venerdì 1 novembre 2013

Torta magica al cacao e caffè ...con la sospensione del giudizio


Gira , gira, sul web, torta magica di qua, torta magica di là, ma a me quella cosa gialla e mezza crudiccia non è che proprio mi ispirasse.

Ognuno ha le proprie fisse e le proprie preferenze, io, ad esempio, non amo le consistenze mollicce, non amo i budini, nè semolini vari, meno che mai nei dolci.

Un conto è una mousse, un conto è una roba compatta tra la gelatina e il budino, se ci si aggiunge che il gusto delle uova proprio non lo sopporto e detesto la crema pasticcera, si può capire tutta la mia perplessità nei confronti di questa torta "magica" che ha appunto tutte le consistenze sopra elencate, determinate da un impasto molto liquido, con, in aggiunta, un sottile strato superficiale leggermente consistente come il pan di spagna ( che pure non amo!).

Allora com'è che ho provato questa ricetta?

Me lo chiedo anche io.

I giri su Pinterest mi hanno mostrato la versione al cacao di questa torta magica e la figliola, sempre lei, nel vedere quella roba cioccolatosa ha iniziato a lanciare urletti e richieste, mentre saltellava a piedi uniti e mani giunte: Dai, mamma, me la fai? Me la fai? Eddai, me la fai? e dai fammela e dai mamma....

Non sono di ferro , dopo essermi tolta i tappi dalle orecchie, mi sono decisa,ma...a dosi ridottissime, immaginando già il risultato e come sarebbe stato apprezzato.

Ho realizzato un quarto di dose, vale a dire un solo uovo, uno stampo da 16 cm , ma ho sporcato lo stesso la cucina come un campo di battaglia.

Particolare è anche la consistenza dell'impasto, praticamente liquido, il problema nasce nell'unire le chiare monatate a neve, non si riesce ad inglobarle come accade solitamente, ma occorre quasi "scioglierle" nell'impasto.

Sono proprio gli albumi montati a determinare nel primo strato la consistenza del pan di spagna, la parte intermedia avrà una densità simile ad una crema compatta, quasi budinosa, l'ultimo strato è indefinibile, compatto, ma umido, al limite del crudiccio, ma comunque gustoso.

Anche la cottura deve seguire un certo criterio, che per me, naturalmente, si è stravolto viste le esigue quantità infornate.
Le note riportate dalla fonte della ricetta raccontano di un certo tremolio al centro del dolce, tipo gelatina, che deve esserci anche a fine cottura, con il riposo e il passaggio in frigo si rapprenderà tutto.
Nel mio caso i tempi si sono dimezzati, il tremolio non c'è stato e ho utilizzato la classica prova-stecchino, quando il livello inferiore è risultato umido da notarsi vicino allo stecchino, l'ho tirata fuori e fatta raffreddare.
Il passaggio in frigorifero non solo ne migliora la consistenza, ma anche il sapore, dopo 24 ore è sicuramente migliore.

 Conclusioni:dolce singolare, sicuramente non lo apprezzerei in un ristorante, neanche presentato al top, il sapore è buono, prevale il caffè al primo assaggio, poi il lato cioccolatoso, ma bisogna essere degli estimatori del genere.

La figliola lo ha eletto a suo dolce preferito e me lo ha chiesto per il compleanno, voi provatelo e...fatemi sapere!



Torta magica al cacao e caffè

Ricetta Fonte: WhiteOnRiceCouple.com.

Per una tortiera da 22 cm
  • 113 gr burro
  • 600 ml latte
  • 115 gr farina 00
  • 43 gr cacao amaro
  • 4 uova ( tuorli e albumi separati)
  • 210 gr zucchero a velo
  • 30 ml caffè espresso, tiepido
  • 5 ml estratto di vaniglia ( un cucchiaino) 

 Preriscaldare il forno a 175°.

Imburrare e infarinare la teglia da utilizzare.

Sciogliere il burro e far raffreddare.

Scaldare il latte tiepido e tenere da parte.

Mescolare bene farina e cacao.

Montare a neve gli albumi.

Montare gli albumi con lo zucchero fino a farli raddoppiare, ma anche triplicare di volume.

Aggiungere il burro fuso , il caffè e la vaniglia e mescolare 2'.

Unire la miscela di farina e cacao a cucchiaiate, in ultimo il latte, lentamente ( attenzione che schizza ovunque se usate una velocità elevata, fatelo a mano).

Inglobare gli albumi montati a neve, cercando di amalgamarli al composto, 1/3 alla volta, si dovranno quasi " sciogliere".


