giovedì 4 aprile 2013

Per un giorno di ordinario appetito....ravioloni di gambi di prezzemolo

Ripubblico con piacere questa ricetta per partecipare e dare ilò mio contributo al contest di Luna de
 I pasticci di Luna : Ricette della carestia.

Tutto è partito da un invito ricevuto su fb da Fujiko.

Non volevo partecipare nonostante l'idea mi sembrasse di quelle meritevoli di un seguito, ma non sono bionica e ogni tanto decido di saltare qualche cosa, ma...nel regolamento di questa iniziativa promossa da ActionAid, c'è stato qualcosa che mi ha solleticato il lato "creativo", per così dire.

Lo scopo è quello di creare un piatto a meno di un euro ( e fin qui l'ho anche già sperimentato di stare al di sotto di certi costi, per gioco), che permetta di mangiare sano ( e questo diventa già un pò più complicato!) con lo scopo di sensibilizzare ad una nuova cultura del cibo basata sulla sostenibilità sociale e ambientale.Cito dal Regolamento.

Fin qui tutto abbastanza interessante, ma quando ho letto nell'art.4 : Contenere almeno un ingrediente che sia un avanzo (p.es. pasta del giorno prima, pane raffermo) o uno scarto (p.es. foglie di cavolo, bucce), non ho resistito!!!

Ho sempre pensato che quello che viene scartato nelle nostre cucine potesse esserte utilizzato, più o meno gustosamente, ma sicuramente in modo utile dal punto di vista nutritivo.

Siamo così abituati alle foglie di insalata tenerissime, da buttarne via più della metà, per non parlare della frutta un pò troppo matura, del pane un pò secco e potrei continuare, ma potremmo farlo tutti soffermandoci un attimo su quali siano le nostre (errate) abitudini alimentari.

Per farla breve, stavo preparando il dado vegetale e mi ritrovavo in mano i gambi del prezzemolo...da lì è partita l'idea, ho cercato gli avanzi in frigo e ho provato a creare un piatto gustoso per almeno 4 persone, ricordandomi di una ricetta del recupero della cucina povera molisana.

Mi sembra di esserci riuscita, per noi è stato gustoso, sano e sostenibile!


Ravioli agli albumi e gambi di prezzemolo



Per 4 persone

Per la pasta dei ravioli ( da una ricetta molisana)
  • 400 gr farina di semola di grano duro
  • 4 albumi avanzati
  • un pizzico di sale
  • gambi lavati e puliti di un mazzo di prezzemolo ( quelli che di solito buttiamo), questo nella ricetta originale non era previsto!
In un pentolino piccolo versare dell'acqua ( 3/4 dita) e i gambi di prezzemolo.
Far bollire su fuoco basso per almeno 10' o fino a quando non risulteranno teneri ( se l'acqua si dovesse ritirare troppo aggiungerne dell'altra).
Scolare e versare in un mixer, allungare con qualche cucchiaio di acqua di cottura e frullare.
I gambi sono abbastanza fibrosi, se occorre unire un altro poco di acqua di cottura, ma senza esagerare.


Preparare la farina su una tavola, fare una fontana al centro e versare il passato di prezzemolo, facendolo filtrare attraverso un setaccio ( per eliminare la parte legnosa)



Aggiungere gli albumi e un pizzico di sale e lavorare energicamente, fino ad ottenere una pasta soda, ma malleabile.
Lasciar riposare per 30'.


Per il brodo e il ripieno
  • 500 gr ali di pollo
  • 250 gr ossobuco di bovino
  • carota
  • sedano
  • cipolla
Preparare il brodo versando in una pentola dell'acqua, immergendo la carne di pollo e l'ossobuco, la carota grattata e tagliata in pezzi grandi, la cipolla sbucciata, qualche gambo di sedano.

Lasciar bollire per almeno un'ora e mezza, regolare di sale.

Prelevare la carbe, separare la polpa dalla pelle, le ossa e il grasso.

Versare in un mixer e far ridurre in poltiglia, deve risultare un composto abbastanza asciutto.
Regolare di sale , se occorre, aromatizzare con una macinata di pepe , se piace.

