lunedì 20 maggio 2013

Frittata di asparagi selvatici per L'Italia nel piatto

Stavolta noi de L'Italia nel piatto siamo andate per i campi, a cercare erbe, fiori, piante che potessero essere utilizzati nelle ricette regionali.

Sono sicura che ogni regione ha ricette con erbe spontanee tipiche, che magari non saremmo neanche più in grado di conoscere o riconoscere, ed è un vero peccato perdere certi saperi antichi.

Nel Molise esistono tante ricette che utilizzano erbe: c'è l'insalata di cardonie ( carlina acaule), tipica delle montagne di Frosolone, Macchiagodena e Campitello, raccolta tra giugno e luglio;
poi c'è l'insalata campestre in cui venivano utilizzate le cime di lycnis, della famiglia delle cariofillacee, conosciute come "cicorielle"; la caccialepre, erba usata nel Basso Molise, di cui sono ghiottissime le lepri, appartenente alla famiglia delle Composite, e la dafne, erba volubile che si trova avvolta intorno alle spighe di grano.
Per non parlare delle frittate fatte utilizzando le "tanne vitacchie", ovvero le cimette della vitalba, utilizzate anche in insalata, così come il "piederosso", ovvero l'amaranta, che cresceva tra le pietre, con la prima parte del fusto di colore rosso e si consumava stufata.

Ci sarebbero ancora da citare gli orapi ( specie di spinaci che crescono dai 1200 ai 2000 metri, di solito in prossimità degli stazzi), la precacchia , erba che cresce nelle vigne, proprio sotto le viti, così come la senape, erba particolarmente amara utilizzata nei giorni di virgilia.

E tra erbe , fiori e piante non si possono dimenticare gli asparagi selvatici, crescono tra le piante di asparagina e richiedono un occhio molto allenato per riuscire a vederli.
Io sono un disastro, una volta una collega mi ha coinvolto in una passeggiata finalizzata a questa raccolta e, dopo un pò, lei ne aveva un bel mazzetto e io cinque-sei...per fortuna esistono i mercatini e i contadini che ti offrono dei bei fasci di asparagi , questo è l'unico modo, per me, per procurarmeli.

Queste sono le altre regioni d'Italia che sono andate per campi, passate da tutte loro e rifatevi gli occhi:


  • e il Molise con la Frittata di asparagi selvatici.


Guest blog per il mese di Maggio per la  Campania il blog Miele e Vaniglia - Polpettone in Crema di Latte con Fiori di Finocchio Selvatico ed Erbe Aromatiche




Frittata di asparagi selvatici

  • un mazzetto di asparagi selvatici
  • 8 uova
  • 50 gr di pancetta ( avevo un pò di lardo di Colonnata da finire)
  • 1/2 bicchiere di olio evo
  • un ciuffo di prezzemolo
  • sale q.b.
Potete procedere in due modi per questa ricetta o lessando prima gli asparagi, a mezza cottura oppure seguire il procedimento che riporto di seguito.

Pulire e lavare gli asparagi, porli in padella insieme alla pancetta tritata e ad un pò di olio e farli cuocere a fuoco moderato, salandoli leggermente ed aggiungendo un pò di acqua, se necessario.



Quando gli asparagi saranno quasi cotti e l'acqua del tutto evaporata, aggiungetevi le uova battute con il prezzemolo tritato, il sale e, se vi piace, anche una manciata di formaggio grattugiato.


Scuotete spesso la padella in modo che le uova si rapprendano uniformemente e la frittata non si attacchi al fondo, poi aiutandovi con un coperchio, giratela e fatela dorare uniformemente anche dall'altro lato.




