venerdì 14 giugno 2013

Insalata Dannunziana




Chi meglio del Vate può essere un degno testimonial della sfida di questo mese dell'MTC?


 Leggendo la nuova  proposta di Leo ho pensato subito ad un' insalata da dedicare a Gabriele D'Annunzio che ha saputo vivere ed incarnare lo spirito della Belle Epoque:

 un'insalata dannunziana.




Con la sua esasperata ricerca  edonistica, ha anticipato il desiderio di fama e di gloria dell’uomo di oggi, disposto a tutto pur di comparire sui giornali, purché di lui si parli, nel bene e nel male.

Ha amato il lusso, le raffinatezze , il piacere, le belle donne, la bella vita.

Ha amato lo sfarzo, gli eccessi, anche e soprattutto nei rapporti con le donne che si manifestava nell'arte della seduzione, anche a tavola.

I dolci esotici, i vini speciali, i cioccolatini, i frutti rari, i bonbon sono destinati ai riti di seduzione delle belle ospiti che il Vate accoglieva nella stanza della Musica, fra sete orientali e lampade colorate.

Coccolava le sue donne con cibi leggeri ed invitanti, con cioccolatini e marrons glacés di cui era profondamente ghiotto.


Eppure D’Annunzio considerava poco estetico l’atto del mangiare al punto che si isolava per compiere questo rito e nella “stanza della Cheli”, al Vittoriale, insediò troneggiante capotavola al posto suo, e come invito alla sobrietà, il guscio vero della tartaruga (tranne testa e zampe che sono in bronzo) morta d’indigestione per aver mangiato in giardino troppe tuberose.



Stanza della Cheli al Vittoriale- foto presa dal web




In quelle circostanze affidava gli onori di casa all’amante di turno, per ricongiungersi in seguito agli ospiti.


Per la sua tavola personale Gabriele preferiva carni fredde, cannelloni (di cui andava matto), patate fritte, cotolette. Ma cotolette come le sapeva fare l’Albina, la sua cuoca, alla quale scriveva il 19 aprile 1934: «da alcuni giorni m’è venuta una voglia pazza di certe costolette che tu mi facevi riducendo, a furia di battiture con un pestello di pietra, la carne più sottile di una buccia di banana, d’una crosticina di pane sfornato, d’una fetta di patata fritta, e magari di un’ostia consacrata dall’Arciprete Fava...». Le domestiche invece, in assenza della cuoca, gli avevano servito «costolette unte e bisunte, gonfie come rospi...»
Ma più di qualsiasi manicaretto, Gabriele era goloso di uova. «Mi contento di due uova al tegamino» scrive spesso quando non vuole sovraccaricare di lavoro la prediletta Albina. Se però gli viene servita una frittata, allora è felicità. «Cara Albina - le scrive in una domenica senza data - questa tua frittata, dopo tante altre frittate mediocri, è sublime. Te lo dice un conoscitore, che ha saputo fare le più belle frittate del mondo, cosicché alcune - per testimonianza di quel fesso di San Pietro - sono in Paradiso le raggianti aureole di Vergini martiri, se tu credi alla verginità. Accetta questo tenue segno di riconoscenza».



Difficile separare D'Annunzio dalla sua terra, l'Abruzzo, anche nel cibo, il rapporto tra d’Annunzio e il cibo abruzzese era nostalgico:la mentuccia, il cacio marcetto, il pecorino talmente stagionato e duro da diventare lo strumento del popolare gioco della ruzzola; e poi il brodetto caldo, cotto nel tegame di terra e scarlatto di peperoni; le pizzelle, le uova cucinate in un tegamino di coccio sui carboni ardenti, i maccheroni alla chitarra, l’uovo con la pasta d’acciughe, la porchetta, i maccaroni co‘i ‘vongole, i taralli di S. Biagio e la bottiglia del vino cotto, nonché il montepulciano spillato dalle botti e il Parrozzo, dolce creato da Luigi D'Amico, a cui il  Vate si attaccava ogni mattina avvertendo la suggestione di succhiare da esso la parte più genuina della sua regione come l’infante si attacca al seno materno.



Immergendomi nell'atmosfera creata dal Vate , dalle sue parole, dalle attenzioni prodigate alle sue donne, mi è venuta voglia di dedicargli l'insalata per la sfida di questo mese.

Un'insalata semplice, legata alla nostalgia provata per la sua terra d'Abruzzo, ai suoi prodotti tipici.



Ho cercato di mettere insieme, semplicemente, i sapori che D'Annunzio sicuramente conosceva ed amava: insalata da taglio, tagliata direttamente nell'orto, magari ancora calda degli ultimi raggi di sole, pecorino, per dare una nota di sapore, mandorle atterrate, leggermente adattate al piatto, per la nota croccante, le immancabili uova, utilizzate sia nella salsa che come mimosa a decorare il piatto e il condimento a base di una crema di zolle e olio extravergine prodotto in Abruzzo.



Chissà se D'Annunzio l'avrebbe apprezzata?




