domenica 27 maggio 2012

Golosi anche senza glutine:Gelato al sambuco, limone e yogurt con biscottini ai fiori di sambuco


Oggi è la giornata dedicata alla celiachia, per questo io e un folto gruppo di blogger abbiamo deciso di contribuire dandovi un piccolo vademecum su come comportarsi con un celiaco a cena...grazie a Stefania di Cardamomo e co
Premesso che la celiachia è una malattia e non un capriccio, l’unica cura possibile, ad oggi, è... l’astensione dai cibi glutinosi!
Dico ciò perché si capisca bene che chi è celiaco è COSTRETTO a mangiare senza glutine e non gli fa piacere, perché è molto dannoso per il suo organismo. Quindi ci sono cibi IN (permessi) e cibi OUT (vietati). La cosa più semplice da fare è preparare un menù che possa andare bene per tutti, così non vi stresserete a preparare più pietanze, con risultati, il più delle volte deludenti. Per preparare cibi che possano mangiare tutti, quindi anche i celiaci, bisogna sapere quali sono i cibi consentiti e quelli vietati.

Per preparare cibi che possano mangiare tutti, quindi anche i celiaci, bisogna sapere che ci sono cibi permessi e cibi vietati.

I cibi PERMESSI sono:

  • CEREALI:

    • riso (di tutte le varietà) e tutti i suoi derivati (la sua farina, la crema, i fiocchi)

    • mais e tutti i derivati (farina, polenta)
    • miglio, quinoa, grano saraceno, tapioca, sorgo, teff e tutti i loro derivati
    • soia e tutti i suoi derivati (anche se in realtà è un legume)
    • la fecola di patate (quindi le patate, anche se non sono un cereale e come tutti i tuberi sono consentiti)
  • LEGUMI:
    • tutti: (fagioli di tutti i colori, fave, soia di tutti i colori, lenticchie di tutti i colori, piselli, ceci in qualsiasi forma cioè anche sotto forma di farine)
  • CARNE
    • tutta
  • PESCI
    • tutti
  • LATTICINI
    • latte vaccino, caprino, di soia, di riso
    • burro, panna e panna acida
    • latte condensato
    • latte di cocco
    • tofu
  • FRUTTA E VERDURA:
    • tutta quella fresca e surgelata se non infarinata o panata
    • frutta secca a guscio
  • BEVANDE:
    • acqua (anche soda e tonica)
    • tè e caffè
    • succhi di frutta
    • alcolici e superalcolici puri
  • ALIMENTI SPALMABILI E CONDIMENTI
    • nutella
    • miele, sciroppo di acero e melassa
    • burro d’arachidi
    • confetture e marmellate
    • aceto (anche balsamico, ma non le creme)

I cibi VIETATI sono:
  • CEREALI
    • grano
    • kamut
    • avena
    • orzo
    • segale
    • triticale
    • malto di questi cereali
  • LEGUMI
    • anche se i legumi non contengono di per sé glutine, tuttavia se sono prodotti in stabilimenti dove sono prodotti cereali con glutine non possono essere usati per i celiaci.
    • legumi in scatola, se non espressamente consentiti
  • LATTICINI
    • latte di malto, di avena e quelli aromatizzatiù
    • formaggi spalmabili, se non espressamente consentiti
    • crema pasticcera
    • dessert a base di latte e alcuni yogurt
  • CONDIMENTI
    • salse pronte (maionese, salsa rosa, ecc. se non espressamente consentite)
    • salsa di soia (soltanto una è permessa ed è il Tamari reperibile presso Naturasì)

