lunedì 1 ottobre 2012

Uva sotto spirito per la Cucina Regionale




Ottobre
Non ho resistito, ottobre è un mese che mi ha sempre riportato alla mia infanzia e, in particolare, alle scuole elementari.
A quando la maestra era una sola ( che bei tempi), per cinque anni ( che utopia!!) e accompagnava realmente in una crescita che dal mondo dell'infanzia portava alla preadolescenza.

Una scuola probabilmente più semplice di quella di oggi, ma che riusciva a scandire benissimo il senso del tempo e delle stagioni.
Io ero molto sensibile a tutte le variazioni, adoravo l'inverno , con le sue nevicate , andavo in estasi durante la primavera, a raccogliere violette e primule ( lo faccio ancora oggi, anche se in un'altra città), l'estate, lunghissima e assolata, permetteva di oziare e inventarsi mille giochi di strada, ma l'autunno era la mia stagione preferita.
Forse per il colore del cielo, per le giornate più corte, forse per gli alberi che da un giorno all'altro si mostravano rossi, arancioni, marroni e poi spogli !O semplicemente perché si tornava a scuola , ricordo ancora l'apertura il primo ottobre e la chiusura il 30 giugno ( non sono così vecchia, ma neanche troppo giovane, ai miei tempi il modulo non era ancora stato inventato).
Ricordo la cartella nuova che profumava di cuoio (!!!) e veniva poggiata sotto il banco ( non dietro la sedia), ricordo le matite e il profumo ogni volta che le temperavo, ricordo i quaderni, quelli della Cassa di Risparmio, che io usavo sempre come quaderno delle poesie.
Ricordo il grembiule blu, con il colletto fatto all'uncinetto dalla mia nonna e il fiocco, tutto teso e inamidato, vero orgoglio dello scolaro , sciolto e storto intorno al collo, vero orgoglio dei monelli.
Ricordo calzettoni e ginocchia sbucciate, merende preparate in casa e giochi semplici.
Ricordo il rispetto per la maestra e le sedie strusciate non appena entrava il Direttore.
Ricordo anche qualche scappellotto preso perchè ero un pò distratta e qualche "bravissima" per i miei disegni...Ottobre è arrivato.
Ho recuperato questa poesia dal quaderno di IV elementare e ve la lascio così com'è, con tutta l'ingenuità dei disegni di una bimba di 9 anni.





Eccomi pronta per una nuova ricetta molisana, con le mie compagne di viaggio questa volta vi parleremo di vino e uva:

MOLISE:  ecco la mia proposta!

Le conserve oramai sono riposte per l'inverno, ma c'è ancora tempo per qualche ultima delizia, approfittando della vendemmia ho pensato di proporre questa preparazione, semplicissima, ma che conserva il sapore di una volta...non appena sarà pronta, a dicembre proverò a farne qualcosa, se non la mangerò tutta prima!


Uva sotto spirito
La Cucina Molisana di Lombardi-Mastropaolo vol.II
  • 2 kg di uva "pezzutella"
  • 200 gr di zucchero
  • una stecca di cannella
  • alcool a 90° q.b.
Tagliate ad uno ad uno gli acini d'uva dai grappoli, avendo l'accortezza di lasciare il picciolo, quindi strofinateli delicatamente con un tovagliolo pulito e, dopo aver eliminato gli acini più maturi e macchiati, disponeteli in un vaso di vetro a chiusura ermetica.

Cospargete l'uva di zucchero, unitevi la stecca di cannella e, dopo averla coperta di alccol, chiudete il vaso ermeticamente e conservatelo in luogo fresco e buio.

L'uva così preparata, è ottima nelle macedonie e per decorare dolci, ma è buona da gustare,con l'alccol che col tempo diventa liquoroso, durante l'inverno.




