mercoledì 19 settembre 2012

Vitello tonnato brasato

Per alcuni fa molto anni '80.

Per altri non "rifà faccia" ( espressione abruzzese per dire che non fa fare bella figura).

Io ne ho un ottimo ricordo per quelle tre, quattro volte che l'ho mangiato.

Ad agosto fa caldo, a Ferragosto di più e io non avevo nessuna intenzione di accendere forno, fuochi e barbecue ( che fa figo scrivere, ma in realtà non posseggo)...meglio giocare d'anticipo e dover aprire solo il frigo.
Certo adesso che il caldo è lontano quasi non viene la voglia di provarla, ma oramai l'ho fatta e non me la tengo in memoria fino alla prossima estate, quindi beccatevela così com'è!

Non è la solita ricetta, quella tradizionale riportata dall'Artusi, per questo l'ho provata .

I miei ospiti l'hanno apprezzata molto.



Vitello tonnato brasato
(Sale e Pepe luglio 2009)

per 4 persone
  • 800 gr di magatello di vitello
  • 120 gr di tonno in scatola sott'olio
  • 2 dl di aceto di vino bianco
  • una cipolla bionda
  • 2-3 chiodi di garofano
  • qualche grano di pepe bianco
  • 2 foglie di alloro
  • qualche seme di finocchio
  • 2 bacche di ginepro
  • 8 filetti di acciuga sott'olio
  • farina
  • 4 uova
  • un cucchiaio di capperi sotto sale
  • erba cipollina
  • 30 gr di burro
  • sale
Mettete il magatello in una pirofila con l'aceto, 2 dl di acqua, la cipolla a spicchi, le spezie, l'alloro e fate marinare per 10 ore in frigo.
Sgusciate le uova, separando i tuorli dagli albumi, versarli in acqua bollente per 5/6 minuti, fino a che non saranno rappresi ( in questo modo evito di buttare gli albumi rassodati, tenendoli invece da parte per altre preparazioni).
Raffreddatele.

Scolare la carne dalla marinata, infarinarla e rosolarla in una casseruola con il burro spumeggiante.
Unire i filetti di acciuga, stemperarli e versare la marinata filtrata.
Salare appena , cuocere la carne per un'ora, scolarla e lasciarla raffreddare.

Frullare il fondo di cottura con il tonno, i capperi dissalati e i tuorli sodi.
Affettare la carne, napparla con la salsa e rifinire con l'erba cipollina tagliuzzata.





Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

25 commenti:

  1. E apprezzerebbe tanto anche la talpa :D!
    Io ho amato la tua rima "Ad agosto fa caldo, a Ferragosto di più e io non avevo nessuna intenzione di accendere forno, fuochi e barbecue" :)) Un bacione, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rima involontaria, te lo assicuro! ;)

      Elimina
  2. Un classico che non stanca mai ...
    Un saluto dai viaggiatori golosi ...

    RispondiElimina
  3. cara Loredana, il vitello tonnato è invece per me un piatto della tradizione, di quelli che non smetterei mai di mangiare. In certi ristoranti poi, quando è nel menu, per me non prenderlo è veramente uno sforzo. Il vitello tonnato è un qualcosa di così delicato, di così sublime in quei contrasti di gusto dati dalla carne che si mescola con il tonno con la morbidezza poi di una maionese, che non posso altro che dirti che mi hai fatto venire una gran voglia di provarlo! sai che lo mangio spesso, ma mai fatto da me? è il piatto delle mie nonne, in realtà. ma perchè non provare anche io la mia versione? e sai un'altra cosa? in Piemonte va di gran moda tutto l'anno!! quindi non sei affatto fuori stagione! :) bacino, sere

    RispondiElimina
  4. Mi piace molto il vitello tonnato, perchè è un piatto versatile che puoi fare in diverse occsasioni. La tua versione mi piaca molto, la voglio leggere con attenzione. Ciao.

    RispondiElimina
  5. wow ha un colore davvero intenso. Ma hai aggiunto zafferano? Negli ingredienti non mi pare di vederlo. Non ho dubbi che i tuoi ospiti abbiano gradito, tenera la carne e cremosa la salsa, bravissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No. il colore è dato dal fondo di cottura e dai tuorli!Niente zafferano!! ;)

      Elimina
  6. Io trovo invece che tu l'abbia presentato e cucinato in modo molto originale e attuale! E ti dirò, a me il vitello tonnato non dispiace affatto! ;) Bellissima portata.. e la sua bella faccia la fa! :)) Bacione!