Il mercatino



Questa ricetta è per l'appuntamento de L'Italia nel Piatto 
con il Molise

Non dimenticate che è possibile partecipare al nostro giochino,  su Fb

ECCO COME SI PARTECIPA:
  1. Osservate bene tutte le ricette che noi posteremo il 20 di ogni mese.
  2. Scegliete quella che più vi piace o che è nelle vostre corde e della vostra regione.
  3. Rifate la ricetta e scattate una foto al vostro piatto.
  4. Se avete un blog postatela e venite a segnalarla su uno dei nostri blog oppure lasciando un link sulla pagina Facebook della rubrica. Se non avete un blog inviatela tramite email, corredata di foto, a qualcuno di noi partecipanti "storici" a scelta vostra (ognuno di noi ha i propri contatti esposti nel blog): sarà nostra cura venire a riproporla qui su Facebook.
  5. I partecipanti devono citare e linkare il blog dal quale hanno preso la ricetta che ripropongono e devono esporre nella ricetta il banner e linkare alla pagina Facebook de L'Italia nel piatto.
  6. Avete tempo fino al 7 del mese successivo per presentare la vostra rielaborazione (es. appuntamento del 20 aprile, tempo per presentare la vostra rielaborazione entro il 7 maggio).
  7. Renderemo nota qui su Facebook la ricetta vincitrice. Chi vince sarà contattato anche via email e sul suo blog se ne possiede uno.
COSA SI VINCE?
Innanzitutto tutte le ricette partecipanti avranno visibilità per la propria ricetta, che verrà pubblicata qui sulla nostra pagina in un apposito album. Ma l'autore/trice della ricetta giudicata da noi vincitrice avrà la possibilità di partecipare all'evento del mese successivo. Il vincitore/trice sarà contattato/a per tempo per venire informato sul tema dell'appuntamento del mese successivo al quale parteciperà insieme a noi.

Aspettiamo le vostre "ricette rifatte" ;)







Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

29 commenti:

  1. che buoni gli asparagi selvatici! la tua frittata è invitantissima e mi ha fatto venire l'acquolina in bocca: altro che spuntino di metà mattina!!!

    RispondiElimina
  2. Quanto vorrei saperle riconoscere tutte quelle belle erbette spontanee che hai nominato. E pure riuscire a trovare un bel mazzetto di asparagi selvatici, la mia passione con la frittata. Un panino con questa meraviglia per me è un pranzetto da re :D bacioni, buona settimana

    RispondiElimina
  3. Anche io la faccio così, senza sbollentare l'asparago che perderebbe parte del suo sapore altrimenti! MI piace l'aggiunta della pancetta nella tua versione!!
    Con le "viticelle" o "vitaglie" ci facciamoo frittate e frittelle.

    RispondiElimina
  4. ottima! le adoro queste frittatineeeee

    RispondiElimina
  5. amo le frittate in tutte le loro declinazioni...che meraviglia l'abbinamento con gli asparagini!!!!

    RispondiElimina
  6. un'altra bella frittata! saporitissima e da provare! ciaooo

    RispondiElimina
  7. Ma quante belle erbette hai nominato... peccato che io non ne sappia riconoscere neanche una!! Sono un vero disastro in questa cosa.
    E infatti non sono riuscita a trovare gli asparagi, ma quelli forse proprio perché non c'erano... dai, quelli ce la potevo fare a riconoscerli... :-)
    Di solito non amo molto le frittate, ma la tua sembra ottima. La assaggerei proprio molto volentieri.

    RispondiElimina
  8. Sono appena passata da Eva e non posso che provare anche la tua ricetta perchè ho già l'acquolina in bocca solo a veder le tue foto!! Bravissima Loredana, un bacione

    RispondiElimina
  9. anche nella frittata sono buonissima e poi ti è venuta una meraviglia

    RispondiElimina
  10. arrivo subito a mangiare quel panino! Un abbraccio Helga

    RispondiElimina
  11. mi piace, questo mese abbiamo utilizzato gli stessi ingredienti, io per un primo e tu per questa buonissima frittata, baci

    RispondiElimina
  12. Che bontà!!!! Bravissime!!!

    RispondiElimina
  13. Loredana cara, ti faccio i complimenti non solo per la ricetta e le immagini che sono davvero sublimi, ma anche per tutta la parte di informazioni riguardanti l'uso delle erbe della tua bella regione! grazie di cuore!

