venerdì 22 novembre 2013

Pallotte cacio e uova vestite a festa per Mangiare Matera


Dopo un primo, ecco un secondo, per Mangiare Matera sempre con un prodotto di eccellenza della Basilicata: il Pane di Matera  con la sua forma a cuore, il suo colore giallo oro, il suo profumo.
Devo ammettere che mangiato semplicemente con un filo d'olio ha saputo regalarmi sensazioni indicibili.
Epperò ho voluto "sacrificarne" una parte  per una ricetta che mi ronzava in testa, devo riconoscere che ci è piaciuta moltissimo e qualcuno ne ha approfittato anche per fare la scarpetta.




Pallotte cacio e uova vestite a festa per Mangiare Matera
per 4 persone
  • 250 g carpaccio di bovino
  • 100 g mollica di Pane di Matera
  • 15 fette di pancetta tagliata a fette sottili
  • 1 uovo intero
  • 20 g parmigiano grattugiato
  • 20 g pecorino grattugiato
  • 15 ml di vino bianco secco
  •  olio extravergine di oliva
Ridurre la mollica di pane in briciole piuttosto piccole, versare in una ciotola e unire i formaggi, l'uovo leggermente sbattuto e lavorare con le mani fino ad avere un composto piuttosto compatto.

Stendere una fetta di carpaccio, creare un piccolo cilindro con una parte del conposto di pane e avvolgervi intorno la fetta di carne.
Dividere a metà cercando di ottenere due involtini regolari di circa 2 centimetri.

Avvolgere attorno ad ogni involtino una fettina di pancetta ( eventualmente metà fetta se dovesse risultare troppo grande), infilare quattro involtini su uno spiedino di legno .

In una padella larga e bassa versare abbondante olio e scaldarlo, adagiarvi gli spiedini e farli rosolare, a fuoco medio,coperti, per 4 minuti, girandoli da tutti i lati.
Trascorso questo tempo, scoprire, sfumare con il vino bianco e proseguire la cottura per altri 2 minuti.

Servire caldi.




Con questa ricetta partecipo al concorso Mangiare Matera ospitato su Scatti Golosi da Teresa De Masi

http://www.scattigolosi.com/2013/10/mangiarematera-un-nuovo-concorso-tutto.html


Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

14 commenti:

  1. Questa ricetta mi piace tantissimo! Sono certa che in famiglia anche i miei farebbero la scarpetta! Buonissima giornata.

    RispondiElimina
  2. Estremamente invitante....solo uno "scriteriato" non avrebbe fatto scarpetta;)))

    RispondiElimina
  3. Mooolto buono. Il pane di Matera qui a Trieste non si trova, l'ho trovato quando ci vado a Udine. La ricetta è squisita e userò un pane che assomiglia..... Buona fine settimana.

    RispondiElimina
  4. Che ricetta!Mette l'acquolina in bocca..e quel pane...che meraviglia!!

    RispondiElimina
  5. Ma che spettacolo di ricetta!!!! Mi brontola la pancia solo a vedere le foto!!!! ^_^
    Ciao buon we!!!

    RispondiElimina
  6. E ti meravigli che qualcuno abbia voluto fare la scarpetta? Io sarei andata a rubare anche altro da quella padella, se non si è capito questa ricetta ci manda in estasi, sapori deliziosi che profumano di tradizione.
    Baciotti e buon fine settimana
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  7. Anche io farei la scarpetta. Sono molto golose.

    RispondiElimina
  8. Vestite a festa sì! Che meraviglia..e come non fare anche la scarpetta, cara mia?!

    RispondiElimina
  9. Che bella proposta cara Loredana! Confesso che per questo contest ho pensato così tanto che mi sono confusa da sola;) tu sei stata bravissima e come dicono qui sopra, un piatto da scarpetta :-)
    Un abbraccio cara

    RispondiElimina
  10. manina ladruncola.... mi sembra di sentire i profumi...

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  12. Eccomi, in ritardo ma sono arrivata. In bocca al lupo per il concorso. :)

    RispondiElimina
  13. Bellissima ricette casereccia, come quelle che conquistano il palato e il cuore! Brava Loredana e grazie per avermi fatto conoscere il pane di Matera! Un abbraccio Helga

    RispondiElimina

Lascia un tuo commento se ti fa piacere :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...