Dopo aver aggiunto gli albumi
appena sfornata


Versare nella teglia preparata in precedenza.
Cuocere per 50'-60' ( per le dosi date, altrimenti diminuite), fino a quando risulta ancora un pò tremolante, oppure fate la prova stecchino, solo la punta dovrà risultare umida e sporca di impasto.

Far raffreddare, senza rimuovere dalla teglia.
Lasciare in frigorifero tutta la notte.
Tagliare a fette e servire cosparsa di zucchero a velo.






                          Ripubblico e invio questa ricetta a Cinzia e Elena per il loro contest Tutti i sapori del caffè

 


Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

30 commenti:

  1. Hai fatto bene a provarlo e dare un resoconto molto preciso. Sono curiosa anche io e presto lo provo anche io
    Ciao
    Isabel

    RispondiElimina
  2. Uuuuuuu mi ispirano i dolci magici!!!! O mi attira la parola "magica"!!!!! ....però adoro anche il caffè nelle torte!!! ....ok è da provare ^_^ ciaooooo

    RispondiElimina
  3. Credo che questa sia magicamente perfetta, un caro saluto!

    RispondiElimina
  4. Ciao Loredana :) A dire il vero io vorrei provarla questa torta magica... ma la mia To do list è talmente lunga che forse ce la farò per la prossima estate :D (hanno precedenza ricette mooolto più "vecchie" :D ) Questa al cacao mi ispira di più, deve essere buona! Proverò ;) Un abbraccio forte e buon weekend! :**

    RispondiElimina
  5. Ho adorato leggere queste tue considerazioni: perchè? Ma perchè anche io come te sono sempre stata scettica.. proverò, proverò con il cacao e vedremo, senz'altro. <3 Se alla tua bimba è piaciuta... vuol dire che l'hai fatta divinamente, ne sono certa! :D Ti voglio bene, tanto bene.. e sono qui, amica mia. Ti porto con me. <3

    RispondiElimina
  6. Ecco io l'ho vista e rivista in giro ma non ho mai pensato di farla appositamente, anche perché le mie prime torte sbagliate mi venivano più o meno di questa consistenza... insomma a me fa pensare ad una torta sbagliata più che magica, ma son gusti.
    Il tuo resoconto è davvero dettagliato, chissà magari ci ripenso e la faccio...
    baci
    alice

    RispondiElimina
  7. Non sarei mai venuta nel tuo blog a vedere la torta magica se non fosse stato per il titolo, che non era proprio pubblicizzante. Non sopporto le uova, nei dolci ne levo sempre una dalla ricetta originale e quindi questo dolce non mi ha mai ispirato ma lo hanno fatto tutte e mi sono chiesta se a parte la foto e la riuscita, avessero anche considerato il gusto. Con il tuo post mi hai dato conferma che è sicuramente una torta particolare e che magari vale la pena provarla, per completare le nostre esperienze di cucina ma...hai fatto benissimo a confessare i tuoi dubbi. Meglio essere sinceri. Non la farò ma ancora una volta sono contenta di averti nella mia blogroll perchè nelle tue ricette c'è la verità, anche se a volte non è piacevole. Un bacio

    RispondiElimina
  8. Grazie cara, dopo avere letto il tuo post ti confermo che posso dire miei anche tutti i tuoi dubbi e anche, che nonostante tutto, non la proverò. una opinione sincera meravigliosa la tua. Un bacione

    RispondiElimina
  9. A guardar bene la foto questa torta non sembra affatto male. Personalmente adoro budini, panna cotta e anche la crema pasticcera - il mondo è bello perchè è vario - questo non vuol dire che amo le torte mezze crude e che sanno troppo di uovo, quelle sono tutt'altra cosa .
    Se poi mi dici che è "gustosa" e tua figlia l'ha eletto suo dolce preferito, non si può non superare lo scetticismo e provarla. L'unico dubbio che ho è sulla quantità di latte, 600 ml, mi sembra un po' troppo !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio tutto quel latte, secondo me, a dare la caratteristica alla consistenza della torta.
      Comunque è proprio una torta da provare, per sapere se si ama o si odia :)

      Elimina
  10. Dalle foto pari si sciolga in bocca, mi piacerebbe provarla, ma ho paura di non riuscire nella magia :) un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai tranquilla, la magia riesce !

