lunedì 20 ottobre 2014

Lasagne di farina di solina alla pecorara per l'MTC

Questa sfida per l'MTC mi ha visto particolarmente affannata, più del solito, se possibile, ma determinata a partecipare a tutti i costi.
Perchè?
Semplicemente perchè all'MTC si impara da  chi propone la sfida, ma anche dagli altri e questa sfida in effetti mi ha permesso di saldare un vecchio conto in sospeso con sfoglia e mattarello.
Dai tempi delle tagliatelle mi era rimasto il dubbio di sapere se ero io ad essere completamente impedita con gli impasti a mano o semplicemente erano loro a non amarmi.

Grazie alla sfida di Sabrina ( solo per me Annamaria) pace fatta con sfoglie, tavole e mattarello, ma soprattutto la possibilità e il piacere di cercare il legame con il territorio utilizzando una farina: la Solina, tipica di queste parti.


La "Solina" è un particolare tipo di grano tenero coltivato in alcuni Comuni montani della provincia dell'Aquila, localizzati all'interno del territorio del Parco Nazionale del Gran Sasso.Per le sue caratteristiche è adatta alla coltivazione con i metodi dell'agricoltura biologica, in quanto non richiede elevati apporti di azoto e riesce a competere con le erbe infestanti, non rendendo così necessario il ricorso al diserbo chimico.
In tutto l'Abruzzo interno quando si parla di grano (le rène, lo rano) s'intende la Solina.
Essendo un grano resistente e di facile coltivazione, in passato ha costituito la base dell'alimentazione popolare , il profumo della pasta e del pane realizzato con questa farina è unico ed ancora impresso nella memoria degli anziani.
Dopo un periodo in cui era quasi completamente scomparsa, sta vivendo una nuova età dell'oro.

La sua origine antica è tramandata anche da alcuni detti popolari("ogni grano torna a Solina" e "la Solina è la mamma di tutti i grani") che ne esaltano le caratteristiche organolettiche del frumento: si sostiene infatti che, "quella di Solina" è superiore a  tutte le farine.
Esistono anche documenti storici in cui si ha traccia di questo particolare grano, quali alcuni atti di compravendita del 1500 stipulati presso la Fiera di Lanciano e in un testo di fine ‘700, il saggio di Michele Torcia Pel paese de' Peligni che così recita "Non dimenticheremo il pane di Popoli che non la cede se non al solo di Teramo in tutta laMonarchia...Il pane a Popoli esce dal grano solino...".  


Notizie prese dal web


 
Il fondatore del mulino, anticamente a pietra , sullo sfondo Catelvecchio Subequo
Sono andata a cercare questa farina direttamente in un piccolo mulino a conduzione familiare, di Castelvecchio Subequo, ho parlato con il nipote del titolare che continua, nonostante la difficoltà del momento ad appassionarsi al proprio lavoro.
Il mulino è passato dalle macine a pietra a quelle meccaniche, ma la passione è la stessa.
La solina utilizzata è coltivata tutta nella della provincia dell'Aquila, in particolare a Prezza.



Lasagne con farina di solina alla pecorara  

Dose per 4 persone

Per la pasta

  • 100 g farina di solina
  • 200 g farina di semola
  • 3 uova intere da allevamento a terra

Per il ragù alla pecorara

  • 250 g tra vitello, maiale e agnello macinati
  • Carota piccola
  • Sedano mezzo gambo
  • Cipolla piccola
  • 100 ml di vino Montepulciano
  • Passata di pomodoro circa un litro e mezzo
  • Una zucchina
  • Una melanzana piccola
  • Un peperone rosso
  • Olio extravergine di oliva
  • Sale pepe

Per la besciamella al pecorino

  • 1 lt latte intero
  • 60 g burro
  • 75 g farina 0
  • Pecorino grattugiato 100 g

Cacioricotta di vacca grattugiato per completare il piatto



Preparare la sfoglia


 
Preparare la sfoglia mescolando le due farine, fare una fossetta e sgusciarvi le uova, mescolare con una forchetta e , lentamente iniziare a far assorbire la farina.
Lavorare energicamente fino ad avere un impasto omogeneo.
Coprire con una ciotola o un canovaccio e lasciar riposare per 30 minuti.





Trascorso questo tempo cospargere il piano con della farina di semola e iniziare a stendere l’impasto con un matterello lungo e sottile, fino ad avere una sfoglia spessa un paio di millimetri ( per me anche meno).
Ritagliare delle sfoglie rettangolari, cospargere con semola e tenerle da parte.






Preparare il ragù

 
In un tegame di coccio versare l’olio, unire il trito di sedano , carota e cipolla e far soffriggere dolcemente.
Aggiungere le carni tritate, far rosolare, sfumare con il vino e farlo evaporare.
Versare la passata e lasciar cuocere fino a quando non affiorerà l’olio.
Non aggiungo sale utilizzando una passata già salata al momento della preparazione.

