottura.
Fare la prova stecchino , sfornare e far raffreddare su una teglia.
Si conservano a temperatura ambiente per un giorno.
In freezer si conservano per un mese al massimo, in contenitori a chiusura ermetica.

Volendo servire con un ciuffo di crème fraîche.





Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

sabato 16 dicembre 2017

Torta semplice di mele e cannella numero 2

Ricomincio dall'inizio, dalla torta di mele che porta il numero 2 sul mio quadernino.
Salvata da questo blog   mi era piaciuta per la semplicità di esecuzione e la presenza di cannella nell'impasto.
Risulta anche abbastanza leggera vista la presenza di olio di semi anziché burro.
Ho utilizzato mele renette solo in superficie, sicuramente trovare delle mele anche nell'impasto sarebbe stato più goloso, ma per questa volta è andata così.
Dura tranquillamente per tre giorni.






Torta semplice di mele e cannella numero 2
Dose per uno stampo di 24/26 cm

  • 2 mele renette grandi  
  • 150 g zucchero di canna
  • 200 g farina 00
  • 2 uova
  • 200 ml latte
  • 60 ml olio di semi
  • 8 g lievito per dolci
  • scorza grattugiata di un limone biologico
  • succo di mezzo limone
  • 1 cucchiaino colmo di cannella
  • Vaniglia
  • Un pizzico di sale
Sbucciare le mele e tagliarle a fettine, cospargere con succo di limone, lasciare da parte.
Montare le uova con lo zucchero, unire la cannella, la buccia di limone grattugiata , il latte alternato alla farina setacciata.
Versare l'olio a filo, la vaniglia ( semini o un cucchiaino di estratto ), sale e lievito.

Versare in uno stampo imburrato e infarinato, livellare e inserire le fettine di mele.
Cuocere in forno preriscaldato a 1 180°C per 50'/55'.
Spennellare con poca gelatina all'albicocca.


Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

martedì 12 dicembre 2017

Crostata di amarene e amaretti

Chi scopre una ricetta  , scopre un tesoro.

Inciampo , non so neanche seguendo quale filo, su questo blog e trovo una ricetta che replico nel giro di un attimo, giusto il tempo di accertarmi di avere del Maraschino.

Poche chiacchiere e molta sostanza, merita di essere provata.




Crostata di amarene e amaretti
 Ricetta presa qui

per uno stampo da 26 cm


Frolla
  • 300 g farina 00
  • 120 g zucchero semolato
  • 150 g burro a temperatura ambiente
  • 1 uovo medio
  • 1 tuorlo
  • 7/8 g di lievito per dolci
  • scorza di limone grattugiata
  • sale un pizzico
 Farcia
  • 150 g confettura di amarene ( per me tutto il barattolo, da circa 350 g)
  • amaretti
  • liquore Maraschino
Lavorare burro, farina e lievito.
Unire lo zucchero, la buccia di limone, l'uovo e il tuorlo.

Far riposare in frigorifero avvolto nella pellicola, per almeno 30 '.
Dividere la pasta in due parti.
Stendere la prima parte allo spessore di 3/4 mm , foderare uno stampo precedentemente imburrato e infarinato.
Distribuire sul fondo la confettura.
Disporre gli amaretti, precedentemente tuffati nel Maraschino, a spirale partendo dal centro.

Stendere la seconda parte di pasta e adagiare sulla superficie del dolce, sigillare bene i bordi.

Cuocere in forno caldo a 175°C per 40 '.







Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

mercoledì 6 dicembre 2017

Torta di mele ricchissima numero 45

Direttamente dal blog di Stefania Profumi e sapori una...TORTA DI MELE.
Cosa mi spinge a provare sempre nuove torte di mele?
Il mistero si infittisce, di ricetta in ricetta, qualcuno in famiglia ha iniziato una raccolta firme per chiedere ad Alberto Angela di farne argomento di uno speciale Superquark.
Nell'attesa io continuo ad acquistare mele e a rifilarvi torte .