Prendere la pasta dei ravioli, dividerla in panetti e fare delle strisce lunghe e sottili.
Ho utilizzato prima il mattarello, poi ho continuato con la Nonna Papera, tirando la pasta fino alla penultima tacca, con attenzione perchè tende ad arricciarsi.
Adagiare su ogni striscia 4/5 palline di ripieno , coprire con l'altra metà, sigillare bene i bordi, premendo con le mani e ritagliare con uno stampo per ravioli, un bicchiere o una rotella ( nel mio caso!).

Tenere da parte, con queste dose si otterranno circa una cinquantina di ravioli, essendo abbastanza grandi risultano sufficienti per 4 persone.

Lessare i ravioli in acqua salata e, una volta cotti, scolare e versare nei piatti.

Coprire con il brodo bollente e aromatizzare con altro pepe, se piace.


Per la realizzazione di questa ricetta ho speso complessivamentepoco meno di 4 euro per 4 porzioni.



Con questa ricetta partecipo all'iniziativa Un giorno di ordinario appetito di ActionAid e Simplyfood

Con questa ricetta, partecipo al contest di IPasticcidiLuna sponsorizzato da Fotoregali, per la categoria salati.




Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

40 commenti:

  1. Bella questa iniziativa, e assolutamente perfetto il piatto che hai saputo creare :-)

    RispondiElimina
  2. Cara Loredana, buongiorno! Molto interessante la tua ricetta. Il recupero, una bella idea! ciao silvana.

    RispondiElimina
  3. La classe non è acqua bimba e si vede! Con i gambi di prezzemolo hai fatto un capolavoro! Un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
  4. davvero un bell'esempio su come poter risparmiare senza rinunciare al gusto...sono molto invitanti anche visibilmente!complimenti come sempre!

    RispondiElimina
  5. Davvero interessanti questi ravioli...mi piace l'idea che hai avuto.
    Complimenti e Buon inizio settimana

    RispondiElimina
  6. Un piatto da re ad un costo bassissimo! Davvero complimenti Lory!
    Un bacione! :)

    RispondiElimina
  7. Una sfida davvero dura da sostenere, ma ce l'hai fatta, come sempre! Hai creato una ricetta sana e a basso costo, bravissima!!

    RispondiElimina
  8. A guardarli non si direbbe proprio che hai speso così poco, verrebbe da pensare a un piatto costoso!! E invece... sorpresa sorpresa! Bello, buono (sono strasicura che deve essere delizioso) e anche economico!

    RispondiElimina
  9. Della serie Semplici ma Buoni! davvero brava Loredana, questa volta non era per niente semplice e come al solito tu ci sei riuscita!
    P.S. Come è stata la domenica Romana?

    RispondiElimina
  10. ciao simpaticissima Lore... se non ci fossi ti dovrebbero inventare!!! Sei davvero creativa e con questa ricetta... beh, hai fatto davvero lavorare la fantasia senza però dimenticare il gusto. Chissà che buoni i tuoi ravioloni "del riciclo"... che faccio, mi invito?
    Hai ragione, troppo spesso trattiamo come scarti cose che potrebbero essere tranquillamente mangiate. Non penso solo "al portafoglio" ma anche alla "sostenibilità" e... al guadagno in termini di sapore. Per esempio, fino a qualche tempo fa non avevo mai pensato che i ciuffi delle carote novelle si possono mangiare, così come quelli dei ravanelli... ma come siamo diventati?
    Aspetto solo di coltivare qualcosa in più che mi dia la garanzia di "bio" e poi... mi sbizzarrisco! Un abbraccione ed un grazie per questo post. Ciao

    RispondiElimina
  11. Ravioli molto interessanti, molto ben eseguiti e che tu come sempre hai reso "tuoi". Ottimo il riciclo e perfetta la ricetta per il contest. e adesso basta coi complimenti ;)) buon lunedì cara Loredana!!!

