sabato 13 giugno 2015

Hamburger prosciutto e melone, per restare sul semplice per l'MTC n°49

Una Signora Sfida quella che porta il numero 49 dell'MTChallenge, ma non lo dico ogni mese, da circa 41 sfide?
Con l'MTC è così, non fai in tempo a riprenderti dal turbinio delle proposte sempre più creative e fantasiose del mese precedente, che si resetta tutto e si riparte.
Nuovo giro, nuova corsa, nuova ricetta, nuova possibilità di dare voce allo chef che è in noi e che scalpita e che tutte vorremmo poter fare esprimere...più o meno.
Diciamo che a me questa "dimensione" casalinga sta più che bene, anzi, rispetto alla responsabilità di cucinare "sul serio", questa è la situazione ideale: posso provare quello che mi pare, non avvelenerò nessuno, nella peggiore delle ipotesi avrò solo messo sottosopra la cucina, sporcato questo e quell'altro mondo e rovesciato due scatole di ammennicoli vari, usati per creare il set.
Nella migliore delle ipotesi avrò tirato fuori una versione della ricetta della sfida che farà mugulare i figlioli per il piacere dell'assaggio.

Non riuscirò mai a ringraziare abbastanza la bravissima Arianna, vincitrice della sfida sugli spaghetti: con la sua  proposta ha naturalmente avuto immediatamente il consenso del piccolo di casa, mentre la figliola ha subito fatto richiesta di una versione vegetariana...io, che sono una madre perfida, ho realizzato una ed una sola versione per 4, esclusivamente a base di carne, ma il profumo ha talmente stuzzicato le narici della vegetariana in erba ( mi sa che sono ispirata!!!!), che ha prontamente svestito l'abito di mite agnellino ( sempre per restare in tema di erba) per indossare quello di lupo famelico.

In parole povere, cara la mia Mazzetta, la figliola solo per una volta  e solo per dare onore all'hamburger preparato per la tua sfida, ha chiuso gli occhi e addentato un panino di quelli che non mangiava più da secoli...sono quasi commossa, che mi vien voglia di sacrificare un agnello,ecco, l'ho detto!

Il post di Arianna è dettagliatissimo e ricco di spunti e suggerimenti: dal panino, alle salse; dopo aver provato a realizzare un VERO panino farcito, in casa, NIENTE sarà più come prima, quindi ORGANIZZATEVI e non perdete questa possibilità.

Questa volta ho dovuto trovare il fine settimana giusto per poter realizzare la ricetta che avevo in mente, sono partita da una delle idee più banali a cui si possa pensare per risolvere velocemente un antipasto o una cena veloce: prosciutto e melone.
Ho costruito tutto intorno a questo abbinamento, senza strafare, ma cercando di esaltare e "amplificare" i sapori.

Riporto le testuali palore che hanno accompagnato l'assaggio :

(la scena si svolge nel più assoluto disordine di una cucina di casa, con sportelli di pensili semiaperti, frigo lasciato spalancato, tavolo e piani di lavoro ingombri di piatti, taglieri, meloni, cibo, tovaglie, tovagliette, una macchina fotografica pericolosamente in bilico su un cavalletto instabile e due ragazzi di 9 e quasi18 anni in piedi davanti ad un piatto con un panino).
 
- Hmmmmmmm!
-Bbbuono!!
-Fai provare anche a me, anche se non dovrei, ma il profumo è TROPPO invitante....Hmmmmmmmm, ma è una squisitezza.

...e la faccio finita qui!



HAMBURGER PROSCIUTTO E MELONE ovvero L'HAMBURGER ALL'ITALIANA

Dosi per 4 persone.

BUNS CON LIEVITO NATURALE

(la ricetta è rigorosamente quella di Arianna, la riporto solo per promemoria, ma potete leggerla qui)

per 4 panini del diametro di 10 cm circa

  • 250 g di farina (00 e Manitoba al 50%)
  • 150 g di latte 
  • 60 g di lievito madre rinfrescato almeno due volte
  • 20 g di burro 
  • 15 g di zucchero
  • 5 g di strutto 
  • 5 g di sale
  • 1 cucchiaino di miele
Se possedete una planetaria, utilizzatela, ma nel caso ne foste momentaneamente sforniti, sappiate che questi panini verranno bene anche  a mano.

Spezzettate il lievito in una ciotola, unite il latte a temperatura ambiente e scioglietelo, unire le farine setacciate, lo zucchero, il miele, lo strutto e il burro morbido, in ultimo unire il sale.
Lavorare energicamente fino ad ottenere un impasto morbido e omogeneo.

Formare una palla e porre a lievitare in una ciotola coperta con pellicola e con un canovaccio.
Al raddoppio ( che varierà in base alla temperatura ambiente) dare una serie di pieghe a tre, porre nuovamente a lievitare con la chiusura delle pieghe in basso.
Dopo un'ora dividere l'impasto in quattro pezzi uguali, arrotondare bene, per formare i buns, adagiarli sulla teglia coperta con cartaforno, schiacciarli leggermente e lasciare lievitare per un'altra ora coperti con della pellicola.


