lunedì 25 aprile 2011

bignè rustico alla stracciata e gamberi

Il mio papà ha compiuto 70 anni e per festeggiarlo degnamente siamo andati in un ristorante dove abbiamo goduto della compagnia, del servizio e della buona cucina...il menù a base di pesce mi ha dato degli ottimi spunti...questo era un di quelli:

Bignè rustico  con stracciata e gamberi

  • Stracciata
  • Gamberi
  • Olio
  • Brandy
  • Sale

Per i bignè salati:
( dose per 50 bignè piccoli)
  • 150 gr farina MANITOBA + quella per infarinare
  • 120 gr burro
  • 5 uova
  • un pizzico di sale
  • 350 gr di acqua
Versate l'acqua in una casseruola, unire il sale, poi il burro, mettere sul fuoco, portare l'acqua a bollore e mescolare di tanto in tanto.
Levate dal fuoco e unire all'acqua la farina, facendola cadere da un setaccino, mescolando rapidamente  per evitare che si formino grumi.
Rimettere la casseruola su fuoco basso finchè l'impasto si staccherà dalle pareti del recipiente e dal cucchiaio.
Inoltre il composto dovrà leggermente sfrigolare e sulle pareti della casseruola si dovrà formare una leggera patina bianca.

Togliete dal fuoco e fate raffreddare, poi incorporare il primo uovo e amalgamare con cura ,unire le altre uova  (potrebbero bastarne 4 se grandi) sempre uno alla volta  facendolo incorporare bene prima di unire il successivo.
Alla fine si avrà una pasta liscia e vellutata che cade a nastro dal cucchiaio.
Mettere in una sac a poche e fare dei bignè della grandezza desiderata direttamente sulla carta forno.

Cuocere in forno caldo a 200° per circa 20'.
Dovranno risultare gonfi , dorati e leggeri.
Per controllare che siano cotti al punto giusto toglierne uno dal forno e controllare l'interno, dovrà essere asciutto e rappreso, nel caso prolungare ancora la cottura coprendo con un foglio di alluminio.


Una volta freddi aprirli a metà, farcire con abbondante stracciata.















Nel frattempo pulire i gamberi,

lessarli in acqua per pochi minuti, privarli del carapace e metterli in una pentola con un pò di olio EVO, far rosolare e spruzzare con del brandy, farlo sfumare,

salare e posizionare sulla stracciata due gamberi, chiudere leggermente e servire subito.

Con questa ricetta partecipo al contest di  Molino Chiavazza

Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

8 commenti:

  1. Ma tu sei un fenomeno!!! Ogni tua ricetta mi piace un sacco! Complimenti. Da provare anche questa.
    Bacio ;-)

    RispondiElimina
  2. Sono un'idea molto golosa : ) Ma... Lori cos'è la stracciata? E con che cosa la sostituisco se non la trovo? Un abbraccio Francesca!

    RispondiElimina
  3. Ciao Francesca, la stracciata è una mozzarella a "stracci" mischiata con della panna, qui si trova direttamente al banco dei formaggi, se non la trovi falla tu tritando la mozzarella oppure una burrata e mischiando un pò di panna da cucina. Ciao loredana

    RispondiElimina
  4. Complimenti, una vera prelibatezza. Grazie e in bocca al lupo.

    RispondiElimina
  5. Qui da me non trovo certo la stracciata, ma optero' per la mozzarella come suggerisci in un commento precedente.
    Grazie della bellissima idea!

    RispondiElimina
  6. Devono essere buonissimi. Complimenti!

    RispondiElimina
  7. Deve essere squisito!!!Grazie per lo spunto!Un bacione!

    RispondiElimina

Lascia un tuo commento se ti fa piacere :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...