Invio con piacere questa ricetta a Leda e Claudia di Aboutfood




Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

51 commenti:

  1. Mi hai fatto emozionare stamattina con questi dolcissimi ricordi :) Da qualche parte forse conservo ancora quel grembiulino blu e mi è venuta voglia di cercarlo.
    E’ tenerissimo quel disegno :)
    E io sono ancora mezza addormentata! Ho letto ciliegie e non capivo che c’azzeccassero con l’autunno! Sarà che ho già voglia d‘estate? Un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di non aver scritto ciliegie invece che uva! ;)
      Mi sa che la nostalgia dell'estate per te è troppo forte!! Un abbraccio

      Elimina
  2. Anche a me Ottobre fa lo stesso effetto!!!!e..poi è un mese che proprio mi piace!!!Lo hai reso ancor più bello con questa conserva spettacolare!Bravissima Lory!Un bacio

    RispondiElimina
  3. Brava Loredana!! un salto nel passato e nei ricordi con questa splendida ricetta:-) e anche le foto sono bellissime! un abbraccio Cinzia

    RispondiElimina
  4. Non so perchè ma la vista del quaderno mi emoziona...ricordo da bambine...pieno di sogni e tanta fantasia e tanto..tanto amore!!!!!Forse è quell'amore che ci porta a cucinare con passione... a conservare ....e soprattutto a rispettare quello che la natura in ogni suo cambio di stagione ci regala
    Grazie di questo post cara Loredana
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Renata!
      Forse hai ragione, abbiamo trasportato l'amore e la passione che covava dentro di noi , nelle nostre piccole cucine, è un piacere condividere queste cose con chi le apprezza!

      Elimina
  5. Complimenti per questo emozionante post!
    A me ha fatto tornare alla mente l'uva sotto spirito che era solita preparare mia madre, lei sceglieva sempre dell'uva nera dai chicchi enormi e sodi! :-)
    IO non l'ho mai preparata, ma se lo farò sceglierò anche io l'uva "pezzutella", è la mia preferita! :-))
    Baci e buon inizio mese!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Assunta, trovo sempre più spesso che molti ricordi sono comuni a tante di noi, così come le ricette della nostra della Italia.

      Elimina
  6. Lory.. non so se traspare più poesia da quel piccolo quadernino o da questo vasetto strepitoso. Sei di una dolcezza immensa, lo sai? Ha davvero regalato delle emozioni, intense e tenere. Un abbraccio forte, complimenti davvero! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ely, detto da te è un complimento che conserverò a lungo nel cuore!

      Elimina
  7. Ricordi in comune... bei tempi. Io pochi anni fa ho dovuto gettare tutto. Avevo conservato quaderni, di tutti gli anni delle elementari, i libri. Dentro ognuno ho ritrovato una foglia di acero... una ogni anno. Che peccato gettar via tutto. Ma la vita è così... ho salvato le pagelle e le letterine di natale!
    Va beh, bando alle ciance e a questi dolci ricordi...
    Uva sotto spirito immortalata in quattro foto magnifiche... compresa l'etichetta!! Che dire? Post bellissimooo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ma perchè hai buttato tutto???...io , comunque, ho solo quattro quaderni delle poesie, ma, come vedi, i ricordi li porto nedentro di me!

      Elimina
  8. Loredana che bel post hai fatto. Io ero attaccatissima alla mia maestra e tuttora la ricordo ben volentieri. Il tuo quaderno mi ha emozionato molto, eri una bambina piuttosto ordinata e il tuo disegno era molto bello. Ma i complimenti non finiscono qui perchè l'uva sotto spirito è un'idea fantastica. Buona giornata Loredana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giovanna , grazie!! Se tusapessi cosa mi diceva la naestra: che mi avrebbero cacciato dalle medie perchè ero disordinatissima!!! ;)
      Io ne ho un ricordo meno positivo del tuo, però era una bravissima insegnante!

      Elimina
  9. molto buona! a portata di mano per tutti i mesi! non ho mai provato l'uva così, è una bella scoperta!

    RispondiElimina
  10. Bellissima ricetta! Hai ragione dobbiamo cercare di conservare i prodotti quando sono nel piano della loro stagione. Bellissima idea!!!
    Complimenti e buona settimana.
    Elisa e Laura

    RispondiElimina
  11. questa uva me la immagino davanti al camino quest'inverno, deve essere eccezionale, un bacio

    RispondiElimina
  12. Io e te sembriamo separate alla nascita! Proprio ieri sera ho pubblicato un evviva all'autunno!
    Poi c'è questa ricetta, che spesso faceva una mia cugina, e che non sono mai riuscita a ripetere...
    Mi sa che *copio* subito... per Natale!
    Buona giornata
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancora non riesco a passare da te, ma sono sicura di quello che scrivi!! ;)

      Elimina
  13. Buona! E' una conserva piena di ricordi, anche per me. Grazie silvana

    RispondiElimina
  14. In questo modo avremo sempre a disposizione un chicco di uva fresca. E non saprei proprio dirti quante volte in inverno mi viene la voglia di frutta fuori stagione (pere e mele vengono a noia in fretta...).
    Davvero una bella idea.