Trascorso questo tempo preparare una miscela con un uovo battuto e poco latte, spennellare la superficie dei buns, coprire con i semi scelti ( per me sesamo e zucca) , preriscaldare il forno a 180°C e cuocere per circa 20'-25'.
Sfornare e lasciar raffreddare su una gratella.

HAMBURGER AL PROSCIUTTO E MARSALA

per 4 hamburger dello stesso diametro dei panini
  • 250 g spalla di vitello macinata al momento
  • 100 g prosciutto crudo
  • 1 cucchiaino di cipolla tritata finemente
  • 1 spicchio di aglio piccolo tritato finemente
  • un cucchiaio e mezzo di Marsala
  • sale un pizzico
In una ciotola mescolare la carne tritata e il prosciutto, passato ugualmente nel tritacarne, unire la cipolla, l'aglio, il Marsala e pochissimo sale.

Mescolare senza scaldare troppo il composto, come suggerisce Arianna meglio non superare i 22°C per evitare di sciogliere il grasso contenuto nella carne.
Dividere in 4 parti, schiacciare leggermente e tenere da parte.
La dimensione dovrà essere di poco più grande di quella dei panini.



RIDUZIONE ALL'ACETO BALSAMICO
 
 per la riduzione all'aceto balsamico

  • 300  ml aceto balsamico
  • 25 g zucchero
  • 25 g miele di castagno
 In una casseruola versare l'aceto, unire lo zucchero e il miele e portare a bollore.
Cuocere fino a che la salsa sia ridotta della metà, allontanare da fuoco e tenere da parte.
È possibile preparare la salsa in anticipo e conservarla anche a temperatura ambiente in una bottiglietta.

PER FARCIRE
    • scamorza affumicata tagliate a fette sottili ( 1 fetta per ogni panino)
    • prosciutto crudo a fette ( 1 fettina per panino)
    • melone retato a fettine sottilissime
    INSALATA DI RUCOLA , MELONE CON RIDUZIONE ALL'ACETO BALSAMICO

    per 4 persone

    • rucola 100 g
    • melone retato 300 g 
    • riduzione all'aceto balsamico
    • sale
    • olio extravergine di oliva
    Tagliare il melone a dadini di circa 2 cm per 2.
    In un piatto mescolare la rucola con i dadini di melone, unire il sale e l'olio e terminare con un filo di riduzione all'aceto balsamico.



    COMPOSIZIONE DEL PANINO

    Scaldare bene la griglia su fuoco medio /alto, cuocere gli hamburger per circa 3 minuti per lato, evitare di schiacciare.
    Essendo un hamburger abbastanza ricco di grasso, in cottura questo si scioglierà è il vostro piano cottura non sarà più quello di prima ;)
    Nel frattempo, in un pentolino antiaderente, rosolare senza nessun condimento le fette di prosciutto.
    Tagliare i panini a metà, porre una fetta di scamorza affumicata, l'hamburger caldissimo, le fettine di melone, la fetta di prosciutto, una generosa dose di riduzione, chiudere con il resto del pane.

    Servire con accompagnamento di insalata di rucola , melone e riduzione all'aceto balsamico.




    Con questa ricetta partecipo all'MTC n°49

    Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
    Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

    15 commenti:

    1. Davvero un classico, questo abbinamento!!!
      Avevo pensato anch'io a una versione agrodolce ma il melone non mi era proprio venuto in mente!
      E mi piace un sacco come hai fatto la carne.. Doveva essere saporitissima! Brava!

      RispondiElimina
    2. Posso davvero immaginare la scena che si è svolta nella tua cucina. nella mia ogni volta la stessa cosa: stessa confusione di sportelli aperti e oggetti pericolanti, mentre io tento di salvare i miei piatti dagli assalti famelici prima di fotogafare. In questo caso avrai dovuto faticare non poco a tener lontano gli squali dal panino. Lo avrei addentato volentieri anch'io.Mi piace l'idea di mettere nell'hamburger il simbolo delle nostre estati italiane: prosciutto, melone, rucola e balsamico.Brava.

      RispondiElimina
    3. L'aspetto è davvero invitante, purtroppo come sai sono vegetariana da 20 anni e non mi sarei fatta tentare, ma sono obiettiva e ammetto creativa l'idea di inserire il melone nella farcitura, unito ai saporiti scamorza e prosciutto crudo. Foto bellissime come sempre ! Un bacione

      RispondiElimina
    4. Goloso davvero! E foto spettacolari!!!