    RispondiElimina
  14. Praticamente mangio solo questi asparagi, perchè quelli coltivati non mi piacciono li trovo nauseanti. Mio padre appena inizia la stagione ne raccoglie tantissimi e poi li congela così quando arrivo a casa Pancia mia Fatti Capanna.
    La mia ricetta preferita??? Ma la frittata, of course, esattamente come la tua!
    Un bacione Lory ♥

    RispondiElimina
  15. favolosa la tua frittata!!!
    E grazie anche per tutte le informazioni che ci hai dato sulle erbe della tua regione.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Questa la frittata che fa impazzire mio marito. Veramente buona, complimenti.

    RispondiElimina
  17. Ciao! io la faccio sempre quando è periodo di asparagi selvatici, me li regalano, nn ho mai aggiunto niente, la pancetta sarebbe una buona idea x cambiare!!A me piace andare a raccoglierli... e ne trovo parecchi!!!
    ci vuole ''occhio'' ahaaha si mimetizzano! :-)
    Ciao Dany :-)

    RispondiElimina
  18. noi li chiamiamo viticelle, sono buonissimi e la "morte loro" è in frittata!

    RispondiElimina
  19. Lory mi hai fatto morire.... io avevo un po' di lardo di colonnata... E tesoro mio.E' proprio questo che fa la differenza. Altro che frittata, qui si parla di signora frittata! E anche io sono imbranata a cercar erbe. Sono nata e cresciuta in città... e in campagna ci sono arrivata già da adulta!!! Comunque grazie al fatto di abitare qui che ho potuto constatare la bontà degli asparagi selvatici!!! Bacione e rimettiti prestoooo

    RispondiElimina
  20. Anch'io a parte i fiori di finocchio non ho mai raccolto nessun'erba e confido sempre nel "vignarolo" come si dice a Roma per prendere la verdura genuina.
    La tua frittata mi piace moltissimo e con gli asparagi selvatici è divina :)
    http://mieleevaniglia.blogspot.it/

    RispondiElimina
  21. eh...sapessi io che frana sono a cercar erbe nei campi....solo asparagi selvatici e rucola riconosco!
    e che dire di questa frittata con asparagi...beh con il lardo di colonnata...lo sento da qui il profumino che emana!
    bacioni

    RispondiElimina
  22. Ciao cara Lori, come stai? hai confezionato una stupenda frittata. E come ho già scritto ad altre, vado matta per gli asparagi di qualunque tipo siano. Bacio spero di sentirti presto

    RispondiElimina
  23. Ciao Loredana tutto bene? spero che tu stia meglio proprio ieri sera ho preparato una tua ricetta per il gioco di Flavia...sempre una gran soddisfazione..come questa ricetta ..ma hai visto che ottima cottura e che spessore...le mie sembrano suole da scarpe, dovrò leggere e rileggere questo post per cercare di acquisire la tecnica , buona convalescenza! un bacione

    RispondiElimina
  24. la favolosa semplicità delle ricette antiche!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  25. Lory che meravigliaaaaaaaa!!! Foto meravigliose come sempre! <3
    una ricetta super gustosa che mangerei all'istante e che potrei pure rifare se vado nel bosco una giornata forse 10 asparagi li trovo (mi sa che siamo uguali nella ricerca degl'ingredienti in natura :P)
    bravissima davvero!
    bacioni

    RispondiElimina
  26. Ciao Lori, ma come stai? Ora andrò su fb per vedere se hai lasciato tue notizie. Intanto qui c'è la tua n.3
    http://arbanelladibasilico.blogspot.it/2013/05/le-lasagne-di-pane-carasau-cioe-lori-n3.html
    bacione

    RispondiElimina
  27. Mmm una ricettina semplice semplice, ma buonissima! In mezzo al pane sciapo poi :P
    Ahahah m'hai fatto morire con la storia del raccolto degli asparagi ahahah

    RispondiElimina
  28. girando per i campi qui cosa potrei trovare?
    le cacche dei cani, forse....
    quelle lì però le devo raccogliere io personalmente, non le vendono al mercato...
    un bacio, e bentornata!

    RispondiElimina
  29. anche aTrieste si usa, ma sai che quest'anno non l'ho mai preparata?

    RispondiElimina

Lascia un tuo commento se ti fa piacere :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...