martedì 27 maggio 2014

Tarallini bolliti ai semi di finocchio e gusto pizza

In realtà è così semplice acquistare questo tipo di prodotto bello e fatto che mai e poi mai mi sarebbe venuta la voglia di realizzarli se non fosse partita la richiesta del piccolo di casa.

Come resistere?

Ho cercato in rete ed ho visto che fondamentalmente è una ricetta molto semplice, ne ho provato un paio e alla fine ho trovato un equilibrio per la realizzazione che piace a noi.
Naturalmente per gli originali consiglio sempre un salto in Puglia, ma aspettando le vacanze è sempre possibile prepararseli così.

Le dosi sono abbondanti, richiedono un pò di buona volontà nella fattura e cottura, il risultato e la soddisfazione ripagano in pieno.



Tarallini bolliti ai semi di finocchio e gusto pizza

  • farina 0 1 kg
  • olio extravergine di oliva 250 g
  • vino bianco 250 ml
  • acqua 50 ml ( se occorre)
  • semi di finocchio un cucchiaio
  • sale 12 g
  • concentrato di pomodoro 3 cucchiai
  • origano secco q.b.
Scaldare il vino e sciogliervi il sale previsto.

Nella ciotola della planetaria versare la farina, l'olio previsto, il vino e il sale e far lavorare per almeno 15 minuti, se occorre unire l'acqua prevista , l'impasto dovrà risultare morbido per poter essere lavorato, ma consistente un pò più la pasta del pane.
Dividere l'impasto in due parti, in una aggiungere i semi di finocchio, nell'altra unire il concentrato di pomodoro e l'origano.
Formare due panetti e lasciar riposare su un piano, coperti da una ciotola.

Tagliare dei pezzi e lavorarli ottenendo dei bastoncini di circa 1,5 cm di spessore.
Tagliarli a pezzi di 7/8 cm, unirli formando una ciambellina e lasciare da parte.

Preparare una pentola capiente con dell'acqua, quando raggiungerà il bollore versare pochi tarallini alla volta, aspettare che tornino a galla, scolarli e poggiarli su un canovaccio da cucina.

Proseguire con tutti i tarallini.

Lasciare asciugare anche per una notte.

Scaldare il forno a 200°C nodalità ventilato e cuocere i tarallini per 20'.

Lasiarli nel forno spento ad asciugare dopo la cottura.

Risulteranno croccanti e friabili.






Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

15 commenti:

  1. Bravissimaaaaa!!!!! Anche mio figlio mi chiede da tempo i taralli e dovrò prepararli al più presto, la tua ricetta è molto interessante, grazieeee!!!!

    RispondiElimina
  2. hai ragione Loredana è un lavorone senza fine, specialmente se li fai bollire anche, pero' vuoi mettere la fragranza dei taralli appena fatti che quelli comprati in busta? :-)

    RispondiElimina
  3. Ci vado matta. Segno la ricetta.

    RispondiElimina
  4. Che meraviglia!!! Molta buona volontà per farli e cinque minuti per vederli sparire. Vero?
    Anche noi li abbiamo preparati da poco, visto che senza glutine in commercio non si trovano, e da pugliesi è una cosa che ci fa parecchio gola!!!
    Ancora complimenti per il risultato.
    Ti mando un grande abbraccio. A presto.
    Alice

    RispondiElimina
  5. li compro e mi piace sgranocchiarli la sera davanti alla tv, provo la tua ricetta!

    RispondiElimina
  6. ...che buoni!!! Mio marito tempo fa ne aveva acquistato una fornitura abbondante direttamente in Puglia...ma sono deleteri peggio delle ciliegie...ho pensato spesso di prepararli ed ora ecco che arrivi tu!!?? Una vera tentazione!!! Bravissima!!!

    Un abbraccio
    monica

    RispondiElimina
  7. Se è gusto pizza ....allora devo provarli assolutamente!!! ;)

    RispondiElimina
  8. Mai mangiati al gusto pizza! Tesoro ti sono venuti perfetti...te li copio ma dimezzo la dose altrimenti chi miferma poi a mangiarli?!
    Baci
    Alice

    RispondiElimina
  9. Lory sei un pozzo di idee e cose buone. Mi fai sempre venire voglia di mollare tutto e mettermi a pasticciare con la farina :) Il gusto pizza è il mio preferito.. Inutile dirti che me li segno, vero?

    RispondiElimina
  10. Sai che non li ho mai provati?
    La tua ricetta mi piace.

    RispondiElimina
  11. Ciao carissima, come stai?
    Oddio i tarallucci, non so quanti ne abbiamo mangiati l'anno scorso in Puglia e i miei suoceri ce ne hanno portati altri poco tempo fa, l'abbiamo finiti in un nano secondo :D
    Ma farli in casa no, non ci avevo mai pensato, però come al solito fai sembrare tutto semplice, quindi perché non tentare?
    ps: ma si lessano?? :-/
    Un abbraccio ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiaretta, certo gli originali sono insuperabili , ma anche questi non sono male.
      Dicono bolliti e passati al forno e si mantengono a lungo.
      Un abbraccio

      Elimina
  12. Adoro i tarallini, il problema è che quando comincio me ne mangerei un sacchetto intero, quindi evito di farli. Ma cavoli, il gusto pizza mi intriga tantissimo, non li trovo al gusto pizza al super. So già che finirò per farli :-)

    RispondiElimina
  13. io adoro i taralli e farli in casa sarebbe davvero bellissimo!! non sapevo ci volesse la bollitura prima di cuocerli.. siccome mi piacciono tantissimo devo proprio provare a farli a casa!! mi segno la tua ricettina!! :)

    RispondiElimina

Lascia un tuo commento se ti fa piacere :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...