      RispondiElimina
    5. che bontà loredana eh si all'italiana anche tu e questo è davvero da poter proporre in pizzeria molto fresco
      sto cercando i migliori panini per metterli su carta mtc :)

      RispondiElimina
    6. No vabbè, ma tu non hai proprio reso onore a questo panino definendolo semplicemente prosciutto e melone. Panino strepitoso, dal primo all'ultimo dettaglio.

      RispondiElimina
    7. sì appunto, una robina semplice semplice....bellissima idea, veramente!! combina succulenza e freschezza in modo estremamente brillante, mi piace mi piace mi piace :-)

      RispondiElimina
    8. riesci a stupirmi per la tua fantasia bella e e alla fine cossì "reale" nella tua cucina..... brava Loredana, veramente!!!

      RispondiElimina
    9. Passa da me, scoprirai che sei in finale !
      baci
      Alice

      RispondiElimina
    10. Mi hai fatto morire! La redenzione dell'ex vegetariana a suon di hamburger, e per festeggiare.. sacrifichiamo l'agnello :D :D

      Bellissimo hamburger, semplice ma raffinatissimo, un colpo da maestro!

      RispondiElimina
    11. Direi che come madre sei diabolica, ma credo con tutta onesta che il profumo di quel panno sia qualcosa di irresistibile. Ma come ti è venuto in mente il marsala? Adorooooo...e poi quella riduzione al balsamico? Parliamone.
      Tua figlia è vegetariana, la mia mangia le mucche vive. Mai due Alici potrebbero essere così diverse.
      Ti abbraccio Lori, adoro sempre passare da te.
      Pat

      RispondiElimina
    12. Da quando lavoro in cucina e affianco uno Chef di tutto rispetto (anche se se questa estate sta iniziando a mozzichi e bocconi, giusto per rimanere in tema panino) ciò che mi sento ripetere più e più volte è che per creare un grande piatto bisogna avere delle basi solide perché la fantasia senza basi può farti creare dei mostri.
      Tu sei partita da un idea di base semplice, hai ragione, prosciutto e melone. Ma il tuo panino non lo è. Perché chi diavolo ci avrebbe mai pensato a metterlo in un panino? E' come per la Monnalisa coi baffi di Duchamp, tutti potevano disegnarci quei baffetti, ma solo uno, solo un artista l'ha realizzato. Ed ecco che un idea semplicissima diventa un opera d'arte, come il tuo panino. Talmente bello, fresco e buono che perfino la tua bimba vegetariana ha ceduto e se l'è pappato. Se non son soddisfazioni queste!
      Ciò che mi piace di più di questo panino è proprio il fatto che conoscendo tutti i sapori so perfettamente l'effetto e le emozioni che può suscitare al palato: quella polpetta di carne calda con la giusta percentuale di grasso (hai usato la spalla, oh yes!) che incontra la freschezza e la dolcezza del melone, l'acidità del balsamico, la morbidezza di una scamorza affumicata che lega il tutto...
      Loredana, mi inchino!! Complimenti!!!

      RispondiElimina
    13. Ragazze , grazie di cuore a tutte per gli apprezzamenti.
      Devo ammettere che anche al cuoco ha strappato un "buono" a bocca piena.

      RispondiElimina
    14. Giusta punizione per la vegetariana in erba :-)
      la mia è nella fase naturopata, ma lei segue da sempre la religione della carne: sta tritando maiale e robe grasse, su cui non voglio metter lingua (mi sa che stamattina sono ispirata anche io)
      Mentre copiavo la ricetta sul quaderno del "MUST DO IT" pensavo alle combinazioni con l'ananas delle zone hawaiane e tropicali tutte: a Sing sing non osano, anche perché il frutto nazionale ha una tale puzza che ha ispirato la nascita di una nuova segnaletica,con cartelli di divieto di consumo sparsi in tutta la città: ma basta spostarsi un po' di latitudine edecco spuntare l'ananas, con il maiale, per dire. Quindi, la variazione "italica" ha, come sempre, un sacco di richiami: il più forte, però,resta sempre quello dell'appetito. Ma con te, non è mai una novità. Dì a don Ciccio che vogliamo lasezione fast food,dopo questo :-)

      RispondiElimina
    15. Io sono sempre più convinta che la semplicità paga e vince. Perché è nella ricerca della semplicità che spesso ci si perde. E poterla riportare in cucina, soprattutto abbinata ad un piatto che si è portati a pensare in big size, è davvero una cosa difficile.
      Tu dimostri sempre che con un po' di studio e attenzione si possa trovare quella chicca in più, quel qualcosa che possa fare la differenza e rendere speciale anche le cose più semplici. Mi piace tantissimo questa idea di mettere il prosciutto e il melone in un panino all'americana :) Mi sa che è un'idea che ti copierò. Mi sono divertita così tanto a preparare questi burger che di sicuro ripeterò e mi sbizzarrirò a tirarne fuori altre versioni :)

      RispondiElimina

    Lascia un tuo commento se ti fa piacere :)

    Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...