    RispondiElimina
  12. Una ricetta che mi fa capire che in cucina non ci vogliono ingredienti particolari per creare un buon piatto, ma tanta fantasia. Con poco e a costi bassi, hai preparato un primo veramente ottimo. Complimenti e auguri per il contest.Ciao.

    RispondiElimina
  13. E' un piatto da applausi. Complimenti davvero.

    RispondiElimina
  14. certo che a vederlo nessuno direbbe sia un piatto economico e riciclando qualche avanzo! Bravissima Loredana e presentazione très chic (aggiunge Magali!)

    RispondiElimina
  15. ...ogni tanto mi chiedo come ti vengono in mente certe cose... brava!!!

    :*
    roberta

    RispondiElimina
  16. Lori, sei imbattibile, hai preparato una pasta gradevolissima ad un costo ridicolo! Ho visto questo contest, ma non ho altrettanta inventiva, comunque ci proverò. La prossima volta che andrò a Roma ti avverto, se potrai fare un salto sarà bello incontrarsi. Ti abbraccio a presto

    RispondiElimina
  17. accidenti!!!! complimenti davvero, una meraviglia gustosissima, brava!

    RispondiElimina
  18. niente marron glacés, quest'anno, almeno per ora. in compenso ho inventato proprio questo pomeriggio una nuova ricetta: le castagne lessarroste. Devo dirti che le volevo fare lesse e me le sono dimenticate sul fuoco? Me ne sono accorta solo quando hanno cominciato a scoppiettare come dei pop corn... :((
    Non ti dico la cucina com'era ridotta... castagne in ogni dove. E la pentola? Olio di gomito ed ancora non è venuta pulita...
    Baciiii

    RispondiElimina
  19. Veramente con pochi soldi un piatto molto gustoso.

    RispondiElimina
  20. Penso che sei un genio! Anche io adoro riciclare e inventarmi qualcosa con quello che è rimasto nel frigo. Ma penso tu ti sia superata! Hai creato dei ravioli che penso non se ne trovino in giro!!! E devono essere anche molto buoni. Che soddisfazione credo tu abbia avuto!!!!
    p.s. La prossima volta "dovrai" essere dei nostri!! Non penso mai che in fondo l'abruzzo è tanto vicino... Anzi, fammi sapere quando passi da queste parti la prossima volta, che mi farebbe piacere almeno un caffè con te!! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  21. Questo piatto è la dimostrazione che in cucina per mangiare bene non ci vogliono necessariamente ingredienti dispendiosi, ma sempre ci vuole creatività e amore, e nella tua cucina questi ingredienti non mancano mai!
    bacioni
    Alice

    RispondiElimina
  22. E ci sei riuscita in pieno car Loredana, bravissima non era per niente facile! E per di più è buonissima :-) Bacioni!!!

    RispondiElimina
  23. Ecco non ci crederai ma io sto facendo il brodo, mentre studio è li che sobbolle, vorrei qualcuno che mi facesse anche i ravioli, come questi! Vuoi passare qui tu?

    RispondiElimina
  24. Bellissima ricetta
    complimenti ciao

    RispondiElimina
  25. Mi piacciono i piatti del recupero e tu hai avuto veramente una bellissima idea!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  26. buonissimi, peccato solo non averli qui per l'assaggio, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  27. Che dire...basta un forte applauso dal Piemonte?? Complimenti davvero .... 10 e lode!

    RispondiElimina
  28. simpatico il contest al quale partecipi se riesco parteciperò anche io..e complimenti per la ricetta povera ma tanto innovativa....sono le cose semplici a volte che stupiscono!!!!in bocca al lupo per il contest! simo

    RispondiElimina
  29. sei una delle blogger più fantasiose e riesci sempre a stupirmi, mi piace questa ricetta gustosa ed economica :)))

    RispondiElimina
  30. Quanto lavoro, ma che soddisfazione!! Mi chiedo spesso come mai non sei ancora stata assunta per qualche famosa rivista tipo sale e pepe :-)
    Questi tuoi ravioli mi ricordano quelli che preparava la mia mamma!! :-)

    RispondiElimina
  31. Fantastica idea quella dei gambi nell'impasto...:))))
    Un abbraccio, elisa