A rischio!
Però in questo elenco sommario, mancano una serie infinita di prodotti che non posso elencare perché vanno per marca. Ad esempio il cioccolato di per sé andrebbe bene, ma alcune marche non sono consentite. Uguale cosa per alcune salse pronte, alcuni yogurt, alcuni gelati, alcune patatine, alcuni salumi, ecc. ecc., ma anche le stesse farine prive di glutine se prodotte in stabilimenti dove c’è contaminazione, diventano proibite e così via… Insomma l’elenco è infinito.
Come fare a sapere allora se un alimento è consentito?
Un modo abbastanza semplice c’è! Basta leggere attentamente le etichette! Adesso poi la normativa prevede che deve essere scritto a chiare lettere e infatti nei prodotti esteri è sempre specificato se può contenere tracce di glutine. Infine, se un prodotto porta la spiga sbarrata sulla sua confezione è certificato dall’AIC ed è garantito per i celiaci.
Anche se l'elenco può sembrare lungo c'è un modo abbastanza semplice per capire se un cibo è senza glutine. Basta leggere attentamente le etichette! Adesso poi la normativa prevede che sia scritto a chiare lettere e, nei prodotti esteri, è sempre specificato se può contenere tracce di glutine. Infine, se un prodotto porta la spiga sbarrata sulla sua confezione è certificato dall’AIC ed è garantito per i celiaci.
REGOLE PER EVITARE CONTAMINAZIONI in casa
1. Lavare mani, superfici, utensili sporchi di farina, possibilmente in lavastoviglie e accuratamente;
2. Usare la carta forno per le teglie e tutti quegli utensili (come piastre) dove hanno cotto cibi col glutine;
3. Se volete cucinare la pasta per un celiaco, l’acqua deve essere pulita, il cucchiaio con il quale mescolate la pasta senza glutine a parte, il sale nuovo o comunque non quello contaminato dal cucchiaio “sporco” di acqua della pasta col glutine;
4. Evitare di infarinare i cibi, anche quelli degli altri, così eviterete grande fonti di stress; se proprio dovete non mettete nella stessa padella o teglia le due preparazioni;
5. se usate una griglia e avete della carne impanata, grigliate prima quella del celiaco (senza panatura) e poi tutto il resto;
6. non addensare salse, ecc. con farina. Usate la fecola per tutti e sarà più semplice!
7. non appoggiate il cibo su cibi col glutine o dove sia stato cibo col glutine. Ad esempio il pane del celiaco non mettetelo insieme a quello col glutine o nello stesso contenitore anche senza che l’altro sia presente;
8. anche per l’olio di frittura valgono le stesse regole, prima friggete il cibo senza glutine e poi tutto il resto; in ogni caso non utilizzate quello già usato in precedenza contaminato!
9. Se avete dei dubbi sulla composizione dei cibi… non usateli!


                                                                 *************
     
Pronti per mangiare i fiori??

Avete trascorso l'ultimo fine settimana a passeggiare per la campagna e a raccogliere quello che nessuno raccoglie?...no, non parlavo di quelle chiazze marroni , tanto utili a concimare la terra, sicuramente meno utili alle nostre scarpe, parlavo dei fiori di sambuco.

A me piacciono moltissimo , con quell'odore così particolare sanno rendere unico qualunque preparazione, una volta ne ho fatto anche marmellata, questa volta , invece, ho utilizzato gli avanzi della preparazione dello sciroppo e , direttamente, lo sciroppo.

Tutto, si fa per dire, per partecipare alla raccolta delle (St)Renne che questo mese sono scese in campo con i fiori in cucina e io non potevo non sbizzarrirmi.

Con gli avanzi dello sciroppo ( qui) ho realizzato dei biscottini glutenfree per accompagnare un gelato allo sciroppo di sambuco.

Accoppiata perfetta.


Biscottini ai fiori di sambuco e farina di riso
  • 10 fiori di sambuco lasciati a macerare per 24 ore  in acqua , zucchero, succo di limone e limone a fette ( leggere qui)
  • 250 gr di farina di riso
  • 125 gr di burro freddo
  • 110 gr di zucchero
  • 6 gr di lievito
  • 1 uovo intero
Versare la farina, fare la fontana al centro, unire il burro freddo a pezzetti, lo zucchero, l'uovo, i fiori di sambuco sgranati dai rametti.

Mescolare bene tutto fino ad avere un composto omageneo,

Avvolgere in una pellicola e far riposare in frigo per almeno 30'.

Stendere allo spessore di 4 mm, tagliare con uno stampino a forma di fiore .

Cuocere a 180° per 12'-15'.

Conservare in una scatola di latta.



