venerdì 17 febbraio 2012

Baicoli

Sono golosa.

Sono molto golosa.

Per me rasenta l'impossibile il dover cominicare la giornata senza fare colazione e senza dolci da inzuppare.

Anche se ogni tanto una regolata bisogna darsela.

Va bene la carica di energia per iniziare la giornata, ma a tutto c'è un limite, non si possono ingurgitare 2000 kcal solo a colazione e allora...

No, niente dieta, niente thè senza zucchero con due fette biscottate, no no...ho cercato una ricetta che, secondo me, potesse essere :
  • gustosa
  • dolce
  • poco calorica
  • ideale da inzuppare
  • e si mantenesse abbastanza a lungo

Dite che non esiste una ricetta così???

Invece l'ho trovata, e in più mi permette di utilizzare il lievito madre che ancora non mi sento di far morire, come tutti i Tamagochi di mia figlia.

Eccola la ricetta delle meraviglie, neanche a dirlo una ricetta tradizionale, ma di Venezia :

I BAICOLI.

“I biscotti veneziani per eccellenza sono i “baicoli” che creati due secoli fa, nelle offellerie e panetterie per le botteghe del caffè, sono ancora oggi tra i biscotti più delicati e saporiti. I “baicoli” veneziani sono molto considerati anche dai turisti stranieri i quali spesso si ricordano della loro bontà e li richiedono a distanza di anni”. Da “Il Veneto in cucina” di Ranieri Da Mosto - Giunti Martello Editore – 1978



Baicoli
(ricetta delle sorelle Simili)


Ingredienti:
  • 350g. pasta madre
  • 350g. farina di forza
  • 130g. acqua
  • 90g. zucchero
  • 90g. burro morbido
  • 1 cucchiaino di sale






Sciogliere il lievito con l'acqua, versare la farina, lo zucchero, il burro morbido e il pizzico di sale.
Lavorare bene tutto fino ad avere un composto omogeneo.
Per chi possiede la MDP porre tutti gli ingredienti nel cestello e impostare programma di solo impasto, poi procedere come segue.
Formare 4 filoncini.
Sistemare su carta forno e porre a lievitare per 4-5 ore.
Riscaldare il forno, cuocere a 200° per 14'.
Lasciar raffreddare, una volta freddi chiudere in sacchetti di nylon per 24 ore.
Il giorno successivo affettare sottilmente e disporre le fette sulle placche del forno, senza sovrapporre.
Passare in forno a 160° fino a quando non saranno biscottate, attenzione a non farle scurire troppo.
Si conservano  a lungo in scatole di latta.




E con questa ricetta che ricorda il pane, si affetta per bene e prevede anche una doppia cottura partecipo per dare un titolo all'undicesima scultura di Stefano Bianco al gioco



Continuo a ripetermi , ma tra un pò non lo farò più...tra solo un mese non ci sarà più questo gioco o chiamatelo come vi pare, pensato dalle ragazze di Ammodomio , basato sulle sculture di Stefano Bianco e a me dispiacerà molto, anzi moltissimo.

Ho iniziato a giocare da  poco tempo, ma è stato un crescendo, mese dopo mese,
scultura dopo scultura.

E' stata l'esperienza più stimolante che io abbia mai provato in cucina...pensare ad una ricetta e abbinarla ad una scultura specifica.

Anche questa volta l'opera di Stefano Bianco può prestarsi a diverse letture ed interpretazioni.

L'ho guardata con attenzione e mi ha colpito il volto d'uomo con gli occhi chiusi, che risulta essere il più spesso, da questa testa vengono tagliate , da una lama con volto di donna, altri visi di uomini, con gli occhi aperti.

Quello a cui ho pensato, guardando l'opera è che  i volti dietro rappresentano il passato, hanno gli occhi aperti perchè hanno già agito, hanno visto e continuano a vedere,
il volto con gli occhi chiusi, invece rappresenta il futuro, che non si può vedere e questo giustifica gli occhi chiusi.
La lama è il tempo che inesorabile passa sulla nostra vita e taglia fette di passato.


