martedì 8 gennaio 2013

Ravioli di zucca e lavanda con ragù di coniglio

La ricetta che propongo oggi è stata un vero colpo di fulmine!

Quando l'ho vista da Marilù , a novembre, ne sono rimasta conquistata.

L'idea di abbinare i fiori ad un primo piatto è una delle cose che amo di più, ma l'insieme così articolato e il condimento con una delle carni che amo meno, avrebbero potuto farmi desistere, invece ho salvato subito la ricetta e, a tappe ho preparato tutto.

Non ho modificato nulla, tranne che ho usato aceto di mele ai lamponi, anzichè solo di mele, perchè era quello che avevo in casa.
Per il resto la ricetta è quella originale di Marilù, ispirata a sua volta dalla chef Aurora Mazzucchelli.

Sembra un pò elaborata, preparando in anticipo i ravioli e sbianchendoli come suggerisce Teresa , si possono conservare in frezeer.

Inutile aggiungere che il ragù è favoloso!


RAVIOLI DI ZUCCA AL PROFUMO DI LAVANDA CON RAGU' DI CONIGLIO

Ingredienti e preparazione del ragù di coniglio:

  •  400 g di coniglio disossato
  •  4 cucchiai di aceto di mele ai lamponi
  •  2 spicchi di aglio
  •  rosmarino
  •  salvia
  • 10 bacche di ginepro
  • 10 grani di pepe nero
  •  3 mestoli di brodo vegetale 
  •  3 cucchiai di triplo concentrato di pomodoro
  •  sale
  • olio evo bio

Far marinare il coniglio in acqua e aceto con gli spicchi di aglio tagliati a metà, il rosmarino, la salvia, il ginepro, i grani di pepe e un filo d'olio, per circa 2 ore, in frigorifero.
Scolare il coniglio dalla sua marinata e tagliarlo al coltello a pezzi piccoli.

A questo punto non avevo molto tempo e ho deciso, rispetto a quanto suggerisce Marilù ( vale a dire pentola di ghisa e cottura lenta per un'ora e trenta), di usare la pentola a pressione .
Ho versato l'olio e fatto soffriggere  sedano, carota e cipolla, aggiungeto il coniglio, fatto rosolare bene  e bagnato con il brodo ( due mestoli ). Aggiungeto il concentrato e fatto cuocere il ragù per 20 minuti dal momento che la valvola si è alzata.
Trascorso questo tempo ho raffreddato rapidamente sotto l'acqua fredda, aperto la pentola a pressione, riposizionata sul fuoco, allungato con l'altro mestolo di brodo e aggiustato di sale e fatto restringere un altro pochino.

Ingredienti e preparazione per il ripieno di zucca:

  •   300 g di zucca a fette con la buccia
  •  50 g di parmigiano reggiano grattugiato  
  •  10 fiori di lavanda secchi ( non aumentare sono sufficienti per far sentire il loro aroma senza sovrastare tutto)

Cuocere la zucca, avvolta nella carta stagnola, al forno a 180° C per circa 30 minuti, o fino a quando non risulterà morbida.
Staccare la polpa dalla buccia, e ridurla in crema, aggiungere il parmigiano e i fiori di lavanda tritati.


Ingredienti e preparazione della sfoglia ( ricetta della Chef Aurora Mazzucchelli):



  •   200 g di farina di semola di grano duro rimacinata
  •   100 g di farina 0
  •   2 uova intere
  •   2 tuorli

Miscelare le due farine e disporle a fontana su una spianatoia di legno.
Versare al centro le uova sbattute ed impastare. Se c'è necessità aggiungere dell'acqua, ma l'impasto deve rimanere comunque ben sodo e non essere molle.
Far riposare l'impasto, coperto, per mezz'ora. Se volete, potete preparare l'impasto anche il giorno prima e conservarlo in frigo.
Concordo con quanto espresso da Marilù, questa ricetta per la sfoglia è ottima!!! ;)



Tirare la sfoglia non troppo sottile, alla penultima tacca.

Mettere il ripieno in una sac a poche e fare dei mucchietti sulla sfoglia, coprire con l'altra metà della sfoglia e sigillare bene, facendo uscire l'aria intorno al ripieno. Dare la forma ai ravioli tagliando la pasta in eccesso con una rotellina dentellata.




Composizione del piatto:

Cuocere i ravioli in abbondante acqua salata, scolarli e farli saltare delicatamente in padella con il ragù.
Servire subito.






Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

42 commenti:

  1. Anche con questa tua modifica è un piatto da leccarsi i baffi

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia, sei stata veramente bravissima! Buona giornata cara, un bacione!

    RispondiElimina
  3. mamma mia che bontà...anche se è ora di colazione mi vien fame e me li mangerei tutti.....

