domenica 2 novembre 2014

U Suscelle per L'Italia nel Piatto

Ricetta corroborante che per secoli ha smorzato appetiti, calmato dolori, riscaldato corpi infreddoliti, assecondato sonni tranquilli (La cucina molisana -Lombardi-Mastropaolo).
Visto che il tema per questa uscita de L'Italia nel Piatto è il comfort food, ho pensato di proporre questo piatto, che sa scaldare anima e corpo.

Essendo una ricetta antica quasi non ci sono dosi, ma il risultato si ottiene ugualmente.
Qui dalle mie parti la neve ha fatto la comparsa sulle montagne e una cena a base di suscelle è stata semplicemente perfetta per questa stagione.

Qui trovate tutte le altre proposte delle regioni partecipanti

Trentino-Alto Adige:  Pane di molche (El Pam de molche) con le noci 
http://www.afiammadolce.it/2014/11/pane-di-molche-pam-de-molche-con-le-noci.html
  
Friuli-Venezia Giulia:  Goulash di oca alla friulana con polenta e frico croccante 
http://ilpiccoloartusi.blogspot.com/2014/11/goulash-doca-alla-friulana-con-polenta.html

Lombardia: Ravioli di zucca (Raviöi de ssüca)
http://kucinadikiara.blogspot.com/2014/11/ravioli-di-zucca-ravioi-de-ssuca.html

Veneto: Pearà
http://ely-tenerezze.blogspot.it/2014/11/peara.html

Valle d'Aosta: Budino di pane di segale http://atuttopepe.blogspot.com/2014/11/budino-di-pane-di-segalela-valle-daosta.html

Piemonte: Non partecipa

Liguria:  Ciuppin     http://arbanelladibasilico.blogspot.com/2014/11/litalia-nel-piatto-comfort-food.html


Emilia Romagna: Zuppa imperiale http://zibaldoneculinario.blogspot.com/2014/11/zuppa-imperiale-per-litalia-nel-piatto.html

Lazio: Minestra di ceci e castagne 
http://beufalamode.blogspot.com/2014/11/minestra-di-ceci-e-castagne-per-litalia.html

Toscana: Pappa al pomodoro http://acquacottaf.blogspot.com/2014/11/pappa-al-pomodoro.html

Marche: Olive all'ascolana http://lacreativitaeisuoicolori.blogspot.com/2014/11/olive-allascolana-ricetta-tipica-delle.html

Abruzzo:Scrippelle 'mbusse http://ilmondodibetty.blogspot.com/2014/11/scrippelle-mbusse-per-litalia-nel-piatto.html
  
Umbria: Zuppa di cecere http://amichecucina.blogspot.com/2014/11/zuppa-di-cecere-per-litalia-nel-piatto.html

Basilicata: Lagane e ceci
http://blog.alice.tv/profumodicannella/2014/10/31/lagane-e-ceci-infallibile-comfort-food/

Campania: Pettole e fagioli sfritte -http://www.isaporidelmediterraneo.it/2014/11/pettole-e-fagioli-sfritte.html

Puglia: Cavatelli, cozze e fagiolihttp://breakfastdadonaflor.blogspot.com/2014/11/cucina-pugliese-cavatelli-cozze-e.html

Calabria:Marzallette -http://ilmondodirina.blogspot.com/2014/11/marzallette.html

Sicilia: I taralli siciliani - http://burro-e-vaniglia.blogspot.com/2014/11/i-taralli-siciliani.html


Sardegna: NON PARTECIPA

e il Molise con U Suscelle




U Suscelle

Dose per 4 persone
  • 6 uova
  • una manciata di pane raffermo ridotto a mollica
  • una manciata di formaggio grattugiato misto ( parmigiano/ pecorino)
  • un ciuffo di prezzemolo tritato finemente ( omesso perchè non l'avevo)
  • sale
 Per il brodo
  • un litro di acqua
  • 1/2 bicchiere di olio extravergine di oliva
  • una costa di sedano
  • una cipolla
  • un pomodoro
  • sale q.b.
  • formaggio grattugiato a piacere
Preparate il brodo, sbucciate la cipolla, lavate il sedano e il pomodoro, mettete gli odori in una pentola, aggiungetevi l'acqua, fate bollire per venti minuti, salare.