Gelato al sambuco, yogurt e limone
(Il grande libro dei gelati e dessert di Farrow-Lewis)

Per 6 porzioni
  • 4 tuorli d'uovo
  • 50 gr zucchero semolato
  • 10 gr maizena
  • 300 ml latte
  • scorza grattugiata di 1 limone bio
  • 50 ml di succo di limone
  • 150 ml si sciroppo di sambuco ( per la ricetta leggere qui)
  • 170 gr yogurt greco
  • 150 ml panna montata
Montare i tuorli in una ciotola con lo zucchero, la maizena e un pò di latte.

Versare il latte rimanente in un  tegame dal fondo spesso, portare ad ebollizione, quindi versateci sopra il composto di tuorli, girando continuamente, lontano dal fuoco.

Rimettere sul fuoco e cuocere a fuoco lento, girando continuamente finchè non si addensa.
NON FATELO BOLLIRE O POTREBBE IMPAZZIRE.

Versate la crema in una ciotola , aggiungere scorza e succo di limone.
Unirelo sciroppo di sambuco e mescolare delicatamente.

Coprire la superficie della crema a contatto con della pellicola.

Lasciar raffreddare e conservare in frigo , anche per una notte.

Per chi non possiede una gelatiera:
Sbattete lo yogurt e la panna e incorporateli alla crema.

Versate il composto in un contenitore e congelare per 3-4 ore, mescolandolo un paio di volte quando si addensa.

Versare in coppette individuali e di nuovo in frigo finchè sarà pronto per essere servito.

Con la gelatiera:
Incorporate lo yogurt e la panna alla crema fredda , trasferire nella gelatiera e far andare finchè non si addensa.
Versare in coppette e lasciare in freezer.

Lasciare 30 ' nel frigo prima di servire, decorare con biscottini ai fiori di sambuco.







 Con questa ricetta partecipo alla raccolta delle (St)Renne Grazie dei fior

e qui trovate le altre ricette gluten free
                                                     Assaggi di viaggio: Pancakes con farina di mais 
           agrodolce:polpette


Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Lamponi e Tulipani



Invio questa ricetta a Stefania del blog Crema e panna





invio volentieri questa ricetta al Cookie Contest
e al contest Colora la tua fresca estate di Tina e VickyArt in collaborazione con Casa Bianca Piacenza



Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

40 commenti:

  1. Mi dispiace, non sapevo niente di oggi. Al solito sono sempre un po' fuori dal mondo altrimenti avrei aderito più che volentieri. C'è ancora troppo pregiudizio intorno alla cucina gluten-free e senza motivo. Io continuo ad ammirare la tua produzione con i fiori di sambuco e metto da parte. Si sa mai che un anno abbia una botta di fortuna e trovi dei fiori commestibili ^_^ La foto con il collo della bottiglia è bellissima. Un bacione, buona domenica

    RispondiElimina
  2. Che MERAVIGLIAAAAAAAAAAA ma quanto mi piace questa ricetta!!
    un baciuzzo

    RispondiElimina
  3. bellissima idea e complimenti per la ricetta davvero gustosa, fiori di sambuco??? non ci ho mai pensato a usarli

    RispondiElimina
  4. Sono un pò "incasinati" i link, ma per fortuna altre blogger li hanno specificati meglio, bella iniziativa, forse tenuta un pò nascosta..la celiachia dovrebbe essere più apertamente pubblicizzata..io li uso i fiori di sambuco, da sempre in tutte le preparazioni, dolci e salate, brava mammà, sempre in prima fila ;-)

    RispondiElimina
  5. ma che buono!!! e che idea originale per usare il sambuco :)

    RispondiElimina
  6. Te lo scrissi ieri per lo sciroppo, te lo ripeto oggi: ti invidiooo!!! Per il secondo anno consecutivo mi sono persa la fioritura del sambuco e questa volta non posso recriminare perchè sono io il catorcio! Vorrà dire che serberò la ricetta di sciroppo e di gelato per l'anno venturo!
    Nora

    RispondiElimina
  7. Una ricetta davvero particolare... ma hai "lavato" o "trattato" prima i fiori di sambuco li hai utilizzati direttamente?
    di nuovo complimenti anche per la fotografia.
    buona domenica
    terry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ho lasciato i fiori immersi in acqua, poi li ho scolati, sgrondati e tamponati con carta da cucina, l'importante è raccoglierli in zone lontane dal traffico!