Insalata dannunziana
per una porzione
  • lattughino da taglio 100 gr
  • mandorle pralinate alla paprika 30 gr
  • pecorino d'Abruzzo 60 gr
  • crema di zolle sott'olio
  • 1 uovo sodo
  • olio extravergine d'oliva
  •  sale
Preparare le mandorle pralinate versando in un padellino antiaderente due cucchiai di zucchero di canna , un cucchiaino di paprika dolce e del sale rosso a mulinello, unire le mandorle e  far scaldare su fuoco moderato fino a che lo zucchero non inizierà a sciogliersi e rapprendere intorno alle mandorle.
Una volta pronte versare su della cartaforno e separare bene tutte le mandorle.


Preparare il condimento
In un mixer versare una porzione di zolle sott'olio, mezzo uovo sodo, altro olio se occorre e sale.
Frullare fino ad avere una consistenza cremosa tendente al liquido.
Tenere da parte.


Lavare ed asciugare il lattughino, versarlo in una ciotola, unire il pecorino tagliato a dadini di un centimetro di lato, le mandorle pralinate divise in due-tre parti, completare naappando con la crema alle zolle e terminare con una mimosa fatta utilizzando la metà del tuorlo avanzato.



Riferimenti bibliografici
http://www.ilgiornale.it/news/mia-cara-albina-d-annunzio-tavola.html
 http://www.abruzzoservito.it/aurum-e-parrozzo-le-false-verita-su-dannunzio-nel-libro-di-enrico-di-carlo/
http://www.giulianovanews.it/2013/05/torino-gabriele-d%E2%80%99annunzio-e-l%E2%80%99enogastronomia-della-memoria/


 
Con questa ricetta partecipo all'MTC di giugno




 

Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

33 commenti:

  1. Con quella foto del Vittoriale mi hai riportato indietro di una vita: gita scolastica del terzo liceo! Mamma se ne è passato di tempo!
    Con la sfida dell’MTC di questo mese ci vado a nozze. Ora riempio un quaderno di appunti :D! E lo inauguro alla grande con la tua “dannunziana” :D! Un bacione, buon we

    p.S. anche il "vate" avrebbe apprezzato non ho dubbi :)

    RispondiElimina
  2. E allora basta! Io tifo per te e per questa meraviglia dove gli ingredienti non sono casuali ma attentamente scelti e elezionati pensando al gusto di un grande esponente dell'epoca. Brava come sempre.
    Buon we.
    alice

    RispondiElimina
  3. Molto appetitosa...Certo che l'avrebbe apprezzata!!!

    RispondiElimina
  4. Che meraviglia!!! E complimenti per la dettagliatissima descrizione!!!! Ho anche scoperto cosa sono le zolle!! Ahahahahah.... pensare che mio padre è abruzzese, e neanche troppo lontano da Sulmona!! :)

    RispondiElimina
  5. Loredana, bellissimo post! Hai centrato in pieno il tema della sfida con questa insalata dannunziana!|
    Davvero complimenti per l'idea, la preparazione e la presentazione!

    RispondiElimina
  6. L'avrebbe apprezzata?? così tanto da metterlo per iscritto, come faceva con l'Albina: "Loredana mia cara, hai saputo elevare una semplice verdura ad un piatto squisito, ricercato e pieno di sapori della nostra bella terra." e avrebbe licenziato l'Albina per assumere te!!! :-D un bacione!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia hai fatto davvero ridere, Francy! :D
      Chissà avrei avuto un futuro come cuoca !! ;)

      Elimina
  7. Be però l'impegno c'è stato, la coreografia anche la bontà sicuramente è al punto giusto (zolle a parte) e che dire, Apprezzerebbe sicuramente! Baci Lory e buon fine settimana ♥

    RispondiElimina
  8. Direi di si, l'avrebbe apprezzata! E poi con l'aggiunta delle mandorle caramellate, ne avrebbe sicuramente chiesto un secondo giro :))

    RispondiElimina
  9. Urka, questa è una ricettina proprio bella, elegante, intrigante

    RispondiElimina
  10. Splendida insalata e splendida spiegazione dello spirito del Vate,
    Mi sento orgogliosa di essere una sua conterranea.
    Baci, Mother.

    RispondiElimina
  11. Sono appassionatissima di letteratura ma D'Annunzio lo detesto (come uomo e come poeta) ma la tua insalata la adoro !

    RispondiElimina
  12. Cara Loredana, sei una meraviglia! Questo post è coinvolgente, una perfetta introduzione ad un'insalata che non è seconda a nessun'altra. Brava, come sempre!
    un abbraccio dalla calda (finalmente) Milano,
    Vale

    RispondiElimina
  13. "devo essere imparziale..."
    "devo essere super partes..."
    "devo essere padrona di me stessa..."
    ... mi sa che mando la Dani...