    RispondiElimina
  15. che bello il tuo quaderno! io ero di quelle con il colletto inamidato ..la mattina.. al rientro nn si capiva mai che aveva passato :D non ero monella ma non lo sopportavo ihihi, meno male che lo hanno tolto da mezzo :) i chicchi di uva sotto spirito mi riportano si indietro nel tempo.. a quando li faceva la nonna.. bei tempi che non torneranno mai più.. grazie cara ciao

    RispondiElimina
  16. grazie per questa nostalgica condivisione *_*
    bellissimo racconto e splendida ricetta.
    baciuzzi
    Cla
    piesse: hai convinto uno dei tuoi figli a divertirsi in cucina?
    :D

    RispondiElimina
  17. Grazie per aver condiviso con noi le tue esperienze che fanno sempre rivivere i meravigliosi giorni di scuola. Grazie per la ricetta... non pensavo che si potesse conservare anche l'uva pizzuttella, solitamente uso l'uva da tavola moscato: proverò anche la tua versione

    RispondiElimina
  18. Al di là della ricetta, per la quale hai usato l'uva che in assoluto mi piace di più, mi hai fatto ricordare la mia infanzia. Penso di essere più grande di te, ma la modalità delle mie elementari era quella tua e ho ripensato ad allora, a tutti i sogni che avevo, non importa se alcuni, o forse la maggior parte, sono stati disattesi, quel tempo, quello che ero, la bimba con gli occhi spalancati e le trecce, curiosa e vogliosa di crescere, sono un ricordo cristallizzato e perfetto. Mi piace dividerlo con te. Ti abbraccio

    RispondiElimina
  19. Favoloso adoro l'uva e poi questa ricetta.....buona settimana

    RispondiElimina
  20. Che bellissimo post carico di ricordi...in molti mi ci sono ritrovata, pur non essendo così vecchia soprattutto quelli relativi al colletto all'uncinetto, ai quaderni....che bei tempi!

    la tua conserva di uva sotto spirito è davvero invitante, mi immagino di addentarla davanti al camino in pieno inverno, per assaporare e ricordare l'autunno passato da poco!

    RispondiElimina
  21. Un post davvero splendido, trasmette tante emozioni e poi vedere il tuo quaderno da bambina ti scalda il cuore anche. Sei stata bravissima Loredana, grazie per aver condiviso con noi questi tuoi ricordi.
    E complimenti anche per la ricetta, quando è pronta passa un pò di questa uva che io la prendo volentieri!
    bacionii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PS: risposta al tuo commento nel mio blog:
      noi mettiamo la cenere di pale di fico d'india (dopo che raccogliamo i fichi d'india poi bruciamo le pale che le portano e ne prendiamo la cenere dai forni) nel mosto, a seconda di quanta ce ne metti determiniamo la dolcezza del prodotto finito. Io lo preferisco con molta cenere ad esempio. Però dopo una notte la togliamo, serve solo per la dolcezza così da non usare zucchero e per dargli un sapore particolare.
      ^^

      Elimina
  22. non so se mi piace di più la ricetta (fantastica9 o il tenerissimo quaderno con la poesia :)

    RispondiElimina
  23. Che dolce questo post, pieno di ricordi! Grazie per averli condivisi e grazie per questa meravigliosa conserva, mio marito impazzirebbe di fronte a quel vasetto, proprio non riesce a resistere all'uva sooo spirito e la tua è davvero speciale. Grazie, una bacione, Babi

    RispondiElimina
  24. Deve essere veramente molto golosa l'uva in questa maniera, e penso che anche la parte alcoolica possa poi essere utilizzata per aromatizzare i dolci. solo una curiosita, come mai si lascia il picciol? forse per non far uscire i succhi dal chicco? Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefania, credo che non staccare i piccioili permetta al chicco di non riempirsi troppo di alcool, considerando che già assorbono abbastanza del liquido in cui sono immersi.