    RispondiElimina
  7. Io ho la mia mamma che è bravissima a fare il brasato e che piace tanto tanto ai miei ninni.
    Proverò ad usare la tua ricetta perché con quella della mia mamma non mi viene bene, ovviamente è colpa mia ^_^

    RispondiElimina
  8. Ahahah mi hai fatto morire con il barbecue!!
    Il vitello tonnato l'ho assaggiato a Biella, quando sono andata a visitare i parenti di mio marito e mi è piaciuto molto, il tuo poi è particolarmente colorato e cremosissimo! :P

    RispondiElimina
  9. *_* io non l'ho mai assaggiato ma voglio rifarmi subito!!
    Sembra così delizioso fatto da te!!
    Bravissima tesoro!!!
    un bacione

    ps: la parte sul barbecue? fantastica! ihihih

    RispondiElimina
  10. Farà anche anni 80 ma a casa mia lo adoriamo tutti e soprattutto d'estate lo cucino spesso è troppo comodo! Mai fatta però questa versione brasata, me la segno e la farò la prossima estate, ora dopo tante cose fredde ho proprio voglia di riaccenfdere il forno!
    un bacio
    Alice

    RispondiElimina
  11. Buonoooo! Saporito e da provare in questa nuova versione, bravissima :) Un bacio!

    RispondiElimina
  12. Da noi è talmente un classico, che se non c'é negli antipasti misti piemontesi ... tutti ne sentono la mancanza :-)
    Buonissimo!

    RispondiElimina
  13. adoro il vitello tonnato e questa tua versione mi attira molto, me la segno!

    RispondiElimina
  14. Aimé il vitello tonnato non é mai stato in cima alla mia lista

    RispondiElimina
  15. io il vittello tonnato lo mangio sempre volentieri, la tua ricetta è piu ricca profumata rispetto a quella che preparo io.. brava!!! a presto ç:)

    RispondiElimina
  16. Che bontà...io lo adoro, estate, inverno...per me il vitello tonnato non ha stagione! geniale l'idea di bollire solo il tuorlo!! ma quante ne sai???
    brava!

    RispondiElimina
  17. Adoro il vitello tonnato e questa ricetta è fantastica perché con i tuorli cotti non c'è nessun pericolo di prendere la salmonella....ho sempre paura ad utilizzare le uova non pastorizzate soprattutto l'estate!!!!
    Un abbraccio, a presto.

    RispondiElimina
  18. Ciao!
    Sono capitata qui per caso, gironzolando per il web...mi piace vagare da un blog all'altro...così facendo ho scoperto il tuo e mi è piaciuto subito!
    Ho dato una scorsa veloce ad un pò di titoli e per ora ho letto interamente solo questo post, ma mi è bastato per capire che mi piace come scrivi ^_^
    Sei simpatica, autoironica e mi dai l'impressione di essere una persona schietta, che dice sempre quello che pensa...poi vogliamo parlare della ricetta? Mi piace!!!
    Quindi non ci ho pensato su due volte e mi sono unita subito ai tuoi lettori fissi!!!
    A presto, passa a trovarmi se ti va

    Ciao
    Lina

    RispondiElimina
  19. mi ispira tantissimo, voglio provarlo anche così!

    RispondiElimina
  20. Fa figo dire di avere un Barbecue? ahahaha Lo devo dire a mio padre allora, Lui è il re del Barbecue :D!!!
    il Vitel Tonnè,è un piatto che propone spesso la mia zia piemontese e ad essere onesta non è tra i piatti che preferisco...! Tu però l'hai presentato benissimo come sempre Smack! ♥

    RispondiElimina
  21. mmm... sembra davvero buono!!! questo devo assolutamente provarlo, cerco sempre ricette alternative e questa mi piace proprio ;) complimenti!

    RispondiElimina
  22. E formidabile l'Artusi Lory! Io mi sono scaricata il pdf sul tablet e me lo leggo sul treno... vita da pendolari insegna qualcosa!! Tra l'altro mi fa anche sorridere e mi tiene allegra. Lui non si fa mai il problema se fa caldo o freddo... tu sì! Hai fatto bene. Anche io ho in archivio qualcosa estivo che non ho postato e mo lì resta!! Tutta sta premessa per dirti che al Sig. Artusi hai reso veramente omaggio... alla grande!!! Un abbraccio!!

    RispondiElimina
  23. Che versione interessante di questo Classico! Da provare

    RispondiElimina

Lascia un tuo commento se ti fa piacere :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...