    Però, senti, una cosa te la devo proprio dire: questo è un post magistrale. Uno dei dieci post più belli che io abbia mai letto- ma non qui sul tuo blog o all'mtc: in assoluto. C'è una corrispondenza stretta, coerente, stringente, fra l'ispirazione e la ricetta, fra il volo dell'immaginazione e la realtà storica- e lo si vede in questo capolavoro di bontà, ancorato al territorio e, nello stesso tempo, concepito in modo alto e poetico. cucini col cuore, e riesci ad emozionarci sempre, quando parli della tua terra. Ma stavolta, hai fatto un passo avanti. eccezionale, davvero
    (e cos'è che avevo detto, che avrei dovuto chiamare la Dani?... ecco... :-)

    RispondiElimina
  14. Amo d'Annunzio, al punto che con molta probabilità posso ritenerlo uno dei miei tre scrittori preferiti in assoluto. L'emozione che mi generano le sue parole è senza eguali e sogno da tempo di visitare sia il Vittoriale, sia la sua casa natale a Pescara.
    Quando si è parlato di Belle Epoque, all'MTC, il mio pensiero è andato dritto dritto a lui.
    Potrai quindi immaginare quanto il tuo post mi colpisca al cuore! E' tutto stupendo ed è stupenda questa insalata che, ne son convinta, avrebbe conquistato anche il vate.
    Un forte abbraccio!

    RispondiElimina
  15. penso che non solo il caro D'Annunzio l'avrebbe apprezzata ma anche l'Albina si sarebbe inchinata davanti a cotanta grazia!
    bravissima!

    RispondiElimina
  16. quoto Alessandra totalmente, post emozionante, magistrale anche se non amo D'Annunzio, hai fatto veramente un capolavoro! Bravissima!
    Cris

    RispondiElimina
  17. mi hai incantata.E mi hai fatto venire un po' di nostalgia, forse per la prima volta da quando sono qui.

    RispondiElimina
  18. Che meraviglia il tuo post con la descrizione del legame di D'Annunzio con il cibo e poi la tua insalata e' elegante ed originale .....vorrei solo un assaggino delle zolle sott'olio ;-)
    A presto Ilaria

    RispondiElimina
  19. Insalata fantastica Loredana, che gusto!!!!

    RispondiElimina
  20. Un'esplosione di sapori questa insalata!
    Davvero deliziosa, bravissima!!!!!
    Un abbraccio,
    Incoronata.

    RispondiElimina
  21. Complimenti per tutto. Per il post interessantissimo, per la presentazione pazzesca di questa insalata e naturalmente anche per l'insalata, un insieme spettacolare, che idea le mandorle pralinate alla paprika!

    RispondiElimina
  22. un post bellissimo, a si parlava di insalata? Buona anche quella per carità, buonissima, contrastata, speciale... epperò il post me lo sono bevuto! Bravissima

    RispondiElimina
  23. ciao loredana, citando gabriele d'annunzio hai colpito la mia sensibilità più profonda. il poeta vate, il poeta super uomo, libero dai ogni pregiudizi. l'esteta. Una delle mie poesie preferite è infatti la pioggia sul pineto https://www.youtube.com/watch?v=5OsUnxY5mgw, e credimi leggendo la tua ricetta ho percepito il suono della calma pioggia. Di certo la cosa che mi ha colpito è la crema di zolle sotto olio. che dire Loredana. la tua proposta è davvero una poesia

    RispondiElimina
  24. questa sfiziosissima insalata mi ea scappata...fantastica!

    RispondiElimina
  25. Insalata??? Questa è un'orgia in piena regola!!!
    Te lo dò io D'Annunzio!!!!!! :-D

    Bravissima tesoro... e pensare che sei convalescente! Vedo con enorme piacere che l'estro creativo non ti è stato asportato dal chirurgo, anzi sospetto che ti abbia fatto un ulteriore impianto... ;-)

    Un bacione

    RispondiElimina
  26. Mi piace immensamente tutto ciò che hai scritto.. dal racconto della vita del Vate, alle sue abitudini alimentari, alle ghiottonerie abruzzesi, che hai conciliato in questo piatto in modo strepitoso.. Mi vien voglia di andare immediatamente a riprodurla! chapeau!

    RispondiElimina
  27. Io credo proprio che D'Annunzio l'avrebbe adorata la tua insalata!
    E' uno dei miei autori italiani preferiti sai? Grazie per averci raccontato la sua storia "culinaria"! Smack

    RispondiElimina
  28. Sono venuta a sbirciare la tua insalata ... stupenda!
    Marndorle pralinate alla paprica un vero tocco d'artista...
    Presentata benissimo complimenti!
    Buona giornata

    Laura

    RispondiElimina
  29. che bel post, loredana. super-colto, e così... dannunziano.
    e anche la tua insalata in effetti lo è.
    hai proprio colto nel segno.
    ora vado subito a scoprire cosa sono codeste zolle ;-)

    RispondiElimina
  30. quando io dico che all'mtc si studia ho ragione io vi adoro e questa volta la vittoria e' assicurata... loredana eccezionale

    RispondiElimina

Lascia un tuo commento se ti fa piacere :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...