lunedì 7 ottobre 2013

Pane arabo con lievito madre NON rinfrescato

L'avventura con il mio lievito madre, quello senza nome , continua.
Oramai è uno di famiglia, quando si apre il frigo lui è lì che mi guarda speranzoso, mi fa l'occhiolino, alle volte tenta di fuggire dal suo barattolo di vetro facendo forza sul tappo e, spesso, riuscendo anche a rovesciarlo...mi viene il dubbio che forse vuol dirmi qualcosa, magari che un contenitore un pò più grande glielo potrei anche trovare?

Ma io sono, come si dice da queste parti, una " coticona", non mi commuovo facilmente ( anche su questo posso smentirmi da sola, che la maturità mi sta facendo strani scherzi!) e comunque non mi lascio convincere da un lievito SENZA NOME, anche se lo vedo quasi in fin di vita.

Fatto sta che di tanto in tanto gli permetto di fare un giretto in cucina e allora vai con il divertimento, la planetaria , per lui, diventa come la migliore attrazione di un  parco dei divertimenti,e io lo vedo che si diverte da matti: quando esce da lì è quasi irriconoscibile, gonfio, soffice e rilassato :)
Ma anche raddoppiato di volume e non sempre mi occorre utilizzarne una parte e allora, dopo un altro riposino al calduccio, gli dò una strizzatina e lo ripongo nella sua casetta di vetro trasparente.

Mi dispiace doverne sacrificare un pò , quando non so cosa preparare e le ricette che utilizzano lievito madre non rinfrescato sono sempre le benvenute.

Questa l'ho vista da Monica , ma seguendo i vari link ho scoperto che la fonte  è Kitty's kitchen, quindi dopo aver giustamente dato a Cesare quel che è di Cesare, vi lascio la ricetta che, a parte i tempi per la lievitazione, risulta fattibilissima!



Pane arabo con lievito madre NON rinfrescato
  • 100 g di lievito madre NON rinfrescato
  • 300 g manitoba
  • 150 g acqua
  • 1/2 cucchiaino di zucchero
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • farina di semola per il piano di lavoro
Nella planetaria con il gancio versare farina, lievito madre, zucchero e acqua e far girare a vel.1 per amalgamare bene gli ingredienti, proseguire per altri 5' a vel.2.

Unire il sale e proseguire per altri 5'.

Rovesciare il composto in una ciotola unta di olio, coprire con della pellicola e far lievitare al caldo per 3 ore.

Trascorso questo tempo rovesciare l'impasto su una tavola cosparsa con farina di semola di grano durao, dividere in 6 pezzi e formare delle palline, schiacciarle, come per fare la pizza, adagiare su cartaforno e far lievitare per altre 2 ore.
Cuocere in forno caldo a 180°C per 20'.

Ho fatto il doppio della dose realizzando anche delle pizzette con del pomodoro pelato, olio extravergine di oliva, origano e poco sale, i tempi di cottura non cambiano, il risultato è allo stesso modo gustoso.






Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

27 commenti:

  1. ahahah la storia infinita del lievito madre senza nome ahahah mi fai morire! Possibile che non si è trovato un nomignolo per questo povero lievito agonizzante?? ;-)
    Oddio, amo le pizzette con pomodoro e origano mmm che bontà!
    Buon lunedì :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiaretta, non è agonizzante il 2senza nome", questo è quello che mi avanza e tocca trovare cosa farne, per non buttarlo.
      Lui è dello vivo e vegeo :)

      Elimina
    2. Aaaa ecco scusa, non avevo capito!! ;-) smack

      Elimina
  2. Ciao Loredana :) Io vorrei buttarmi in questa avventura... non so, vediamo... ;) Complimenti per il pane e le pizzette, ho fame ora!!! :D Un abbraccio, buona settimana :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E buttati, Valentina, è un pò come decidere di avere un cane, ma almeno non tocca portarlo a spasso! :)

      Elimina
  3. il lievito innominato ha colpito ancora.... e che sfizi avete prodotto insieme!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni tanto gli tocca darsi da fare!
      baci

      Elimina
  4. e, come sempre, a te vengono molto più belli.... mi sono spaventata quando ho letto il tuo post, temevo di aver dimenticato di riportare la fonte nel mio.... invece c'era!! un abbraccio e buona settimana, che con questo pane inizia benissimo!!
    p.s. tenero il tuo lievito... e tu... senza cuore!!!! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Monica, sei stata precisa nel linkare tutti, è che questa storia sembra un pò il trenino di capodanno, ma è giusto così! :D
      Grazie a te per avermi fatto scoprire un'altra ricetta per utilizzare lm non rinfrescato! :)
      ps i tuoi erano bellissimi, altro che, altrimenti non avrei mai copiato! ;)

      Elimina
    2. brasil....nannananannananaaaaaaaaaa... nannananannanaaaaaaaaaa... brasil brasil...
      ahahahahahaha
      <3
      non vedo l'ora di provare altre ricette, per gli avanzi della mia amata!

      Elimina
  5. Ce l'ho anch'io il LM... è femmina e si chiama Va-Lentina ma è ibernata perchè non riuscivo a rinfrescarla spesso e così... l'ho messa in ghiacciaia.
    Questa però mi pare un'ottima maniera per sfruttarla... di nuovo... e risparmiare la strada che va al negozio del panettiere!
    A presto

    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nora, ma come ibernata, e quando iniziano a sciogliersi i ghiacci? ;)
      Forza che tra un pò tocca preparare i panettoni!

      Elimina
  6. Ma che bella idea... io ho il lievito madre liquido, chissà se funziona anche con quello?! Magari ci provo! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ilaria, pensa sia simile, fatte le dovute conversioni, io ho trovato difficile gestire il lm liquido, ma penso sia davvero la stessa cosa.
      Baci

      Elimina
  7. Che bravaaaaa!!!!!!!!!!! Devo cimentarmi anch'io col lievito madre!!!!!!!
    Ti ho nominata nel mio blog......perchè ho fatto le tue girelle!!! ^_^ ciaoooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma brava tu a fidarti... di Montersino, naturalmente! ;)

      Elimina
  8. Usato oggi pasta madre che mi è stata regalata domenica scorsa e il risultato è stato buono, ma che splendido il tuo pane arabo, che adoro :-) un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti stai divertendo , allora?
      Sono sicura che tirerai fuori meraviglie!

      Elimina
  9. Certo che lo fai un po' soffrire sto lievito madre! Se eri vicina te ne rubavo volentieri un pezzettino...

    Mamma, devi averlo trattato poi proprio bene per essere uscite fuori queste piccole e deliziose pizzettine!

    Un abbraccio
    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembro cattiva, ma in fondo in fondo gli voglio bene! ;)

      Ne vuoi un pezzetto? Te lo spedisco, fammi sapere.

      Elimina
  10. Carissima, finalmente riesco a passare di qui! È stato un grande piacere conoscerti :-)
    Questa ricetta é ottima e devo dire che invidio fortemente il tuo lievito fuggitivo, IO neanche ci provo! :-)
    Ti auguro una splendida giornata, a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Ele, ma soprattutto buone vacanze! ;)

      Elimina
  11. da segnare, ottimo per la pasta madre in più che dispiace buttare, e sono così bellini! ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trovo che le ricette con lm non rinfrescato, siano sempre molto comode! ;)

      Elimina
  12. Perchè ho ucciso il mio lievito madre???:(

    RispondiElimina
  13. Piu' vedo ricette con il lievito madre piu' voglio averlo anche io... ma temo sia troppo lavoro...

    RispondiElimina

Lascia un tuo commento se ti fa piacere :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...