sabato 16 giugno 2018

Biscotti allo sciroppo d'acero vegan con farina integrale e grano saraceno

Scrivere il titolo di questo post è stato come scrivere la ricetta, c'è ancora poco da aggiungere e i biscotti sono pronti.
Non mi sono convertita , sia chiaro, ma essendo molto golosa da qualche parte dovrò pure cominciare a ridurre e poi, piuttosto che farmi rifilare dalle industrie biscotti vegani, me li faccio da me.
Questa ricetta l'ho provata un paio di anni fa, dopo averla vista da Francesca Aria in cucina  e visto la velocità di esecuzione ho pensato bene di appuntarmela su questo blog.






Biscotti vegan allo sciroppo d'acero 
Dose per una teglia da forno

  • 160 g farina integrale 
  • 40 g  farina di grano saraceno
  • 30 g olio di semi di girasole
  • 90 g sciroppo d'acero
  • ½ cucchiaino di bicarbonato di sodio
Mescolare tutti gli ingredienti, se serve aggiungere qualche cucchiaio di acqua.
Ottenere un impasto tipo frolla, stendere allo spessore di 3/4 mm, ritagliare i biscotti nelle forme desiderste.
Porre su cartaforno e cuocere in forno preriscaldato a 180°C per circa 10'/12' , modalità ventilato.

Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

lunedì 11 giugno 2018

Torta alla frutta ( invece che alle pere ) di Gianluca Aresu ovvero la torta di mele numero 35

Il tempo delle torte di mele è passato da un po'.
Avevo salvato la ricetta di questa torta, vista sul blog Dolce Alessandro, già modificata da torta alle pere a torta alle mele, con il numero 35, sul mio quadernino dedicato SOLO alle torte di mele.
Credo di non averla mai realizzata e così decido di provarla, ma in questo periodo gira così tanta frutta per casa che ho pensato di fare un'ulteriore modifica utilizzando fragole ( quelle dell'orto del nonno ), kiwi e pesche.
Per rendere tutto più bello una spennellata di gelatina e sembrerà di portare in tavola un signor dolce.
Se poi aggiungete anche una pallina di gelato il dessert è perfetto.



Torta alla frutta di stagione
da una ricetta di Gianluca Aresu
Per uno stampo da 20 cm

  • 100 g uova intere ( 2 )
  • 20 g tuorlo ( 1 )
  • 50 g burro morbido a pezzetti
  • 150 g zucchero
  • 150 farina 00
  • 300 g frutta fresca ( o mele o pere )
  • 50 ml latte
  • 15 g miele
  • 2 g lievito per dolci
  • 1 g sale
  • Vaniglia
  • Gelatina per la finitura
Montare le uova e il tuorlo con zucchero e miele, far triplicare.
Aggiungere a filo il latte, inserire la farina setacciata con il lievito  in ultimo il sale e la vaniglia.
Incorporare il burro morbido a pezzetti a mano .
Inserire una parte di frutta nell'impasto.
Versare in uno stampo imburrato e preparato con strisce di cartaforno, utilizzare la frutta rimasta e disporre armoniosamente sulla superficie.
Cuocere in forno caldo a  180°C modalità statico per 40' / 45'.
Far raffreddare, scaldare la gelatina e spennellare tutta la superficie.




Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

giovedì 7 giugno 2018

Biscotti vegan al riso soffiato e cacao

Continua l'alternanza tra ricette tradizionali e ricette vegan, anche questa perfetta per la colazione, abbastanza leggera e ideale per smaltire quel mega pacco di riso soffiato da un chilo.

La ricetta viene dal blog di Yummi'o'clock ed è velocissima da realizzare, io ho stranamente raddoppiato le dosi per avere una scorta per un paio di giorni.





Biscotti vegan al riso soffiato e cacao
Dose per 20 pezzi

  • 60 g zucchero di canna
  • 20 g riso soffiato al cacao
  • 80 g farina integrale
  • 1 cucchiaino scarso di lievito per vedere
  • 15 g cacao amaro
  • Vaniglia un cucchiaino
  • 30 g olio di semi di girasole
  • 40 g acqua
Tritare lo zucchero finemente in un robot, inserire il riso soffiato e tritare grossolanamente.
Versare in una ciotola , aggiungere la farina, il lievito, il cacao setacciato e mescolare con un cucchiaio.
Aggiungere vaniglia, olio, l'acqua a filo, mescolando sempre.
Lavorare con le mani nella ciotola, se dovesse servire aggiungere una spolverata di farina.
Lavorare su una spianatoia infarinata e ottenere un panetto morbido.
Appiattire, avvolgere nella pellicola e far riposare in frigo per circa un'ora.
Stendere tra due fogli di cartaforno leggermente infarinati a circa 5 mm di spessore.
Cuocere in forno caldo a 180°C per 8'.
Far raffreddare prima di rimuovere dalla teglia.
Conservare in una scatola di latta.


Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

venerdì 1 giugno 2018

Crumble alle fragole del nonno

Non si può dire di non riuscire a fare questo dessert, è talmente semplice la preparazione e talmente veloce che diventa persino eccessivo definirla ricetta.
L'ho vista da Ale del blog Ricette di cultura che l'ha condivisa al volo su Instagram e così le ultime fragole dell'orto del nonno hanno trovato una degna fine.
Con la dose data si realizza una porzione piccola in un contenitore di 14 cm di diametro, sufficiente per due persone moderatamente golose.




Crumble alle fragole
Per una teglia da 14/16 cm
  • 150 g fragole al netto degli scarti affettate
  • 2 cucchiai rasi di zucchero di canna
  • Buccia grattugiata di mezzo limone biologico
Per il crumble
  • 50 g farina 00
  • 15 g zucchero di canna
  • 20 g burro freddo
  • Un pizzico di sale
  • Buccia grattugiata di mezzo limone biologico
Mescolare le fragole a pezzi con lo zucchero e la buccia di limone, versare nel contenitore scelta, adatto per la cottura in forno.
Preparare il crumble, in una ciotola versare la farina, lo zucchero, il limone e il sale, sabbiare con la punta delle dita, fino ad ottenere delle briciole, porre su tutta la superficie delle fragole.
Cuocere in forno caldo preriscaldato a 180°C per circa 30'.
Gustare tiepido, freddo o



Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

sabato 26 maggio 2018

Cake yogurt e amarene di Leonardo Di Carlo

Alterno dolci con un carico di burro pazzesco a dolci vegan, light.
Questo cake del pasticcere Leonardo Di Carlo mi ispirava, se vi va fate un giro sul suo sito , ci sono tantissime ricette da provare.
La caratteristica di questo dolce è sicuramente la bontà, uno dei cake più buoni che io abbia mai mangiato.




Cake yogurt e amarene di Leonardo Di Carlo
Dose per due muffin e un cake da 400 g

  • 120 g burro
  • 100 g zucchero
  • 14 g zucchero invertito
  • Vaniglia
  • Sale
  • 50 g tuorli *
  • 10 g uovo intero *( ho utilizzato un uovo intero da 60 g )
  • 120 g farina 00
  • 50 g fecola di patate
  • 3 g lievito per dolci
  • 120 g yogurt magro
  • amarene sciroppate
Montare leggermente il burro con gli zuccheri e il sale.
Unire l'uovo* poco alla volta, inserire farina, lievito e fecola, vaniglia.
Terminare con lo yogurt e le amarene, sgocciolate, tamponate e leggermente infarinate.
Versare il composto in stampini adatti e con un cartoncino di plastica imburrato praticare il taglio al centr.
Riposo in frigo per due ore.
Cottura a 160°C / 170°C .
Per le monoporzioni da 60 g 25'/30'.
Per il cake da 400 g 45'/50', fare sempre la prova stecchino.
Raffreddare in frigo a +3°C.




Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

mercoledì 23 maggio 2018

Finto paté di funghi e lenticchie

Quando ho mostrato il video di questa preparazione al pargolo, si è subito entusiasmato, non so se per l'idea di usare il frullatore o per quella di avere una roba da spalmare, fatto sta che la velocità con cui si realizza e la facilità hanno reso una serata tra me e mio figlio un po' francese.
Il video  lo trovate qui.




Finto paté di funghi e lenticchie
Dose per un circa 500 g 

  • 400 g lenticchie cotte
  • 18 funghi champignon affettati
  • 1 scalogno
  • 2 spicchi d'aglio
  • 2 cucchiai di cognac
  • 150 g noci tostate
  • 2 cucchiai salsa di soia ( per me salsa Worcestershire )
  • rosmarino, timo, salvia
  • 2 cucchiai di olio extravergine
  • Sale
In una padella scaldare l'olio , versarvi lo scalogno affettato e farlo appassire, aggiungere gli spicchi di aglio e poi i funghi affettati, portare a cottura, aggiungere il sale, le erbe aromatiche tritate e sfumare con il cognac.
Nel bicchiere del frullatore versarevi funghi cotti, le lenticchie, le noci tostate e la salsa di soia.
Frullare fino ad avere una consistenza spalmabile.
Se volete rendere ancora di più l'effetto fois gras aggiungete due cucchiai di purea di rape rosse per dare colore.
Io non l'ho fatto 😉.
Conservare in frigorifero, consumare entro 2/ 3 giorni.
Gustare su crostini di pane.



Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

martedì 15 maggio 2018

Waffles vegani al cacao, farina di piselli e semi di chia

Adattissimi alla colazione, perfetti da farcire con tanta frutta fresca, con marmellata o con quello che volete.
La ricetta viene dal blog di Ale Ricette di cultura , ma poi ho modificato qualcosina adattando sempre alla mia dispensa quindi ho aggiunto un poco di farina di piselli, dei semi di chia al posto di quelli di lino, qui vi lascio la mia versione .
La dose data permette di ottenere 6/7 pezzi.
Conservati in una busta per  alimenti permette ai waffles di mantenersi morbidi.



Waffles vegani al cacao, farina di piselli e semi di chia
Per 6/7 pezzi

  • 155 g farina tipo 1
  • 20 g farina di piselli
  • 175 ml latte di soia
  • 30 ml olio di semi
  • 10 g cacao amaro
  • 50 g zucchero di canna
  • 10 g semi di chia
  • 8 g lievito per dolci
  • ½ cucchiaino di sale
  • Aroma di mandorle
In una ciotola mescolare tutte le polveri, inserire il latte miscelato con l'olio,.
Riposo di qualche minuto.
Procedere alla cottura con l'apposita piastra da waffles, per circa tre/ quattro minuti.
Conservare in una busta per alimenti.








Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

giovedì 10 maggio 2018

Biscotti vegan al burro di arachidi

La falsa illusione nel pensare che vegan sia sinonimo di dietetico e di sano.
In questo caso direi né l'una né l'altra cosa.
E però io avevo in dispensa un barattolo di burro di arachidi crunchy, vale a dire con pezzetti di arachidi, e in qualche modo dovevo trovare il modo di utilizzarlo, così decido di voler provare questi biscotti, nella vana speranza che senza le uova e il burro saranno quasi dietetici.
Mi rifiuto di fare il calcolo delle calorie per pezzo, di solito compenso alle mie scorpacciate mattutine saltando il pranzo , per evitare questo basterà limitarsi a mangiarne solo un paio, se ci riuscite.

Alla fine il calcolo l'ho fatto per ogni biscotto si avranno circa 81 Kcal (considerando 28 pezzi in totale ).

Ricetta presa dal blog Tortainsú





Biscotti vegan al burro di arachidi
Dose per 28 pezzi 
  • 240 g farina 00
  • 80 ml olio di semi 
  • 80 g zucchero di canna 
  • 40 ml latte di soia 
  • 70 g burro di arachidi, per me crunchy 
  • ½ cucchiaino lievito per dolci
 Sciogliere lo zucchero nel latte, unire l'olio.
Incorporare la farina poco alla volta, in ultimo inserire il burro di arachidi e il lievito.
Lavorare con le mani fino ad avere un composto omogeneo.
Formare delle palline, adagiare su cartaforno , appiattire leggermente e decorare con i rebbi di una forchetta.
Cuocere in forno caldo a 180°C per 13' / 15' .
Far raffreddare prima di rimuovere dalla teglia.
                   
                             ***********
I biscotti sono friabili al punto giusto, il sapore del burro di arachidi si sente e la presenza di pezzetti di arachidi regala una piacevole sensazione al palato.



Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

lunedì 7 maggio 2018

Torta vegan all'avena senza uova e senza burro

Sempre a cercare di eliminare qualcosa dalla mia alimentazione, o almeno a limitare. Fatto sta che quando leggo senza immediatamente vengo attratta.
La ricetta di oggi è stata condivisa dal blog yummyoclock e mi é sembrata perfetta per la mia colazione, pochi grassi, buona di sapore e soffice, ha dalla sua anche una estrema facilità di preparazione, ma cosa volere di più?
 Più passa il tempo e più capisco che iniziare la giornata con una bella colazione è un ottimo sistema per partire con il piede giusto.
( Per chi fosse interessato alle mie colazioni può seguire il mio profilo Instagram : carrieriloredana ).


