lunedì 18 novembre 2013

Frascatielle, larde e petresinere ovvero una pasta inaspettata tra Molise e Basilicata per Mangiare Matera


Un concorso a cui non ho saputo resistere.

L'assaggio l'avevo già avuto con una selezione di prodotti lucani, adesso al pensiero di quel pane , quelle farine e quella pasta, mi sono tuffata a capofitto.

Ad ospitare l'iniziativa è sempre lei, Teresa De Masi, e, ancora una volta, ha saputo rendere tutte noi partecipi di prodotti di eccellenza quali quelli di Mangiare Matera.

Come prima ricetta sperimentata, ho voluto proporre una preparazione piuttosto particolare, che prevede una farina ottima, visto che il piatto si basa tutto su quello.

Ho utilizzato la farina di semola di grano duro Cappelli di Vero Lucano e la differenza l'ho notata e apprezzata.



Frascatielle
per 4 persone
  • 500 gr farina di semola di grano duro, per me Senatore Cappelli
  •  acqua q.b.
Versate la farina sulla spianatoia, allargatela  e, con le mani grondanti , spruzzatela di gocce d'acqua, si formeranno tante pallottoline di diverse dimensioni; strofinatele sulla spianatoia con le mani, raccoglietele con la "schiumarola" e liberatele, scuotendole in un setaccio, della farina superflua.

Ripetete questa operazione più volte, fino a quando tutta la farina sarà diventata "frascatielle".
Una volta setacciati, versateli su un vassoio cosparso di semola, allargateli e lasciateli asciugare ( se non li consumate subito) si conseveranno bene, seccando leggermente all'aria, fino al giorno successivo.

Porre sul fuoco una pentola con abbondante acqua, salatela e appena raggiunge il bollore versare la pasta, scolateli brodosi e conditeli.


Condimento alla Campobassana
Con questo condimento ho voluto omaggiare la mia città di origine, era tradizione annegare i "frascatielle" con un abbondante condimento a base di lardo, profumato dal prezzemolo:
  • olio extravergine d'oliva
  • lardo di prosciutto a pezzi
  • prezzemolo fresco
Versare l'olio e il lardo in una "fressora" , padella, e lasciarlo scaldare e soffriggere dolcemente.

Una volta scolata la pasta versarla nella padella e mescolare ( ricordarsi di non sgocciolarla completamente dall'acqua di cottura), cospargere con abbondante prezzemolo e gustare.


Altri condimenti
Un condimento basico è, semplicemente, dell'ottimo formaggio pecorino, mescolato ai frascatielle brodosi.
E' possibile condirli anche con olio , aglio e peperoncino, oppure con ragù o brodo di gallina e abbondante formaggio grattugiato.




  Con questa ricetta partecipo a Mangiare Matera

http://www.scattigolosi.com/2013/10/mangiarematera-un-nuovo-concorso-tutto.html


Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

18 commenti:

  1. Queste paste tradizionali e rustiche mi piacciono un sacco! Devo assolutamente provarle set cascatielle...ma si fanno anche in brodo?

    Bacioni e buon lunedì
    Silvia

    RispondiElimina
  2. Intendevo ovviamente frascatielle!

    RispondiElimina
  3. Le frascatielle noi non le conoscevamo, non mi sembrano difficili da preparare e la voglia di mettere le mani in pasta c'è sempre, specie se si parla di pasta fatta in casa, un rito per noi. Ti confesso però che non potrei replicare anche il condimento, Luca lo apprezzerebbe, ma ho dei problemi con il lardo.
    Buona settimana e buona cucina, Loredana
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  4. Ciao Lory, ricette super semplice ma se fatta con quei prodotti sicuramente gustosissima! Il condimento alla campobassana?! una bomba di bontà!

    RispondiElimina
  5. Fantastico piatto!!Semplice bello ma soprattutto buono.

    RispondiElimina
  6. Ecco che non si smette mai di imparare!
    Una tradizione che ne richiama un'altra e... cosa volere di più? La Lucania c'è e la battuta è di bassa lega ma veritiera!
    Brava Loredana.
    Buona giornata.
    Nora

    RispondiElimina
  7. Delizioso! Un piatto gustoso e d'effetto che non conoscevo ma che mi piace un sacco :)

    RispondiElimina
  8. ho conosciuto una tradizione del quale non sapevo nulla, brava

    RispondiElimina
  9. La conosco questa tipologia di pasta, la faceva un'amica di mia madre e in genere era con il brodo di carne.
    Il condimento che hai scelto, mi piace molto.

    RispondiElimina
  10. Ciao Lori!
    Che spettacolo questa ricettina e il condimento con il lardo dev'essere squisito ^_^
    Grazie per essere passata a trovarmi, un bacione

    RispondiElimina
  11. Un piatto assolutamente sconosciuto per me, ma che mi ha conquistato al primo sguardo.. e non oso immaginare l'assaggio!
    Mi piacciono moltissimo queste paste fatte solo di farina e acqua, dove si riesce davvero ad apprezzare l'incredibile qualità della materia prima :)

    RispondiElimina
  12. mai sentite io, ma adesso che le ho viste non le dimentico.... anche se mi accontento di guardarle da te... io mica sono capace!!
    ciao lori, menomale che sono ammalata così riesco a fare un bel giretto....

    RispondiElimina
  13. Loredana, ma dove stai di preciso di casa?
    perchè se ha un posticino io arrivo, mi piazzo seduta a tavola e aspetto .... perchè qualsiasi cosa tu proponi a me mi piace assai!
    baci grossi
    Sandra

    RispondiElimina
  14. Le frascatielle ..non le avevo mai sentite, grazie per avermi fatto conoscere un piatto della tradizione di cui ignoravo l'esistenza!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  15. La preparazione di questa pasta è semplicemente affascinante, sa di magia! Grazie per avermi fatto conoscere le frascatielle, assolutamente da provare!

    RispondiElimina
  16. Certo che leggere *sempre lei...* fa un certo effetto. Roba che una si chiede... "e cosa ho fatto stavolta?" :D
    In bocca al lupo per il concorso.:)

    RispondiElimina
  17. Loredana, rileggendo questa ricetta mi è venuta in mente zia Italia, la mastra pastaia di casa, molisana di Campobasso, com'era molisana mia nonna :) mi piace assai assai per mille motivi!!!!
    a prestissimo
    Rosa Maria

    RispondiElimina

Lascia un tuo commento se ti fa piacere :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...