Ecco il nostro errore: vediamo la morte davanti a noi e invece gran parte di essa è già alle nostre spalle: appartiene alla morte la vita passata.(Seneca)


Il titolo che ho scelto è: Tagliare con il passato




Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

46 commenti:

  1. E' da tanto che gli faccio "la corte" , questi saranno i miei prossimi biscotti da inzuppo. Mi spaventa un po' la pasta madre ma ci prenderò la mano :) Un bacio, buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Federica, se la provi non la lasci più!!

      Elimina
  2. Mi piacciono tantissimo, sono perfetti per l'inzuppo e davvero belli!
    Buona giornata :)

    RispondiElimina
  3. Tutte le ricette che concernano l'uso della pasta madre sono super benvenute nella mia cucina! se poi sono anche leggere ancora meglio! :)

    RispondiElimina
  4. Sai che mi hanno sempre incuriosita???sono come delle fette biscottate?l'aspetto e' magnifico!!!baci!
    ps.non so navigare su facebook comunque ti ringrazio bacii!!!!

    RispondiElimina
  5. Loryyyyyyy, ma lo sai che il mio lievito che ormai ha circa 1 mese e mezzo l'altro ieri ha panificato per la prima volta??? Ero emozionata devo dire! E devo dire grazie a te che mi hai iniziato :) questa ricetta la copio, naturalmente! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'ora di vedere qualche bella ricetta!!

      Elimina
  6. ma che meraviglia, mi segno la ricetta!!

    RispondiElimina
  7. vedi che stai cominciando a far diventare golosa pure me XDXD un baciotto ^^

    RispondiElimina
  8. Buoni i baicoli! Io li prendo spesso e li ho pure preparati ...sono deliziosi ...

    RispondiElimina
  9. Proprio qualche giorno fa ho preparato il mio primo lievito madre....speriamo bene ;) Perfetta questa ricetta! Un bacio e buona giornata cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono curiosa...tienimi aggiornata sulla"creatura"!!

      Elimina
  10. Grazie Loredana, sempre in gamba! Splendida interpretazione anche la tua, complimenti!
    Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Stefano, è stato un vero piacere!

      Elimina
  11. Bellissima interpretazione... bellissima la duplicità che hai colto nelle fattezze, nei tempi dell'opera e nel tempo in generale, nella percezione che ne abbiamo, e che trovo straordinariamente resa dalla doppia cottura dei baicoli... hai ragione, è un'esperienza davvero stimolante. :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, lo è...non posso pensare che tra poco terminerà!! :(((

      Elimina
  12. anch'io sono molto golosa e un biscotto a colazione e a merenda sono una vera necessità ,favolosi questi te li copio. Però ti devo una confessione, io sono un'assassina non pentita di tamagoci....non potevo più! :) eh eh eh !
    buon We
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te lo confesso , ho una figlia serial killer di Tamagochi!!!

      Elimina
  13. e perchè vuoi far morire la pasta madre???? disconoscevo questi biscotti deliziosi grazie perchè da te imparo molto :-) buon fine settimana cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fino a quando ce la faccio, lo terrò in vita, ma sto provando il LICo Li

      Elimina
  14. Oddio mi hai fatto morire dal ridere con i Tamagochi!!! ahahahahah sei troppo forte! Anch'io vorrei fare sempre colazione con dolci da inzuppare, ma ogni tanto alterno con fette biscottate (purtroppo!) Però questi baicoli mi sembrano una valida alternativa! Baciii e buon weekend

    RispondiElimina
  15. Molte belle mi sembrano delle fette biscottate, però io la pasta madre ecco... NOOOOO!!! se volessi farle senza come dovrei procedere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marianna...cerca in rete, esiste sia con livito di birra che con lievito chimico, provali dai!!

      Elimina
  16. Sono assolutamente splendidi. Mi ricordano i biscotti del Lagaccio ma immagino che siano più croccanti. MA se uno non avesse la pasta madre? Dovro eternamente rinunciare a farli? E' il genere di biscotto che mi piace a colazione, non troppo dolce, buono da spalmare con qualche bella confettura e soprattutto INZUPPOSO! Le fonti sono magnifiche come sempre. Ti abbraccio, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patty, ti assicuro che il sapore è molto particolare, la consistenza sgranocchiosa, ma non spaccadenti.
      In giro ho letto qualche ricett che utilizza il lievito chimico e qualcuna anche il LdB...se le cerchi puoi farlo anche senza LM.
      baci

      Elimina
  17. Che bell'aspetto questi biscotti... baicoli hai detto ,devo ricordarmene ;)

    RispondiElimina
  18. Bellissimi Loredana, ne ho mangiati tempo fa e sono deliziosi. Mille volte meglio di tanti biscotti... bacioni e buon we!