Torta vegan all'avena senza uova e senza burro
Per una torta da 18/20 cm

  • 120 g farina integrale tipo 1
  • 80 g farina di avena ( tritate finemente i fiocchi che usate per colazione )
  • 70 g zucchero di canna
  • 9 g lievito per dolci
  • 120 g yogurt alla vaniglia ( greco nella ricetta originale )
  • 50 ml olio di semi
  • vaniglia 
  • Sale mezzo cucchiaino
  • 80 ml latte di soia
  • 1 cucchiaino di aceto di mele
  • 50 g gocce di cioccolato
  • Fiocchi d'avena per decorare
In una ciotola mescolare le farine, lo zucchero, il lievito e il sale, inserire yogurt, vaniglia e olio .
In un bicchiere versare il latte, aggiungervi l'aceto, mescolare ed inserire nel composto precedente.
In ultimo aggiungere le gocce di cioccolato.
Preriscaldare il forno a 180°C modalità ventilato , versare il composto in un cerchio foderato con cartaforno , cospargere di fiocchi d'avena e cuocere per 25' / 30'.

Non so ancora la durata considerando che l'ho preparato ieri, credo che per tre giorni reggerà tranquillamente.



Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

giovedì 3 maggio 2018

Finti babá di pan di panna

Lo so , lo so che non sono veri babá, ma era una prova e potete tranquillamente utilizzare questo impasto per farne quello che volete, panini, brioche, pizzette , insomma tutto quello che la vostra fantasia si inventerà.
La ricetta originale viene fresca fresca dal blog di Paoletta Anice e Cannella , vi rimando al suo blog per la ricetta originale io vi lascio questa così come l'ho realizzata io, che si sa che il diavolo ci mette sempre la coda.
Decido di provare la ricetta , giusto perché ho un uovo da utilizzare, nonché UNICO E SOLO , purtroppo con la mia nota manualità mentre sgusciavo l'uovo, metà mi é caduto e ho dovuto compensare con altro albume, poi avevo della panna, ma quando sono andata a pesarla erano solo 50 grammi ...va bene, ve lo ribadisco, andate a leggere la ricetta di Paoletta e provatela, questa è la mia versione, quella sgarrupata.
Comunque la prossima volta provo a farne una versione golosa tipo   questa ..




Versione Panini

Pan di panna
Impasto base per versione dolce o salata.
Dose per una teglia da forno per circa 12 panini da 90 g.
  • 600 g farina w 280/330 ( oppure metà 00 e metà manitoba )
  • 60 g albume ( un uovo nella versione originale )
  • 250 ml latte
  • 100 ml panna ( per me 50 ml panna e 60 ml latte oltre quello previsti )
  • 10 g sale
  • 80 g zucchero ( per la versione dolce, altrimenti diminuire un pochino )
  • 25 g burro ( da sciogliere nei 250 g di latte )
  • 10 g lievito di birra fresco
  • Albume e latte per spennellare ( 1 tuorlo + un cucchiaio di panna +sale nella versione originale )
Sciogliere il burro nel latte tiepido, far raffreddare.
Versare in planetaria il latte e burro, l'albume (o l'uovo intero ), un cucchiaio di zucchero e il lievito, far girare un paio di minuti con la foglia, aggiungere farina quanto basta per avere una massa morbida, ma sostenuta, poi proseguire alternando panna, farina e zucchero, riportando l'impasto in corda.
Ribaltare un paio di volte e terminare con la farina e il sale.
Far incordare.
Riposo un'ora coperto, piega a tre e riposo altri 20'
A questo punto a secondo del tipo di impasto potete procedere facendo dei pezzi da 90 g, appiattire, allungare e arrotolare ottenendo un panino.
Versare in teglia 30 X 50 cm , su cartaforno.
Far raddoppiare coperto con pellicola.
Spennellare con la miscela preparata e cuocere in forno caldo a 180°C fino a doratura.
Se ne fate una versione tipo plumcake abbassare la temperatura a 165°C e cuocere per 50', temperatura al cuore 96°C.

I miei finti babà li ho sfornati quando li ho visti dorati , poi li ho inzuppati in uno sciroppo di acqua, zucchero ,caffè e caffesport.
Li ho farciti con una chantilly alla crema di pistacchio e glassati con una glassa rocher fatta con 50g cioccolato al latte, 30 g burro di cacao e granella di nocciole.




Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...