      Elimina
  11. La verità e' che io generale non mi piace rifare ricette che tutti fanno....io cerca sempre di proporre cose nuove, mi definirei la pecora nera o almeno e' quello che mi sento!!! Però questa torta io l' ho voluta provare...mi incuriosivano i tre strati e la mia missione era riuscire a realizzare bene la torta....devo dire che ci sono riuscita al primo colpo....il primo strato e risultato alto e soffice come un Pan di Spagna , gli altri due come da copione e un buon risultato anche per il gusto, in casa tutti hanno apprezzato, io compresa...un incrocio tra un flan e un lievitato....adorando tutti i budini in genere, ho veramente promosso la torta Magica!!! Il discorso degli albumi e vero...non si amalgamano bene al' impasto troppo liquido, ma con un po' di pazienza in più si riesce ad arrivare alla meta!!!!
    Infondo tutto dipende dai punti di vista.....io ho apprezzato molto e il tuo post e' stato davvero utile!!!!!
    Grazie per la condivisione...adesso mi anca la versione al cioccolato, ti farò sapere!!!!
    Bacio e buone vacanze!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi Gabila, la tua esperienza conferma la mia idea, questa è una torta da provare e poi decidere se la si ama o no.
      Buone vacanze a te, cara :)

      Elimina
  12. Ciao Lori!
    A forza di vederla sta facendo venire la curiosità pure a me, pur non amando replicare le ricette, come dice Gabila :)
    Se la proverò ti farò sicuramente sapere ;)
    Un bacione

    RispondiElimina
  13. Sono un po scettica anch'io ma le foto sono così belle che quasi quasi mi ricredo. Appena potrò di nuovo mangiare dolci magari la provo. Ciao e bentornata!

    RispondiElimina
  14. ne ho viste e lette mille e piu versioni ma anche io sono ancora scettica..non so se mai la proverò,x ora mi guardo la tua!!un abbraccio grande!

    RispondiElimina
  15. che bel post!
    neanche a me ispira molto questa torta, le tue perplessità sono le mie...
    non avendo nessuno che mi scongiura di farla... credo che lascerò perdere ;)
    bravissima e onestissima!

    RispondiElimina
  16. tesoro!!!!!sai che in questi giorni sta venendo anche a me voglia di farla, ma mio marito è esattamente come te, odia le consistenze budinose, odia il sapore d'uovo, la crema e tutto ciò che è giallo! forse in questa versione potrei sperimentare anche io!!!!

    RispondiElimina
  17. Grande! Il semolino nei dolci lo ODIO.... ma è un periodo che più lo detesto e più mi frega sempre. Sforno orrori incommestibili. Grazie al tuo scetticismo stavolta resisto. :)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  18. Le foto ispirano, sembra una torta fatta con la ricotta,magari la provo.
    Buona domenica e buona estate!

    RispondiElimina
  19. non l'ho mai preparato infatti mi sembra molliccio, ne ho viste molte versioni, ma mi sa che è buonissimo!!

    RispondiElimina
  20. e come mai non mi sono accorta che sei tornata tra i fornelli???
    l'ho fatta anche io un mesetto o forse più fa...solo più scura di quella classica perché ho voluto usare farina integrale e zucchero di canna....buona ma non eccelsa...anche a me quel contrasto pan di spagna sotto/budino al centro non ha fatto impazzire nonostante ami la crema pasticcera!

    ciao
    Silvia

    RispondiElimina
  21. Anch'io come te non amo i budini e le consistenze mollicce, fatta eccezione per la crema pasticcera della mamma :) Sono più per lo sgranocchio di grissini e biscotti ma direi una bugia se affermassi di non essere al tira e molla con questa torta da quando ho visto la versione cioccolatosa. La curiosità ci sarebbe ma pure quella vocina scettica che mi fa rimandare di settimana in settimana. E mi sa che le hai dato man forte, meglio una tenerina se ciocco estivo dev'essere :D!
    Un bacione e buon ferragosto bimba

    P.S. non parlarmi di latitanza, voglia di metter mano al blog saltami addosso...che mi scanso!

    RispondiElimina
  22. mi hai fatto pure ridere.....

    RispondiElimina
  23. Sei stata coraggiosissima a provare una torta per la quale provavi una forte avversione! Core 'e mammà! ;-)
    Condivido il tuo stesso scetticismo nei confronti dei dolci dal cuore morbido... però, se devo essere sincera, per un risultato bello come il tuo farei volentieri un'eccezione!

    RispondiElimina
  24. Una splendida torta Loredana!! Grazie mille :-) peccato non averne una fetta ora :-) deve essere buonissima!!

    RispondiElimina
  25. Eeeehm devo dirti la verità, non è che le tue premesse a questo dolce mi spingano a provarlo anzi, tutto il contrario ahahahh
    Ora però il tuo destino è segnato, dovrai prepararlo di nuovo per il compleanno della figliola e poi ancora e ancora e ancora :P

    RispondiElimina

Lascia un tuo commento se ti fa piacere :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...