Nel frattempo in una terrina battete le uova con il formaggio, unite la mollica di pane sbriciolata, un pizzico di sale e il prezzemolo tritato.

Amalgamate e versatelo a cucchiaiate nel brodo che bolle.

Mescolate con un cucchiaio di legno, fate cuocere per un altro paio di minuti fino a quando si sarà formato "u suscelle"; versatelo con il brodo nei piatti e mangiarlo cosparso di abbondante formaggio grattugiato.








Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

24 commenti:

  1. Con questo piatto le regioni sono vicine ognuno ha una sua versione da noi si chiama "pasta buttada" in altri stracciatella ecc. ma un denominatore comune...la bontà. Buona domenica

    RispondiElimina
  2. da me nel lazio si chiama stracciatella e mi ricordo benissimo quando mia nonna la faceva la domenica a pranzo... è un ottimo piatto comfort food :)

    RispondiElimina
  3. che meraviglia è da provare assolutamente, complimenti

    RispondiElimina
  4. Che delizia... una meraviglia!!!!!!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Questo piatto lo conosco, ricordo di una vacanza di quand'ero bambina. "Corfortevolissimo" direi!

    RispondiElimina
  6. Una minestra povera, corroborante, fa subito casa!!! Complimenti mia cara <3

    RispondiElimina
  7. Ciao Lori, sai che quando ero piccola anche mia mamma mi preparava una minestrina simile alla tua, una coccola incredibile.... un bacione a presto

    RispondiElimina
  8. Wow che piatto Loredana!!!! Fa proprio tanto comfort food...suscita ricordi, emozioni e ti riporta indietro nel tempo...complimenti cara!!!

    RispondiElimina
  9. Ah una minestra simile me la preparava anche mia nonna... e a me piaceva molto :D :D :D

    RispondiElimina
  10. Lory, la mia mamma la chiamava "la stracciatella"!
    Una goduria vera per me che amo più le zuppe e le minestre che i dolci! Bè che sò strana già lo sai! Un abbraccio strettissimo, buona settimana e buon pomeriggio!

    P.S. Quel pane accanto al piatto è uno spettacolo! Sei sempre bravissima!

    RispondiElimina
  11. Una minestra semplice, ma salutare e appetitosissima.

    RispondiElimina
  12. Anche da noi stracciatella, e confermo che scalda anima e corpo :-)
    A presto

    RispondiElimina
  13. uno quei piatti caldi e gustosi che ti fanno sentire in pace e tanto coccolati!
    un bacione

    RispondiElimina
  14. Buonissimo, comfort food allo stato puro! E' molto simile alla stracciatella - che adoro!

    RispondiElimina
  15. intanto grazie, per l'attenzione e la cura dei particolari dentro e fuori "casa" tua.
    detto ciò mi sento di dire, nel revival di antiche ricette, che questo è un piatto che mi fa apprezzare il bello del cambio di stagione.
    certo è che sarebbe bello stare assittata 'nsemmola, cioè insieme, vicine
    :*
    Cla

    RispondiElimina
  16. ma che bello e che emozione! questo piatto me lo faceva mia nonna d'inverno quando faceva freddo ma non pensavo avesse un nome suo era rimasto solo un ricordo tenero nella mia memoria ma non sapevo neanche bene come si facesse...grazie a te ora potro farlo assaggiare anche a mia figlia!
    bacioni
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono felice, Alice, alro che madeleines, noi andiamo di suscelle ;)

      Elimina
  17. buonissimo, anche qua si prepara ma viene chiamato stracciatella e il brodo è di carne.
    Preferisco questa versione, molto più delicata! mi raccomando salutami Parigi.... che bella vacanza! un bacione!

    RispondiElimina
  18. Assomiglia molto a una cosa che da noi in romagna si chiama "tardura" in dialetto (la tritura). E' perfetta per queste giornate grigie, noi la prepariamo spesso

    RispondiElimina
  19. potrei andare avanti a piatti come questo....e se ci riuscissi forse sarei anche magra!!

    RispondiElimina

Lascia un tuo commento se ti fa piacere :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...