      Elimina
  25. che bel post e che bella ricetta! l'uva sotto spirito la preparava anche mia nonna ed io andavo sempre a rubarla in dispensa, è una vera bontà.
    Buona settimana, Laura

    RispondiElimina
  26. I tuoi ricordi possono essere anche i miei: mi sono ritrovata indietro con il pensiero, a quel periodo spensierato e gioioso con poco traffico..
    Interessante la ricetta, quasi quasi la provo con l'uva nostra e ti farò sapere!!
    Buona settimana!!!

    RispondiElimina
  27. Hai ancora un quaderno? Ma che bello! e la nuvoletta che soffia, me la ricordo ... la disegnavo pure io...non è che era sull'album "Roselline"? Te lo ricordi?... Secondo me abbiamo circa la stessa età...
    Quanto all'uva mi viene voglia di assaggiarla, splendida ricetta... e che foto..una maestra! Bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'album Roselline ,non me lo ricordo...io sono del '69 e tu? ;)

      Elimina
  28. un post tenerissimo pieno di ricordi che in me ne hanno evocati altri altrettanto teneri! bella ricetta !
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  29. Loredana del '69 ??? ero a militare !!!

    RispondiElimina
  30. Che bel post! pieno di emozioni e dolci ricordi! :)
    Dalle mie parti si usava mettere sotto spirito soprattutto le ciliegie...all'uva non ci avevo mai pensato! :)
    Un grande abbraccio Lory!

    RispondiElimina
  31. Ma che bei ricordi hai tenuto anche i quaderni:) a dirti la verità io arrivò fino a fine ottobre poi mi sale una tristezza , l inverno non lo amo soffro il freddo e le giornate sono corte... Però se avessi un vasetto di uva sotto spirito mi riscalderei:)
    Baci

    RispondiElimina
  32. che meraviglia tutto!
    il disegno, il racconto e la ricetta.
    ficoeuva

    RispondiElimina
  33. Evviva l'odore delle matite, della gomma, dei quaderni. Evviva il tuo post, che mi rincuora, mi intenerisce, mi rispecchia. Evviva le persone che sanno ricordare con gioia la propria infanzia, rendere speciali momenti quotidiani, per poter apprezzare la vita e credere sempre nella semplicità delle cose. Un bacio grande

    RispondiElimina
  34. Lory che tenerezza...come mi piacerebbe tornare a 9 anni...ma ora mi godo la mia polpettina e conservo tutti i suoi disegni e le poesie per le varie festivita'...chissa' se un domani magari potra' fare un post bello come il tuo!!!
    Ottima questa ricetta la provero'!!!baciotti

    RispondiElimina
  35. oh Loredana...tenerissimo questo post....quanti ricordi, mamma mia...e chi se la dimentica la mia maestra delle elementari, era di una dolcezza unica, per tutta la classe era la nostra seconda mamma!
    quest'uva sotto spirito...favolosaaaa e le foto...meravifliose!
    bacioni

    RispondiElimina
  36. Le stesse sensazioni, gli stessi ricordi, la stessa memoria degli odori e dei colori, l'età è quella!
    Grazie carissima per i tuoi commenti, perdonami se non ti ho risposto prima ma navigo a fatica con una chiavetta, quindi poco e niente e mi manca tantissimo il contatto quotidiano con voi. Il trasloco non è finito perchè i lavori dentro casa non sono terminati, nel piano interrato ci sono ancora i muratori, un disastro, spero proprio torni presto la tranquillità...e la linea per essere di nuovo tra voi.
    Intanto potrei mettere via un po' d'uva per Natale, grazie per la ricetta.
    Ti abbraccio forte!

    RispondiElimina
  37. Spero che lo accetti ma ho uin piccolo presente sul mio blog per te ciaoooo

    RispondiElimina
  38. Loredana che bei ricordi , dovevi essere una dolcissima bambina;)

    RispondiElimina
  39. L'ho preparata questa sera, con la nostra uva nostrana scura non trattata, cannella e zucchero di canna, l'alcol a 90°. ti farò sapere come sarâ, penso aspetto le feste per assaggiare :-) grazie per la ricetta!!!!

    RispondiElimina
  40. Questa la provo, deve essere deliziosa!!!

    RispondiElimina

Lascia un tuo commento se ti fa piacere :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...