Questa ricetta è di facile esecuzione, tutto sommato abbastanza leggera , per me che ne ho realizzato mezza dose, ancora di più.
Il sapore é ottimo, ho effettuato delle piccole modifiche, pinoli al posto delle noci, liquore al bergamotto al posto del cognac, anche l' Amaretto sarebbe stato ben abbinato.
Provatela pure a cuor leggero, se siete veloci in meno di un'ora e mezza avrete una torta alle mele pronta da gustare.




TORTA RICCHISSIMA DI MELE #45
Ricetta presa da Stefania 
Per una teglia da 18/20 cm

  • 500 g mele sbucciate (Granny Smith per me )
  • 100 g farina 00
  • 1 tuorlo ( 25 g circa )
  • 50 g zucchero
  • 100 ml latte
  • succo e buccia di mezzo limone
  • 35 g burro fuso
  • 25 ml liquore a piacere ( cognac, amaretto, per me liquore al bergamotto )
  • 2 cucchiai pane grattugiato
  • 20 g pinoli
  • 2/3 amaretti sbriciolati
  • 20 g uvetta 
  • 6 g lievito per dolci
  • Zucchero a velo q.b.
  • Zucchero di canna per lo spolvero
  • Cannella
Ammollare l'uvetta.
Tagliare le mele a fettine e irrorare con il succo di limone.
In una ciotola mescolare il tuorlo con lo zucchero,la buccia di limone grattugiata, il burro fuso, il latte e il liquore scelto.
Unire la farina setacciata con il lievito, amalgamare bene.
Imburrare una teglia e cospargere con il pane grattugiato, versare metà composto, sistemarvi le mele,lasciarne una parte per la superficie, l'uvetta sgocciolata e strizzata, gli amaretti sbriciolati e i pinoli ( lasciarne qualcuno per la superficie).
Spolverare tutto con lo zucchero a velo, coprire con il resto del composto,  disporre le mele armoniosamente, spolverare con poca cannella e con lo zucchero a velo.
Cuocere in forno caldo a  180°C  per 40' circa, modalità ventilata.
Una volta sfornata cospargere con un cucchiaio di zucchero di canna.




Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

domenica 3 dicembre 2017

Torcetti al burro con lievito madre

La figliola ha assaggiato i torcetti originali, arrivati direttamente dal Piemonte.
La prima richiesta, a bocca piena, é stata : "Mamma, me li rifai ?".
Ho cercato in rete e mi sono affidata ad un paio di ricette, quella da cui sono partita é questa, ho intenzione di provarli ancora con un metodo diverso di lavorazione, per ora vi lascio questa , validissima, ho soltanto aumentato leggermente la quantità di acqua, forse la mia farina assorbiva di più.
L'unico zucchero presente é quello sulla superficie, non omettete nessun passaggio, né quello sulla spianatoia, né quello dopo aver spennellato con miele e acqua.




Torcetti al burro

  • 500 g farina 00
  • da 80 ml  a 150 ml di acqua 
  • 5 g sale
  • 200 g burro ( tedesco per me )
  • 150 g zucchero di canna e semolato
  • 160 g lievito madre ( o 3 g di lievito secco )
  • Acqua e miele per  spennellare
Sciogliere il lievito nell'acqua, unire la farina e il sale e impastare , se occorre  aggiungere altra acqua, senza superare la  quantità  indicata.
Inserire il burro a temperatura ambiente, far assorbire bene.
Far riposare coperto per due ore,
Preparare una sfoglia alta 1 cm e larga 10 cm.
Ricavare dei grissini  piccoli, passarli sulla spianatoia coperta di zucchero di canna e semolato, arrotolandoli e allungandoli, fino ad arrivare a 15 cm.
Piegarli sovrapponendo le estremità a formare una goccia.
Spennellare con una miscela di  acqua tiepida e miele e cospargere ancora con zucchero, adagiare su cartaforno.
Far lievitare per un'ora e infornare in forno preriscaldato a 200 °C, abbassando la temperatura a 180°C per 15', fino a quando non saranno ben dorati.



Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...