    RispondiElimina
  32. Punto uno - sto in ginocchio sui ceci perchè, vergognosamente, riesco a passare solo adesso da te!
    Punto due - è una ricetta da urlo!!
    Punto tre - mi piaci donna!!
    Punto quattro - un grande abbraccio

    RispondiElimina
  33. mamma mia e chi ci hamai pensato a fare dei ravioli con gli avanzi uhm che bontà

    RispondiElimina
  34. Cara dolce Lori, che tu sia brava oramai è noto, ma qui ragazzi... devo dirti almeno 3 volte chapeau!
    In primis ammiro tantissimo la tua energia inesauribile! Pubblichi sempre delle magnifiche ricette... io non trovo più nemmeno il tempo per fare una foto mannaggia, ma va bè questa è altra storia! La seconda nota di merito (a mio avviso la più importante!) è che è facile creare ricette stupende con ingredienti nobili, ma riciclare gli avanzi così, signori, non è certo da tutti! Questa è maestria, brava Lori, perchè mi hai fatto conoscere questa nobile iniziativa (terza nota di merito!) e per aver partecipato con così tanto entusiasmo! Un abbraccio strettissimo cara mamma Lory e spero di riuscire a ripassare a salutarti prima delle vacanze ;)
    Un bacio enorme! ^__^ Any

    RispondiElimina
  35. Ciao che bello questo piatto creato con ingredienti non nobili! Un abbraccio e a presto
    paola

    RispondiElimina
  36. Splendidi e sicuramente buonissimi!! Brava Loredana, un abbraccio

    RispondiElimina
  37. Ciao grazie mille, ti inserisco subito! :D

    RispondiElimina
  38. Interessante, molto interessante. Solo una avvertenza ad usare il tuo ingrediente principe con parsimonia, in quanto il decotto di prezzemolo potrebbe essere pericoloso, concentrando alcune sostanze, che in piccole quantità, quelle di un prezzemolo aggiunto in pochissime foglie, sono positive ma che in grande quantità potrebbero anche essere dannose, specialmente a persone non perfettamente in salute. Ricordiamo che il decotto di prezzemolo, fino a qualche decennio fa, era utilizzato per le sue proprietà fortemente abortive, risultando deleterio per il feto. Detto questo vi aggiungo che noi usiamo i gambi di prezzemolo in tutti gli intingoli e brodi di pesce e frutti di mare per la loro particolare sapidità e per la facile eliminabilità dai sughi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la piccola nota, ma da come ho letto il prezzemolo risulta tossico solo nel caso di ingestione dei semi.
      Queste sono le notizie da me rilevate e a cui mi sono attenuta nella preparazione di questa ricetta, che, sono sicura, non comprometterebbe la salute di nessuno.


      Famiglia
      Apiaceae
      Principi attivi
      Olio essenziale (miristicina, apiolo), flavonoidi, ftalidi, cumarine, vitamine (vitamina C), ferro

      Parti utilizzate
      Foglie (+ steli talvolta), radici e semi

      Effetti prezzemolo
      - Diuretico, disintossicante, antireumatico, nutritivo

      Indicazioni prezzemolo
      - Cistite (radice), reumatismi (radice o foglie), cure per "disintossicare i reni" (foglie, cioè decotto di prezzemolo), contro i dolori mestruali (radice), coliche (olio essenziale), flatulenza (olio essenziale), menopausa (foglie fresche, come complemento), alito cattivo (masticare le foglie fresche)

      Effetti collaterali
      In dosi massicce i semi possono essere tossici

      Contro Indicazioni
      Riguarda i semi o le radici del prezzemolo (non le foglie): gravidanza, malattie renali o cirrosi del fegato.
      Riguarda il prezzemolo nel suo insieme: allattamento.

      Informazioni prese da:
      http://www.creafarma.ch/piante/prezzemolo.htm

      Elimina
  39. 4€ per 4€ porzioni per un piatto da re! cosa si può desiderare di più!:-)

    RispondiElimina

Lascia un tuo commento se ti fa piacere :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...