giovedì 2 aprile 2015

La Pia ovvero zuppa di grano molisana per L'Italia nel Piatto

Siamo alle porte della Pasqua e noi de L'Italia nel Piatto abbiamo deciso di concentrare la nostra attenzione sui piatti tipici di questo periodo, sono sicura che troverete ottimi spunti e suggerimenti per preparare il vostro buffet.
Per quel che riguarda il Molise, ho deciso di proporre una ricetta tipica e piuttosto originale per l'utilizzo del grano.
 Tradizionalmente l'utilizzo più comune del grano nella cucina molisana è all'interno della pastiera, dolce passato dalla Campania al Molise e diventato tradizionale delle festività di Pasqua.
Spulciando i miei libri di cucina però , ho scoperto che esiste l'utilizzo di questo cereale anche in una ricetta salata.
Ho provato a reperire il grano da cuocere, ma è stato praticamente impossibile, ho dovuto ripiegare sul grano già cotto, quello che in questo periodo si trova proprio per la preparazione della pastiera e, devo dire, è stato così semplice utilizzarlo che da oggi in poi questo piatto ( con tutte le sue infinite varianti) entrerà a pieno titolo nel menù di casa mia.

Qui trovate tutte le regioni che sapranno farvi viaggiare sulle ali della tradizione e dei profumi delle cucine di tutta Italia:

Valle d'Aosta: Frittata di patate e ortiche http://www.atuttopepe.ifood.it/2015/04/frittata-di-pa…sta-nel-piatto.html

Piemonte: non partecipa

Trentino-Alto Adige:  Fiadoni Trentini http://www.afiammadolce.ifood.it/2015/04/fiadoni-trentini.html

Friuli-Venezia Giulia: Pinze triestine http://ilpiccoloartusi.weebly.com/litalia-nel-piatto/pinze-triestina-per-litalia-nel-piatto

Veneto: non partecipa

Lombardia: La colomba pasquale http://kucinadikiara.blogspot.com/2015/03/la-colomba-pasquale.html

Liguria:  tagliolini al sugo di carciofi      http://arbanelladibasilico.blogspot.com/2015/04/litalia-nel-piatto-le-ricette-di-pasqua.html

Emilia Romagna: Pagnotta Pasquale di Sarsina http://zibaldoneculinario.blogspot.com/2015/04/pagnotta-pasquale-di-sarsina-per.html

Toscana: Coniglio pasqualino (o in carciofaia)
http://acquacottaf.blogspot.it/2015/04/coniglio-pasqualino-o-in-carciofaia.html

Marche: I piconi marchigiani http://lacreativitaeisuoicolori.blogspot.com/2015/04/piconi-marchigiani-ricetta-tipica-delle.html

Umbria: Frittata Pasquale  http://www.dueamicheincucina.ifood.it/2015/04/frittata-pasquale.html

Abruzzo: :Cuori,Pupe e Cavalli di Pasqua http://ilmondodibetty.it/cuoripupe-e-cavalli-di-pasqua/
  
Molise: La Pia: zuppa di grano alla molisana http://lacucinadimamma-loredana.blogspot.com/2015/04/la-pia-ovvero-zuppa-di-grano-molisana.html

Lazio:  Vignarola http://beufalamode.blogspot.com/2015/04/vignarola.html

Campania: Minestra Maritata di Pasqua
http://www.isaporidelmediterraneo.it/2015/04/minestra-maritata-di-pasqua.html

Puglia: Taradde ch-u scelèppe http://breakfastdadonaflor.blogspot.com/2015/04/cucina-pugliese-taradde-ch-u-sceleppe.html


Basilicata: Pane di Pasqua salato
http://blog.alice.tv/profumodicannella/2015/04/02/pane-di-pasqua-salato-il-puccillato-di-noepoli/


Calabria: Riganella http://ilmondodirina.blogspot.com/2015/04/riganella.html

Sicilia: Le colombine http://burro-e-vaniglia.blogspot.com/2015/04/le-colombine.html

Sardegna: non partecipa



La  pia è un piatto tipico di Sant'Agapito, paese in provincia di Isernia, dove, per tradizione viene mangiato il Sabato Santo o la mattina di Pasqua.
Richiama antichi riti pagani di primavera, propiziatori di buoni raccolti e di abbondanza.
Anticamente per preparare questo piatto veniva utilizzato il grano "spogliato", cioè  messo a bagno per ventiquattro ore nella "pila" ( grosso recipiente di legno a forma di imbuto), poi privato della pula con i colpi di un pesto ( mazzola) in legno.
Mentre veniva " spogliato", il grano era bagnato con pochissima acqua tiepida, questa operazione veniva fatto fino a quando il grano non era pronto per essere setacciato.
A questo punto il grano era pronto per essere cotto a fuoco lento con abbondante acqua salata.
Oggi è possibile saltare  questo passaggio utilizzando del grano precotto, in barattolo.