    RispondiElimina
  19. Devo provarli assolutamente anch'io, allora! I tuoi sono bellissimi! *-*

    RispondiElimina
  20. Cara Lori, un applauso ai biscotti, ma breve per non turbare la bellezza di quello che hai scritto a proposito della scultura. Mi hai commosso, e una volta di più mi sento lieta di averti incontrato. Stiamo facendo insieme un sacco di cose anche se a distanza, ma l'importante è avere tante cose da dirsi. Ti abbraccio, buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazia, Carla Emilia, certe affinità vanno oltre il monitor. ;)

      Elimina
  21. Mi devo decidere. Ho capito che in rete si trovano anche ricette senza lievito madre. Ma prima o poi la devo fare. Queste ricette sono fantastiche. Tu ce l'hai proposta in modo divino...

    RispondiElimina
  22. che meraviglia Loredana, vengo anche io a far colazione da te! Ora vado a ritroso a vedere i post che mi sono persa! baciotti Helga

    RispondiElimina
  23. Non ho l'abitudine di inzuppare i biscotti, li sgranocchio così e poi bevo il latte separatamente ;-)
    Sono sicuramente incomparabili fatti con il tuo lievito madre!
    Buon weekend!!

    RispondiElimina
  24. ciao,complimenti,è da tempo che voglio preparare il lievito madre...mi devo proprio impegnare!!ciao e buon w.e.....ti seguo con piacere..

    RispondiElimina
  25. Che buoni, sono perfetti!!!

    RispondiElimina
  26. Cara Lori....hai fatto una bellissima interpretazione della scultura di Stefano Bianco e... il titolo "Tagliare con il passato" davvero azzeccato!
    E questi biscotti? Da inzuppo proprio speciale! Ottimi anche così!
    Bacioni

    RispondiElimina
  27. Un post bellissimo! Hai una meravigliosa capacità di abbinare i piatti agli eventi! Buona domenica, Laura

    RispondiElimina
  28. I baicoli veneziani sono fantastici,affatto banali, anzi...per farli ad arte ci vuole criterio e tempo a disposizione. Bravissima!
    buona domenica, Vale

    RispondiElimina
  29. Il lievito madre mi ha sempre attirato... ma ho sempre temuto di diventare una omicida. Non sono molto costante con la panificazione quindi, ogni volta mi tenta ma... resisto! Debbono essere buonissimi e soprattutto leggeri i tuoi biscotti, fatti apposta per una colazione sana e, perchè no, per una merenda.
    Buona domenica
    Nora

    RispondiElimina
  30. Questa ricetta della Simili me la stavo perdendo. Mi garbano tanto i baicoli, devo provare a farli! Complimenti per il blog :)

    RispondiElimina
  31. si ma.... io ci spalmerei un pò di dulce de leche, un pò di marmellata, ma anche la nutella.....
    e allora è inutile....
    bacio lori!!

    RispondiElimina
  32. Ciao Lore, che fantasia che hai! Intanto mi segno i baicoli, che mi ricordano tanto la "mia" bella Venezia dove ho passato giorni indimenticabili (fino a qualche anno fa andavamo quasi tutti gli anni... ce la siamo "spulciata" per bene, con mio marito!). I tuoi sembranoo davvero quelli veri.
    Quanto alla scultura, mi sembra un'interpretazione molto azzeccata. In ogni caso: mi piace
    Ciao

    RispondiElimina
  33. che belli, cercavo proprio la ricetta dei baicoli... :)

    RispondiElimina
  34. sembrano delle squisite fette biscottate, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  35. da veneta di adozione e pasta madre dipendente, li provo assolutamente!

    spery

    RispondiElimina
  36. ...e ora ti confesso, in confidenza!, che io tutti i dettagli che avevi notato tu così chiaramente non li avevo proprio visti... e quando ho letto la tua interpretazione ho pensato di me "cavolo! ma che frana!!!". Te lo dico di nuovo, bellissima intepretazione, bellissima ricetta! bravaaaaa ^_^

    RispondiElimina

Lascia un tuo commento se ti fa piacere :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...