    RispondiElimina
  4. Con il coniglio non ce la posso fare ma la zucca abbinata alla lavanda mi intriga assai :) Un bacione, buona giornata

    RispondiElimina
  5. Lory.. che capolavoro! Concordo.. l'uso dei fiori è delizioso, oltre che poetico: e io mi sono innamorata delle tue fotografie!! Complimenti cara, un abbraccio forte e un bacione :D

    RispondiElimina
  6. Un piatto di cui ci si innamora facilmente, ti capisco. Preparato e presentato benissimo, complimenti.
    Colgo l'occasione per invitarti nel mio nuovo blog
    pastaenonsolo.blogspot.it.
    Mi piacerebbe che ti unissi ai miei lettori, ci conto!!! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  7. Grazie Loredana per aver dato fiducia ad un mio piatto, come già ti ho scritto su fb la cosa mi ha resa davvero felice!!!
    E che dire delle foto? Sono splendide!
    Un abbraccione e a presto
    Marilù

    RispondiElimina
  8. Purtroppo non sono abbastanza in forma da mettermi a fare ravioli, mi tocca pure passare per i pici!! però l'abbinamento mi sconfinfera moltissimo, chissà che non lo provi in altro.
    brave, tu e Marilù!
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra pòoco ti torneranno le forze, Eleonora e allora sono sicura che ne vedremo delle belle!!!

      Elimina
  9. Ero anch’io presente al Club des Pirottines quando Aurora ci ha insegnato i ravioli al profumo di lavanda e siamo rimaste tutte incantate. Marilù ha saputo riproporre la magia nel suo piatto, e tu con lei! Bravissima!
    Un bacione

    RispondiElimina
  10. Voglio provare da tanto sia i ravioli di zucca che il coniglio..e l'accostamento mi sembra perfetto. Com'è invitante questo piatto!

    RispondiElimina
  11. aVENDO FATTO UN CONTEST sulle ricette con i fiori, questa non può che conquistarmi! Sei extra! Punto!

    RispondiElimina
  12. ma dai, pensa che la lavanda la uso pochissimo, ma di zucca ne sono ghiottissima, non mi resta che provare, grazie Loredana!!!!

    RispondiElimina
  13. Wow che ricettina da Nouvelle Cuisine, ma sei proprio brava!!
    Mi attira molto questo primo piatto anche perché … sono in pieno periodo lavanda ^.^
    Ne ho comprato un bel sacchettino subito prima di Natale ed ora sono in fase sperimentale ;-p
    per ora ho fatto solo una marmellata e delle madeleines (che ancora non sono sul blog, ma che ci approderanno presto) ma una ricetta come la tua è davvero fantastica, forse troppo per le mie misere capacità!
    Bravissima davvero, complimenti ancora!!

    RispondiElimina
  14. Mi salvo la ricetta!! Ho giusto un sacchetto di lavanda alimentare e tanta voglia di provare ad utilizzarla!! :D

    RispondiElimina
  15. Complimenti, un piatto davvero unico. Da oggi ti seguo, spero che passerai a trovarmi qualche volta... a presto!

    RispondiElimina
  16. Io amo il coniglio ^_^ mi piace molto, così come la zucca.
    Non ho mai provato a fare ricette che prevedano l'uso di fiori, ma mi hanno sempre incuriosita!
    Solo che non so se mio marito sarebbe disposto a fare da cavia, anche perché non ama la zucca purtroppo :'(
    bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè usare una cavia? Preparali solo per te! ;)

      Elimina
  17. ho sempre desiderato fare i ravioli di zucca, ma per pigrizia non ho mai provato. I tuoi sono stupendi e poi con questo condimento inusuale, dovrei modificarlo solo perchè sono vegetariana. Baciotti Helga

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova e i ravioli e condiscili con burro e salvia, sentirai che meraviglia.

      Elimina
  18. La lavanda non l'ho mai provata, non so che gusto possa avere. A vederlo il piatto è molto invitante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fr@ a me la lavanda è piaciuta molto in questa ricetta, meno nei muffin e nei dolci in genere, ma sono gusti. ;)

      Elimina
  19. Interessante accostamento,mi incuriosisce, sicuramente da provare.

    RispondiElimina
  20. Per una zucca dipendente come me davvero una superricetta, questo abbinamento con la lavanda non me lo posso perdere ;)

    RispondiElimina
  21. Cara Loredana, non mangio coniglio ma questo è un piatto raffinato, invitante, bello, profumato e unico... complimenti di vero cuore! 10 e lode :) Bacione!

    RispondiElimina
  22. che buono il ragù con il coniglio ...... lo faceva spesso la mia mamma ...... mi fai tornare indietro con gli anni ....... bravissima ..... ciao un bacio

    RispondiElimina
  23. Buoni da morire devono essere questi ravioli, oltre che piattino raffinato e molto bello da presentare!
    Il ragu di coniglio poi lo adoro, sono già due volte che lo faccio (l'ultima per il pranzo di santo stefano) e anche se magari smadonno un pochetto per disossare fino a ricavarne un quantitativo sufficiente per il ragu, poi la fatica è ampiamente ripagata!
    Non ho mai usato invece i fiori di lavanda, ma sarei curiosissima di farlo e in definitiva mi piacerebbe proprio assaggiare questo piatto...insomma...mi toccherà provare a farlo!!
    Tanti baci Lory, e buona giornata!