      Elimina
  8. Grazie per aver parlato della celiachia prendendo spunto della giornata gluten free. Io ammiro il tuo blog per questo, perchè non ti limiti a dare solo ricette.Questa che ci hai appena fornito è molto carina, la presentazione le rende giustizia. Buona domenica!!

    RispondiElimina
  9. e poi complimenti per le tue innumerevoli e meritaterrime vincite.
    sempre ricette strepitose!!
    <3

    RispondiElimina
  10. Cara Loredana questa ricetta è davvero super! Il gelato lo avevo fatto anch'io, eraun sorbetto, ma i biscotti... che meraviglia, soprattutto usando quelli che ho sempre considerato scarti.. fantastica

    RispondiElimina
  11. Sento sempre nominare questo sambuco, ma non l'ho mai provato! non conoscevo questo blog!! Contenta di vedere un bel piatto senza glutine in una presentazione meravigliosa!

    RispondiElimina
  12. Quante informazioni preziose nei tuoi due ultimi post e che ricette golose e particolari. Sei bravissima! Buona settimana, Laura

    RispondiElimina
  13. Davvero interessante la parte sul glutine e sulla celiachia, c'è sempre da imparare!!! i tuoi fiori sono stupendi!! brava!!

    RispondiElimina
  14. è c'è da aggiungere una sfilza di cibi confezionati.. pensa che io devo anche eliminare, oltre al glutine, alcune carni, pesce e ortaggi, olio e sale... se po' fa'?? :) pasienza! grazie per la ricetta! molto particolare con i fiori, quante cose si possono fare! c'è sempre da imparare! ciao cara e grazie!

    RispondiElimina
  15. Ciao Loredana!! grazie per aver partecipato al mio contest! vai di ricette per la colazione.....tanto i dolci della colazione si mangiano anche a merenda no?! grazie mille e a prestissimo!! (ps: questi biscottini sono deliziosi *_* )

    RispondiElimina
  16. Un post utilissimo, grazie Lori, i biscotti comunque sono buoni per tutti! Bacio buona settimana

    RispondiElimina
  17. Questo post è interessantissimo... e i tuoi biscottini al sambuco sono una vera delizia!!! ...il gelato poi... ed io che conoscevo solo le frittelle di sambuco!!! :)

    RispondiElimina
  18. Ciao Loredana grazie per la splendida ricetta!notte

    RispondiElimina
  19. Ciao Loredana, ho utilizzato solo una volta i fiori di sambuco per fare dei biscotti all'olio d'oliva, ma erano quelli secchi e ho anche faticato per trovarli qui a Roma!!
    Considerato che a me erano piaciuti lo stesso anche se secchi, immagino quanto siano deliziosi i tuoi biscottini con i fiori freschi fatti macerare nello sciroppo e anche il gelato, molto particolare!
    Baci.

    RispondiElimina
  20. Meraviglioso tutto!!!
    baciusss

    RispondiElimina
  21. Noto che questo fine settimana sia io che tu ci siamo date alle stelle, chissà come mai?!?!? Comunque la ricetta dei biscotti è già rubata! Il gelato faccio un salto in gelateria ahahah :"> smack!!!
    P.S. Il tema della celiachia è troppo sottovalutato, fortuna che c'è la rete a tenere vivo il problema!

    RispondiElimina
  22. Sambuco? Che idea..attorno a noi ve ne è tanto ma non l'ho mai usato.. ma mi ha sempre incuriosita..ora studio e mi rifaccio per bene seguendo le tue indicazioni di questo e degli altri post.
    Grazie per l'abbraccio, l'ho sentito veramente forte!
    Si barcolla ma non si molla! <3

    Ciao Jé

    RispondiElimina
  23. Bravissima Loredana per questo post con indicazioni utili e intelligenti!
    Purtroppo la celiachia è una malattia e si sta anche diffondendo rapidamente!
    Che belli i biscottini!! E il gelato... deve avere un gusto molto particolare e sfizioso!
    Ps: le chiazze marroni?? Ahahahah sei troppo forte
    Bacissimiii

    RispondiElimina
  24. grazie per questo post è interessantissimo

    RispondiElimina
  25. ...io non ho certo bisogno di andare in campagna per trovare taaaaaaante chiazze marroni, che qui ne è piena la città (e avendo due cani, un maritozzo raccoglitore inde-fesso di chiazze e una considerevole voce del bilancio familiare dedicato ai sacchetti raccogli-chiazze capirai che mi girano abbastanza per l'incivilità altrui!!!).......
    di fiori di sambuco invece nemmeno l'ombra, ma devo proprio cominciare a frequentare di più la campagna perché certe ricette non vanno fatte cadere nel vuoto!