La Pia
per 4 /6 persone
  • due barattoli di grano cotto ( per pastiere) circa 900 g
  • una noce di strutto o un cucchiaio di olio di oliva
  • 4 uova sode
  • 2 cucchiai di capperi
  • olive verdi snocciolate
  • 2 scamorze secche
  • salsiccia secca
  • prosciutto crudo tagliato a fette sottilissime
Versare il grano in una pentola in cui avrete fatto sciogliere lo strutto o scaldare l'olio, mescolare e unire un bicchiere di acqua, far asciugare e aggiungere la salsiccia secca a pezzetti ( io ho utilizzata una al peperoncino), fare insaporire e salare se occorre.


Ungere un tegame di terracotta ( o uno stampo per soufflè)  con una noce di strutto, versare una parte del composto, fare uno strato con fettine di uova sode, olive verdi e pochissimi capperi, versare un altro strato e farcire con tocchetti di scamorza secca e prosciutto crudo, terminare con uno strato di grano.
Cuocere in forno caldo a 180°C per circa 30 minuti , o fino a quando non si sarà formata una crosticina.

Far riposare 10 minuti e servite.







Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

23 commenti:

  1. Ero curiosissima di vedere la Pia e non sono rimasta affatto delusa! Buona Pasqua Lori carissima, ti abbraccio forte forte, a presto

    RispondiElimina
  2. Non conoscevo questo piatto e ne sono rimasta estasiata... come mi piacerebbe assaggiarla!
    Complimenti veramente e tantissimi auguri di buona Pasqua! :-)

    RispondiElimina
  3. uno sformato ricco di ingredienti poveri -la definirei così - piatto davvero particolare... ancora tanti auguri di cuore! un bacione!

    RispondiElimina
  4. mi piacciono tutti gli ingredienti sarà buonissima! Buona Pasqua e un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  5. Un vero piatto della tradizione come solo tu sai fare! Splendido è dir poco! Complimenti Loredana e tantissimi auguri di buona Pasqua!

    RispondiElimina
  6. Ammazza che zuppa!! Buonissima, ma non proprio leggerissima, ecco! E pensare che io sto preparando la tua mousse al limone quasi senza niente :D

    RispondiElimina
  7. Ricetta molto particolare....mi piace!
    Auguri a te e famiglia una buona Pasqua.

    RispondiElimina
  8. Mi incuriosisce molto questa zuppa di grano, la proverò! Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  9. Queste sono le ricette che a me piacciono tanto.Questa ricetta me la salvo.Bravissima e ti auguro una serena Pasqua

    RispondiElimina
  10. Qui scopro spesso piatti per me completamente nuovi, ricetta salvata la proverò presto!
    tantissimi auguri per una serena Pasqua piena di gioia e di tanto buon cibo!
    Alice

    RispondiElimina
  11. che gran bella idea, pensavo che con il grano si faceva solo la pastiera invece che bella ricetta

    RispondiElimina
  12. Che bella! L'altro giorno alla Dante i miei studenti d'italiano dicevano proprio che non sanno nulla del Molise, regione troppo poco conosciuta all'estero!
    Buona Pasqua!

    Ciao
    Alessandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, Alessandra, io, nel mio piccolo, cerco di promuoverlo anche facendo conoscere la sua cucina ;)

      Elimina
  13. Ero curiosa di conoscere la Pia e ti dirò ... ora so come utilizzare in altro modo il grano cotto. Grazie per la ricetta e buona Pasqua

    RispondiElimina
  14. E' bellissimo vedere come il grano venga utilizzato anche in versione salata!!! Da non perdere questa ricetta, complimenti Lory, passo solo ora ma i miei auguri te li lascio ugualmente!! <3

    RispondiElimina
  15. Complimenti per il tuo piatto e il tuo post!

    RispondiElimina
  16. Ciao Lori, ti ho copiato una ricetta, la frittata di asparagi selvatici: squisita! Se ti va puoi vederla qui
    http://arbanelladibasilico.blogspot.it/2015/04/menu-del-centro-per-la-via-dei-sapori.html
    Un bacione e grazie :)

    RispondiElimina
  17. Non conoscevo questa gustosa zuppa, grazie Loredana, la faccio sicuramente!!!!

    RispondiElimina
  18. Ero alla ricerca di un qualcosa di analogo da un bel po'. In realtà la ricetta che cercavo credo avesse origini pugliesi, ma "mi accontento" di questa! Per il grano: una volta mi sono cimentata con il grano da cuocere: un incubo...ha cotto per ora, ma non si ammollava mai!

    RispondiElimina
  19. Un piatto povero e ricco nello stesso momento. Complimenti.

    RispondiElimina
  20. mai sentito parlare di questa sfiziosa zuppa, mi piace, un bacione

    RispondiElimina
  21. questo piatto mi piace troppo amo il grano e questo lo devo provare

    RispondiElimina
  22. Ma quante cose s'imparano! A volte mi sono chiesta se potevo usare in qualche ricetta salata il grano comprato per la pastiera. Fare la tua Pia mi sembra proprio l'occasione giusta. Grazie!

    RispondiElimina

Lascia un tuo commento se ti fa piacere :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...