lunedì 12 dicembre 2016

GRISSINI ALLA BIRRA E ALLE CIPOLLE CON ESUBERO DI LIEVITO MADRE

Una ricetta, questa, modificata strada facendo .
Come sempre ho preso spunto dal web e poi  ho perso il filo, come sempre si faccia avanti chi riconosce la propria creatura, se ancora visibile dopo le mie aggiunte e modifiche.

Mi piace non sprecare il lievito madre, ne rinfresco sempre troppo e anche il pane sta diventando sempre più raro dalle mie parti, una pagnottina riesce a sopravvivvere per oltre una settimana e spesso vengono ritrovati i resti fossili stratificati nel pensile dedicato alla conservazione del pane.
Il temerario esploratore è sempre il maritino che, nel suo giorno libero, pensa bene di rendere un servigio a tutta la family mettendosi a frugare tra i vari cartocci.
Una volta ha tirato fuori ben sette sacchetti a vari stadi di decomposizione, si andava dal semplice pane secco come un mattone, ai panini da buffet tramutatisi in panini da show horror con tanto di occhi, branchie e abbozzi di arti.

Questo ha , come dire, bloccato la mia vena da panificatrice compulsiva, lasciandomi però il problema della gestione del lievito in esubero.
Ho capito che c'è qualcosa a cui i miei non sanno resistere, per la quale non hanno bisogno di inviti all'assaggio : i salatini, di qualunque tipo e forma, tondi, lunghi, a quadratini, purchè sia roba salata e croccante.

Ecco allora ancora una ricetta che è stata bissata e ribissata e rifatta ancora, un vero classico a casa mia.



GRISSINI ALLA CIPOLLA
Dose per due teglie da forno
  • 200 g farina 0
  • 100 g semola rimacinata di grano duro
  • 150 g lievito madre in esubero ( anche dopo un paio di giorni dal rinfresco)
  • 140 ml birra ( o vino bianco se non vi trovate in casa la birra)
  • 60 g olio extravergine di oliva
  • 6 g sale
  • 2 cipolle piccole
  • 4 cucchiai di acqua
  • 2 cucchiaini di zucchero di canna
  • 2 cucchiai di aceto balsamico
Sbucciate le cipolle e affettatele finemente.
In una padella versare l'acqua, le cipolle, l'aceto e lo zucchero e lasciar cuocere a fuoco moderato fino a quando le cipolle non risulteranno morbide , se occorre unire altra acqua, fino a quando non si avrà la cottura giusta.

Frullare tutto e tenere da parte.

Nella planetaria versare il lievito madre e scioglierlo con la birra e l'olio, unire le farine, il sale e le cipolle frullate.

Se il composto dovesse risultare appiccicoso aggiungere altra semola, se troppo duro altra birra e olio.

Stendere allo spessore di 5 mm e ritagliare dei bastoncini, adagiare su cartaforno e cuocere in forno caldo a 200°/220°C per 20'.

Conservare in una scatola di latta.




Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

7 commenti:

  1. Anche a casa mia apprezzerebbero molto questi salatini, un pò la stratificazione dei pani😂😂

    RispondiElimina
  2. Ho recentemente realizzato anche io dei grissini, e trovo che sia un modo speciale per impiegare l'esubero...proverò prossimamente anche questa tua intrigante versione!
    Buonissima giornata

    RispondiElimina
  3. Anche io faccio come te. Parto e poi cambio in corso d'opera, ma il bello è proprio questo, prendere, modificare e riproporre.
    Ovvio che prendo spunto. I tuoi grissini hanno un bell'aspetto. Baci

    RispondiElimina
  4. SCUSA, MA NON HANNO BISOGNO DI LIEVITARE?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non occorre la lievitazione.

      Elimina
  5. da noi il poco che avanda finisce ai passerotti... guai sprecare il lievito madre, e questi grissini mi ispirano da mtti, tutti sapori che adoro e che quindi proverò a fare al più presto. ti abbraccio!

    RispondiElimina

Lascia un tuo commento se ti fa piacere :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...