    :*
    roberta

    RispondiElimina
  26. oddio... mi sono infervorata sulla chiazza e ho dimenticato di lodare l'iniziativa. ho una cognata celiaca e anche alcuni amici ed è davvero una malattia che condiziona pesantemente la vita.
    per fortuna molto è cambiato ultimamente, ma anche grazie ad iniziative "piccole" ma di grande significato come queste, che devono continuare ad esserci per sensibilizzare tutti e per fare capire che si può mangiare e cucinare benissimo e senza frustrazioni anche gluten free.

    baciii
    roberta

    RispondiElimina
  27. Un'inziativa bellissima, di grande importanza. Ho visto molte delle ricette e devo dire che è stata celebrata con grande attenzione. La tua ricetta è incredibilmente originale. Che dire di quel gelato....sto vedendo in giro il sambuco e sono affascinata da questa pianta. I biscottini mi piacciono da impazzire e servito così il gelato è un signor dessert. Complimenti come sembre, sei grande! Bacione, Pat

    RispondiElimina
  28. brava Lore, una bellissima preparazione (anzi due). Purtroppo io il sambuco non lo trovo... :(
    So cosa vuol dire cucinare senza glutine per via della malattina (morbo di Crohn) di un cugino... quando mi viene a trovare son "dolori" per me che non sono abituata a stare attenta alle contaminazioni! Pensa un po' chi deve farlo tutti i giorni...
    Quindi ben vengano iniziative del genere. Un abbraccio

    RispondiElimina
  29. Ciao Loredana, contraccambio la visita. Anche tu hai fatto il gelato? Devo provare questo con il sambuco, io l'ho fatto con la melissa. Bel blog. Mi aggrego ai tuoi lettori. Al prossimo post. Ciao

    RispondiElimina
  30. WOOOOW Lory! Magnifiche ricette! Ho assaggiato una volta sola il gelato al sambuco e ancora ne ricordo il sapore. Una cosa inebriate. Ok lo voglio subitissimo!!!
    :-D
    Ah no niente cose marroni grazie :-DDD

    RispondiElimina
  31. Ahah mi piacciono queste cose alla carramba che sorpresa :D a volte con tutti questi blog ci si confonde!! ps: anche i tuoi sandwich di biscotto sembravano deliziosi, qui li avrebbero divorati!!! <3

    RispondiElimina
  32. Una guida utilissima! Quest'inverno anche io ho dovuto far mangiare mio figlio senza glutine perchè risultato intollerante: non è stato facile all'inizio abituarsi ma poi mi sono resa conto che questa dieta ha fatto bene anche agli altri componenti della famiglia.
    Ora, pian piano lo abbiamo reintrodotto.
    Questi biscottini devono essere fantastici (lavorare la farina di riso non è neanche tanto facile): inseriti nel mio contest!

    RispondiElimina
  33. Bellissimi i tuoi fiori! Grazie per la visita :)

    RispondiElimina
  34. Riesco a passare solo ora, non me ne volere, ma ti ringrazio infinitamente per aver aderito all'iniziativa e per aver creato questa meraviglia!
    Ti ho aggiunta all'elenco! :*

    RispondiElimina
  35. Accoppiata vincente! Già ieri avevo letto questa meraviglia, ma non ero tanto in vena di lasciare un commento. Hai sempre idee fantastiche bacione H.

    RispondiElimina
  36. grazie mille per la ricettina cara!!! che originale :)

    RispondiElimina
  37. Ciao, scusa ma burro....quanto???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per avermi segnalato la svista, aggiungo subito!!

      Comunque 125 gr per 250 gr di farina di riso!

      grazie per la tua attenzione!

      Elimina
  38. Ricetta raffinatissima di cui mi pare di avvertire il dolce sapore da qui!

    RispondiElimina

Lascia un tuo commento se ti fa piacere :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...