mercoledì 6 marzo 2013

Tarallini di recupero


L'idea di questi tarallini mi è venuta quando mi è avanzata una gran quantità di impasto di un rustico.

Ho pensato che, considerando gli ingredienti, il risultato non avrebbe dovuto essere tanto diverso dai tarallini al vino.

L'unica accortezza è nel mantenere lo spessore molto sottile e la cottura prolungata.


Tarallini con pasta di recupero

Questo tipo di pasta è utilizzabile come una sfoglia per rustici 
Se si fa apposta per questi tarallini dimezzare le dosi .
  • 500 gr farina 00
  • 100 gr di sugna
  • 3 uova
  • 50 ml vino bianco ( o poco più se dovesse servire)
  • sale qb
  • Latte e zucchero di canna per decorare.

Impastare tutto e lasciar riposare coperto sotto un canovaccio pulito e inodore per almeno 30 minuti.

Fare dei salsicciotti sottilissimi e chiuderli ad anello.
Spennellare con del latte, passare nello zucchero di canna e porre su carta forno.

Cuocere in forno caldo a 180° fino a quando non saranno ben dorati.



Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

37 commenti:

  1. io amo i taralli...e questi mi sembrano davvero ottimi!!!brava

    RispondiElimina
  2. Una gran bella idea sfiziosa di recupero. Quella copertura zuccherosa attira come una calamita :D! Un bacione, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sorry!!! Son torda lo so ma...che significa V.M.?!?!?

      Elimina
    2. Vietato ai minori :)

      Elimina
  3. che buoni che sono li adoro ma sono pigra, non li faccio mai ahahah

    RispondiElimina
  4. Recupero o no, li vedo invitanti.
    Buona giornata, cara.

    RispondiElimina
  5. Ma che fantastica idea Loredana!
    Bravissima :)

    RispondiElimina
  6. Alla faccia, cara Lory! Sarebbe recupero questo?! Troppo belli questi tarallini. E le foto parlano da sole! Ma complimenti e buon mercoledì tesoro!

    RispondiElimina
  7. Sono veramente sfiziosi. Bravissima Loredana, altro che di recupero!!!! Ciao.

    RispondiElimina
  8. non ci sarei mai arrivata....i tarallini al vino sono buonissimi, ottimo recupero ;-)

    RispondiElimina
  9. Che buoni devono essere, Loredana! :D Ci proverò, io sono una fan dei tarallini... sai? :D Complimenti, bravissima come sempre :) Un abbraccio e buona giornata :**

    RispondiElimina
  10. WOW! ho tutti gli ingredienti compresa la sugna, fatta da mia nonna ^_^!!! Non vedo l'ora di rifarli BACIIIII ♥♥♥

    RispondiElimina
  11. Mmmm adoro i tarallini al vino, poi con lo zucchero di canna sono ancora più buoni! :P
    Brava Lori, sono contenta che ti stia riprendendo, anche se un po' a fatica...
    ti abbraccio forte forte ♥

    RispondiElimina
  12. Quanto sono buoni i taralli!!! I tuoi sono fenomenali, complimenti! :)

    RispondiElimina
  13. Adoro i taralli e i tuoi hanno un aspetto fantastico! un bacione cara

    RispondiElimina
  14. Ah, i taralli!!! Recupero geniale :D

    RispondiElimina
  15. Veramente complimenti per l'ottima idea di recupero! sono bellissimi, viene voglia di impastare solo per provarli! io poi adoro i taralli, se inizio non mi fermo più!!
    ciao a presto
    Francy

    RispondiElimina
  16. Un riciclo (o recupero) davvero meraviglioso, farei solo questi anche senza passare dal rustico....adorabili le foto!

    RispondiElimina
  17. ma noooooo, non vale questi sono "uno tira l'altro" e poi dici l'ultimo biscotto per finire il vino e poi metti ancora vino per finire l'ultimo biscotto...non ce ne usciamoooooo ahahahahah
    <3 love
    Cla

    RispondiElimina
  18. un recupero magnifico! questi tarallini sono veramente sfiziosi, mi intrigano molto :-P un abbraccio cara!

    RispondiElimina
  19. Il ragazzo di mia sorella è un vero esperto ne ha fatti di alcuni davvero buoni! Ci dovremmo provare anche noi..... ;) baci

    RispondiElimina
  20. Buonissimi Loredana :-) complimenti :-)

    RispondiElimina
  21. devono essere davvero ottimi! ne mangerei in quantità illimitate :)
    un bacione cara!

    RispondiElimina
  22. Risposte
    1. E' il grasso del maiale, utilizzato come se fosse olio o burro, quindi per cucinare e negli impasti.Detto anche strutto.

      Elimina
  23. Ma che buoni..voglio assaggiarne uno!

    RispondiElimina
  24. Bravissima,in cucina si recupera tutto.

    RispondiElimina
  25. Oh Lory... fortuna che sono un recupero! Sei davvero creativa e bravissima! Leggere tra gli ingredienti la sugna mi ha fatto balzare indietro di 30 anni, quando da piccina vedevo mia nonna tirare fuori il suo barattolo tutto bianco in cui erano immerse quelle salsicce, di cui purtroppo non ho mai più ritrovato il sapore... che bei ricordi! Anche per questo sempre grazie Lory, sei speciale!
    Un abbraccio stretto! ^___^ Any

    RispondiElimina
  26. E io che stavo per fare colazione con tè e biscotti! Adesso m'è venuta voglia di mangiarmi questi tarallini con il vino, ma come si fa alle 8 di mattina?? Niente, per oggi dovrò accontentarmi...

    RispondiElimina
  27. Che bello recuperare le cose ....ma immagino che questi tarallini uno tira l'altro.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  28. questo è un recupero, ma non si dovrebbe dire, perchè all'apparenza non sembra proprio! Ottimi! Bacioni Helga

    RispondiElimina
  29. Ma dai... con la sugna :-) Mio suocero se li vede me li chiede subito eheheh BAcioni

    RispondiElimina
  30. Ottimi..da fare apposta altro che recupero...

    RispondiElimina
  31. Quanto mi piacciono i taralli! Devo provare anche questa variante!

    RispondiElimina

Lascia un tuo commento se ti fa piacere :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...