(La passata che utilizzo è preparata dalla suocera, cotta direttamente sul fuoco ed ha un sapore unico che, da solo basta a rendere un piatto speciale.)






Nel frattempo lavare e asciugare le verdure e tagliarle a julienne, versarle in una teglia da forno, coprire con abbondante olio , sale e pepe.
Cuocere in forno caldo a 180°C per 25 minuti.




Preparare la besciamella

Scaldare il latte fin quasi al bollore.
Sciogliere il burro in un pentolino, lontano dal fuoco unire la farina setacciata e mescolare energicamente con un cucchiaio di legno, unire il latte bollente poco alla volta, rimettere sul fuoco e continuare a mescolare, quando inizia ad addensarsi aggiungere il pecorino grattugiato e far sciogliere.
Salare se occorre.

Lessare le sfoglie di pasta in acqua salata in ebollizione, passandole rapidamente in acqua ghiacciata e mettendole ad asciugare su un canovaccio pulito.

Preparare una teglia versando sul fondo un mestolo di ragù fare uno strato con le sfoglie, coprire con ragù, besciamella e le verdure, proseguire fino ad aver esaurito tutte le sfoglie.
Terminare con ragù, besciamella e verdure.




Cuocere in forno caldo a 180°C per 20’/25’.

Una volta pronto far riposare qualche minuto in forno caldo, al momento di servire cospargere con il cacioricotta grattugiato.






 Con questa ricetta partecipo all'MTChallenge di ottobre 2014

 

Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

15 commenti:

  1. Grazie per tutte le informazioni dettagliate che fanno da contorno al tuo magnifico primo.

    RispondiElimina
  2. che meraviglia riuscire a trovare queste piccole aziende che portano avanti con passione bellissime tradizioni e grazie ancora una volta per avermi parlato di qualcosa di nuovo. Per non tralasciare il risultato semplicemente eccezionale per questa lasagna coloratissima, che sa di antico e decisamente invitante. Un abbraccio Helga

    RispondiElimina
  3. che buone! le tue performance per l'MTC sono sempre superbe! un abbraccio, Laura

    RispondiElimina
  4. Fantastica la farina che ti invidio e perfetti gli abbinamenti di sapori per una lasagna che conquista subito.
    Le sfoglie sono perfette, direi, e per le foto posso solo rosicare!
    Brava, come sempre, Lori!
    Baci
    Nora

    RispondiElimina
  5. A me queste lasagne così rustiche, con questi sapori antichi fanno impazzire!!!!
    Poi sono le 11.15... cioè...sono un attentato alla sopravvivenza!!!
    Bravissima Loredana, come sempre!!!

    RispondiElimina
  6. Cara Loredana, oltre a farti i complimenti per la magnifica ricetta, devo anche ringraziarti di avermi fatto conoscere una cosa nuova: la solina.
    :*

    RispondiElimina
  7. Conosco quella farina e mi piace molto, così come la tua lasagna che sa di sapori di ieri che mi evocano tanti ricordi.

    RispondiElimina
  8. loredana la lasagna è tradizione e con questa meraviglia mi hai conquistata
    anche la mia sarà tradizionale
    stupenda e che bella farina foto spettacolari

    RispondiElimina
  9. Hai proprio ragione: nell'MTC è bello imparare da chi lancia la sfida, ma anche dagli altri sfidanti. E oggi da te scopro la farina di solina e anche questo condimento favoloso!
    Affannata, ma sempre bravissima!

    RispondiElimina
  10. Mai sentita nominare...ora tocca che quando vengo a trovarti debba andare anche al mulino!!! Avevo letto male...non ragù alla pecorara, ma ragù di pecora, non trovando la pecora ho capito!!!

    RispondiElimina
  11. Io sono per metà abruzzese...e con questa lasagna mi hai fatto fare un tuffo nel passato e nei ricordi più belli che ho dell'infanzia!!! Grazie di cuore!!!

    RispondiElimina
  12. tesoro quella porzione di lasagna è talmente allettante che la divorerei anche a quest'ora!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  13. Passare qui da te mi riappacifica sempre con le ricette del territorio che spesso sono più che maltrattate, per cui grazie 😘

    RispondiElimina
  14. senti, te la faccio breve. io ti lovvo, a prescindere.
    E stasera, un pochino di più ;-)

    RispondiElimina
  15. Interessantissima la storia della farina, ma vogliamo parlare delle lasagne?
    Urlano "mangiami!" nonostante non siano ancora le 9 del mattino.
    Parliamone ;)

    RispondiElimina

Lascia un tuo commento se ti fa piacere :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...