    RispondiElimina
  24. Solo leggendo il titolo mi sono detta, wow che piatto da chef, ed infatti non mi sono sbagliata!!! non ho mai provato il ragù di coniglio, deve essere delizioso. Adoro invece in modo pazzesco l'uso dei fiori in cucina, e ti adoro per avermi dato questa idea!

    RispondiElimina
  25. ciao cara Loredana, e tu come fai a rendere ogni piatto che prepari cosi appetitoso??? ;-) questi ravioli hanno un aspetto veramente invitante e il profumo di lavanda....
    rispondo qui alla tua domanda: come faccio? spesso aspetto il momento giusto, cerco di sfruttare la luce anche quando sarebbe "sbagliata", e scatto parecchio, quello che mi dice qualcosa. Spesso la foto la "vedo" prima di scattarla. ;-)
    ti auguro una bellissima settimana
    Dany

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima o poi riuscirò a farlo anche io!! Con i mpiatti mi viene più facile scattare loro se ne stanno lì fermi fermi!! ;)

      Elimina
  26. I RAVIOLI sì per tutto il resto passo! Il coniglio mi piace ma lo mangio raramente, a meno che io no sappia cosa "bolle in pentola" sono stupida, lo so, ma mi dispiace troppo!!!! :(!!!
    Però devo ammettere che questo piatto ha davvero un bellissimo aspetto, adesso capisco perchè ti sei sacrificata l'altro giorno ;D! Un bacione Lory smack ♥

    RispondiElimina
  27. Anch'io non amo particolarmente la carne di coniglio (e a dire il vero anche la lavanda)....ma per qualche motivo questo piatto mi intriga un sacco...sicuramente merito anche delle tue sempre più splendide foto!!!

    RispondiElimina
  28. Che bella ricetta cara Loredana
    Una vera raffinatezza formato pasta ripiena e tra il ragù gustoso(adoro il coniglio) e i fiori bè...c'è poesia ragazza
    POESIA PURA in questo piatto!!!!!!!!
    Complimenti
    Un grande abbraccio

    RispondiElimina
  29. sono passata per lasciarti un abbraccio..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io me lo prendo volentieri! :)

      Elimina
  30. Puf puf puf....forse a breve ce la farò a riprendere i ritmi. Che stress, non mi levo la stanchezza delle feste da dosso.
    Poco fa stavo parlano con mio marito che avrei voluto fare dei ravioli di zucca. Lui mi ha guardata storto perché non ama la zucca ed io vengo da te e mi faccio nuovamente del male, perché ne ho una voglia matta. E poi con questo condimento stratosferico devono essere favolosi, la dolcezza spezzata da questo aroma così particolare ed inedito. Ma, la mia domanda è: non eri in guerra con la pasta fresca?
    Ti aspetto battagliera con i pici...so che mi lascerai nuovamente a bocca aperta. Un bacione super. Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patty, oramai sono lanciatissima, in effetti sono in guerra con il mattarello!
      Prova questa ricetta, il ripieno è qualcosa di incredibile e il ragù stupendo ( detto da una che non ama il coniglio!!!)

      Elimina
  31. Una ricetta molto particolare che accende la mia curiosità... nell'assaggio più che nella preparazione, non essendo io una cuoca così esperta come te. Ti trovo sempre superlativa nella manualità, nelle proposte e nell'esposizione. Belle anche le foto con qualche nota di verde a contrasto e gli ingredienti in secondo piano.
    Scusami se non ho trovato mai il tempo di venirti a ringraziare per i tuoi saluti e la tua presenza affettuosa, ma ci tengo a dirti che le tue parole mi hanno comunque fatto immenso piacere. Sarei tuttavia ingenerosa utilizzando semplicisticamente questo termine: li ho trovati preziosissimi, mi hanno allargato il cuore, commosso persino. Tanto affetto affetto anche dopo diversi mesi dimia assenza dalla blogosfera è davvero qualcosa di stupefacente, uno stupore che è anche frutto di quella certezza di umanità che nei rapporti creati nel web è presente al 100%. Grazie di tutto, sei davvero una persona speciale. Spero di poter ritornare al mio blogging time al più presto, intanto ti abbraccio forte e auguro un sereno 2013 a te ed ai tuoi cari.

    RispondiElimina
  32. Devono.essere fantastici Loredana! Bravissima:*)

    RispondiElimina
  33. ricetta stupenda che fame!

    nel mio blog ho dato il via ad una nuova rubrica, se ti va di passare e lasciare una tua riflessione mi farebbe molto piacere.

    http://internationalfoodbyelena.blogspot.it/2013/01/rubrica-saperi-gastronomici-storia-del.html

    RispondiElimina
  34. questo connubio mi ispira tantissimo...bravissima!
    e.

    RispondiElimina

Lascia un tuo commento se ti fa piacere :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...