mercoledì 9 aprile 2014

Quiche con farina di kamut, lievito madre non rinfrescato , porri e finocchi

Gli ultimi porri e finocchi dell'orto del nonno, stagionalità che di più non si può.
In aggiunta ci si è messa anche la figliola con la decisione di non voler più mangiare carne...cosa che mi dispiace relativamente, considerando che già normalmente la mangiamo massimo due volte a settimana.
Riuscirò a farle mangiare quello che finora ha sempre snobbato, tutte le verdure del mondo e anche di più, quindi preparatevi a tanti piatti senza la carne, se mai vi foste accorti della sua massiccia presenza su questi schermi.






Rustico porri e finocchi in crosta al kamut e lievito madre non rinfrescato

Per una teglia da 20 cm

Per la base
60 g lievito madre non rinfrescato ( max due giorni)
65/75 ml latte a temperatura ambiente
65 g farina di kamut
60 g farina 00
sale


Per il ripieno
Porri ( se piccoli come quelli del nonno 5-6, altrimenti 1 di quelli standard da supemercato)
Finocchi 1 medio-piccolo ( anche qui i raccolti del nonno non garantiscono risultati extralarge)
Burro 30 g
Uova 4
Mozzarella appassita 100 g
Parmigiano grattugiato 30 g
sale


Preparare la pasta sciogliendo il lievito, riportato a temperatura ambiente, nel latte.
Unire le farine setacciate e il sale, lavorare fino ad avere un composto ben amalgamato.

Arrotondare e porre in una ciotola coperta, al caldo, a riposare per 2 ore.

Preparare il ripieno.
Sbucciare i porri e tagliarli a rondelle, tenere da parte.
Lavare il finocchio , tagliarlo a cubetti piccoli.
In una padella versare il burro e farlo scaldare, unire i porri e i finocchi e far stufare dolcemente, per circa 15'-20', a metà cottura salare e coprire con un coperchio, far intiepidire.
In una ciotola sgusciare le uova e batterle insieme al parmigiano e al sale.
Tagliare la mozzarella a cubetti o fettine sottili.
Stendere la pasta in un disco di circa 35 cm di diametro, adagiare in una teglia foderata con della carta forno, lasciare i bordi eccedenti fuori ( vi serviranno per ripiegarli sul ripieno, in seguito).

Cospargere il fondo della pasta con i porri e i finocchi, coprire con i dadini di mozzarella  e versare su tutto le uova .
Ricoprire con l'eccedenza di pasta dei bordi ( il centro resterà libero, ma va bene così) e cuocere in forno caldo a 180°C per 35'.





Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

16 commenti:

  1. Tu mi dai sempre spunti nuovi e sicuramente proverò la base, le ricette con il lievito non rinfrescato sono sempre comodissime!
    Un bacione e buona giornata :)

    RispondiElimina
  2. molto interessante, io invece per fare mangiare la verdura a mia figlia...devo camuffargliela in rustici, quiches, etc...
    che vita quella delle mamme, eheheheh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho rinunciato, lo confesso...oramai cucino e poi chi vuole mangia :D

      Elimina
  3. ecco, per provare questa quiche potrei utilizzare i finocchi bio del mio orto, purtroppo con il lievito madre non vado molto d'accordo...ma forse è solo colpa mia, mi applico poco sull'argomento...un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è mica indispensabile usare il lm, anche una semplice pasta come quella della pasqualina è perfetta per le quiche ( e anche economica!)
      Un abbraccio anche a te

      Elimina
  4. Ottimo modo per usare il mio lievitino. Sembra molto buona ^_^
    Buona giornata da
    La cucina di Lilla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I prodotti dell'orto del nonno hanno fatto la differenza, la cosa buona è che si può variare in mille modi.
      Buona giornata a te

      Elimina
  5. una quiche dalutare e gustosa, sapori diversi dal solito e assolutamente perfetti

    RispondiElimina
  6. une belle quiche appétissante et délicieuse bravo
    bonne soirée

    RispondiElimina
  7. Ciao Loredana, seguo da poco il tuo blog e lo trovo molto bello.
    Questa ricetta mi piace molto, non ho mai fatto dei rustici. Non uso il lievito madre, penso di poterlo fare anche con il lievito di birra, anche se il risultato non sarà certo lo stesso. Che ne dici?
    Grazie e a presto!
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Alice, grazie per essere passata, puoi tranquillamente sostituire il lievito madre con il lievito di birra, riducendo, naturalmente i tempi di lievitazione.

      Elimina
  8. che gran bella quiches non solo per la pasta che miterebbe un elogio ma per il ripieno

    RispondiElimina
  9. Ciao cara!
    In effetti... di carne se ne vede ben poca su questo blog :-) Invece noi ne mangiamo abbastanza, carne bianca però!
    Mi piacciono i finocchi e mi piace il porro, questa quiche è interessante!
    ps: ma 'st'orto del nonno l'hai svaligiato?? ahahah baciiiii

    RispondiElimina
  10. Magari èpotessi svalòigiarlo, purtroppo è sempre troppo lontano!
    Baci a te :*

    RispondiElimina
  11. Mi piace tantissimo il guscio, ma ancora di più il ripieno (io di solito mi limito ai porri, ma con il finocchio credo che abbia un'aromaticità molto fresca)...poi mi rimane la curiosità della mozzarella appassita, che non conosco, ma già solo il nome... ;)

    RispondiElimina

Lascia un tuo commento se ti fa piacere :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...