mercoledì 18 giugno 2014

Pane semintegrale...perchè è una delle poche cose che riesco ancora a preparare

Periodo intenso e decisivo.
Non riesco a cucinare quasi nulla, trascorro tutto il mio tempo libero pulendo, sverniciando, pitturando, sistemando e vedendo crescere giorno dopo giorno un piccolo sogno condiviso davanti ai miei occhi.

Per ora continuerò a mantenere il segreto, ma solo per scaramanzia, ma presto spero di tornare in cucina, nella mia  a provare ricette e a godere del piacere di avere un blog.

Vi lascio l'ennesimo pane provato per la mia famiglia, ho una scorta esagerata di farina integrale e tocca smaltirla in qualche modo.

Questa ricetta viene direttamente da un gruppo di panificatori seriali, di facebook, è stata condivisa semplicemente , così come si fa tra vecchie amiche o nuove conoscenze al supermercato e con altrettanta facilità riesce, l'ideatrice è Stefi Rocchegiani, l'esecuzione, in questo caso, è mia.


Pane semintegrale
  • 300 g farina 0
  • 100 g farina integrale
  • 100 g semola rimacinata
  • 300 ml acqua + 50 ml
  • un cucchiaino di malto in polvere ( o sciroppo di malto o miele)
  • 50 g lievito madre attivo 
  • sale 10 g
Fare un autolisi impastando grossolanamente le farine con i 300 ml di acqua.
Dopo 30 minuti unire il malto, il lievito madre e altri 50 ml di acqua, lavorare per 10 minuti e aggiungere il sale.
Proseguire nella lavorazione per altri 5 minuti.

Lasciar riposare a temperatura ambiente per 2 ore, poi dare una serie di pieghe a tre a distanza di un'ora l'una dall'altra.
Dopo mezz'ora dall'ultima piega dare la forma a pagnotta e lasciar riposare in un cestino con un canovaccio spolverato di farina, con le pieghe rivolte verso l'alto.

Far lievitare per 5 ore e, una volta raddoppiato, cuocere in forno caldo a 240°C con un pentolino di acqua sul fondo e le pieghe in basso.
Dopo 15 minuti abbassare a 200°C, rimuovere l'acqua e proseguire la cottura per altri 30 minuti,proseguire per altri 15' con lo sportello a fessura, abbassando a 180°C.
Far raffreddare nel forno spento, sulla gratella.





Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

3 commenti:

  1. E' un pane perfetto ed io panifico poco ma amo accumulare ricette di vari tipi di pane.
    Grazie.

    RispondiElimina
  2. Ti capisco...sto anche io facendo fuori tutte le scorte di farina prima che arrivino le farfalline!
    Curiosa di sapere cosa ci nascondi!!!

    Un bacione

    RispondiElimina
  3. Un sogno vale più di tante altre cose... Ti aspettiamo e nel mentre ci gustiamo questo meraviglioso pane!

    RispondiElimina

Lascia un tuo commento se ti fa piacere :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...