giovedì 20 febbraio 2014

Biscotti molisani al miele 'I core

Eccoci, puntuali come un orologio svizzero, al consueto appuntamento de L'Italia nel Piatto.
Ci sono stati alcuni cambiamenti all'interno del gruppo e, per questo mese, alcune regioni non saranno presenti.
Intanto vi annuncio il tema di questa uscita: Con un poco di zucchero...
Non è un tema accattivante? Per me si.
Cominciamo il consueto giro d'Italia dai colleghi e colleghe e godiamocelo:


e il Molise  con questi dolci tradizionali.




'I core
  • un kg di farina 00
  • 2 uova
  • 100 g di zucchero
  • 500 gr di miele
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato
 In un'insalatiera battere le uova con lo zucchero, unire  il miele sciolto,lasciato raffreddare a temperatura ambiente; aggiungere tanta farina quanta ne assorbirà il composto ( circa un chilo) e quindi il bicarbonato.


Amalgamate bene fino ad ottenere un impasto piuttosto consistente, versatelo sulla spianatoia e lavoratelo per un pò, quindi aiutandovi con il matterello infarinato, stendetelo in uno sfoglia spessa come un dito.
Ritagliate dei biscotti usando un apposito stampo in legno oppure semplicemente degli stampi da biscotti.

Porre su carta forno e cuocere in forno caldo a 180° per 8'.


Questi biscotti sono dolci ormai scomparsi, che solo per amore della tradizione qualcuno ancora usa preparare a Jelsi.

Per ottenere la forma venivano utilizzati degli appositi stampi in legno , dalle forme diverse e con disegni geometrici, di gusto orientale, quasi a confermare l'origine bulgara di questo paese, come ha proposto fondatamente lo studioso Vincenzo D'Amico.
La Cucina Molisana - Vol II

Questi stampi sono oramai introvabili, ma ho voluto ugualmente provare la ricetta, adattandomi con degli stampi ad estrattore.
Devo ammettere che il disegno impresso sulla superficie non è rimasto molto inciso, non so se per la lievitazione determinata dal bicarbonato o per la poca profondità dell'incisione stessa dello stampo.

Resta comunque un dolce sano, semplice e dal sapore "antico".

Nella ricetta originale non si usava la farina zero, ma " a 'ndra mmappe", semola più doppia ottenuta dalla seconda setacciatura della farina.










Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

25 commenti:

  1. Ma che belli, e che onore riuscire a riproporre ricette di un tempo che stanno scomparendo dalla nostra tradizione culinaria. Sicuramente sono dolci sani e piacevoli, in controtendenza....come ci piace essere anche a noi!!!

    RispondiElimina
  2. Sono bellissimi e sicuramente deliziosi!! Bravissima Loredana!!

    RispondiElimina
  3. sono venuti benissimo con questo stampo ;) ottimi biscottini al miele!

    RispondiElimina
  4. Secondo me è una ricetta favolosa da proporre, così hai riportato alla luce una di quelle ricette che ahime stanno scomparendo. Bravissima e come sempre complimenti per la realizzazione

    RispondiElimina
  5. Che belli sono Lory, biscotti che profumano di dolci ricordi, d’infanzia e di nonne.
    Mi piacciono un sacco con il miele, voglio proprio farli questo ween end
    Grazie di aver condiviso questa ricetta, ho del semolato di kamut mi sa che provo con quello :)
    Un bacione, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lory scusa quanto zucchero?
      Manca nella lista degli ingredienti. Thanks :)

      Elimina
    2. Anche io pensavo mancasse lo zucchero, poi pensandoci bene ci sta un bel miele dorato, dolce, battuto insieme alle uova e credo non ce ne sarà bisogno. Mi piace anche il tuo stampino.. un nuovo elegante conio per questi biscotti antichi. Bellissimi

      Elimina
    3. Federica, niente zucchero per questa ricetta, il miele dolcifica abbastanza! :)

      Elimina
    4. Garzie Lory :)
      Mi è venuto il dubbio perchè indicato nel procedimento

      Elimina
    5. Hai ragione Fede, ho ricontrollato la ricetta, mancavano 100 g di zucchero, grazie per la tua attenzione.
      Perdona la mia scarsa memoria, ma preparo le ricette con molto anticipo e alla fine dimentico tutti gli ingredienti se non me li scrivo esattamente :)

      Elimina
  6. Magnifici, davvero magnifici! Credo che li proverò, mi piace tanto la presenza del miele :)
    Bello anche lo stampo che hai usato.

    RispondiElimina
  7. l'appuntamento con l'Italia nel piatto è fisso ogni 20 del mese, qui da te c'è la garanzia di leggere ricette tutte da copiare! biscotti buonissimi!!!

    RispondiElimina
  8. che belle queste ricette quasi dimenticate, io le adoro, tutte da riscoprire un bacione

    RispondiElimina
  9. Una ricetta antica, che grazie a te non andrà persa, brava!
    Un bacione

    RispondiElimina
  10. Che belli con tutti questi cuoricini.. Lasciamene un po che domani arrivo a prendermene un bel saccone...

    RispondiElimina
  11. Che bella ricetta, biscotti antichi e che bello quello stampino! Me li vedo "pucciati" nel caffè a fine pranzo o cena, sarebbero perfetti! Buona serata!

    RispondiElimina
  12. Ciao Lori, ma hanno un aspetto delicatissimo questi biscotti, sono belli ed eleganti, posso solo immaginare quanto saranno buoni! Bacio a presto

    RispondiElimina
  13. Ciao...non ho mai capito come funziona, cerco di attivare il cervello e capirne di più: per ora "mi accontento" dei tuoi biscotti! Un bacio cri

    RispondiElimina
  14. A dir poco eleganti e raffinati pur nella tradizione popolare, bravissima Lory!!!!un bacione e complimenti per la tua apparizione tv perfetta e professionale!!!! <3

    RispondiElimina
  15. Bellissimi, poi febbraio e' il mese dei cuori.
    Complimenti per la trasmissione sei stata bravissima.
    A Presto

    RispondiElimina
  16. sicuramente sono biscotti d'altri tempi ...quel gusto di antico, di cibo semplice che solo il miele sa dare... bellissimi così decorati, il bicarbonato a mio parere è il colpevole!!! un bacione grande!

    RispondiElimina
  17. ma che belli! devono essere veramente buonissimi! Ti sono venuti un incanto! e bello anche lo stampino!

    RispondiElimina
  18. Lory...questi biscotti antichi sono di una raffinatezza unica e sicuramente di una bontà che spesso solo le ricette di una volta sanno dare!
    un bacione

    RispondiElimina
  19. Semplicemente deliziosi. Da sgranocchiare piano piano per gustarne il vero sapore. Un abbraccio

    RispondiElimina

Lascia un tuo commento se ti fa piacere :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...